Spettacolo Richard Jewell, l'eroe buffo e obeso di Eastwood

ANSA

30.4.2020 - 15:05

On demand il film sull'attentato al Centennial Olympic Park

ROMA, 30 APR – Non perdete 'Richard Jewell', la storia del trentenne sovrappeso che vive ancora con la mamma e si considera un tutore della legge, anche se svolge per lo più lavoretti di piccola sorveglianza. Lontano mille miglia dall'ispettore Callaghan e dalla sua 44 Magnum, è lui l'inedito eroe dell'ultimo film di Clint Eastwood, già in sala con la Warner, e dal 30 aprile disponibile in Video on demand su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten TV, PlayStation Store, Microsoft Film & TV (e dal 14 maggio anche su Sky Primafila, Infinity e VVVVID).

Eroe buffo, infantile, inadeguato, zelante soldatino pieno di impacci e inutili certezze, sarà proprio Richard (Paul Walter Hauser) durante le Olimpiadi del 1996 a dare l'allarme quando scoprirà uno zaino sospetto abbandonato sotto una panchina. Una cosa che limitò i danni dell'attentato del 27 luglio al Centennial Olympic Park e che rese Richard Jewell, suo malgrado, l'eroe che aveva sempre sognato di essere, oltre che l'orgoglio della protettiva madre (Kathy Bates, l'unica di questo grande film ad essere stata candidata all'Oscar). Una celebrità, la sua, che come si vede nel film di Eastwood durerà ben poco per ribaltarsi in incubo.

Dopo pochi giorni, infatti, l'aspirante candidato alle forze dell'ordine diventa il sospettato numero uno dell'FBI, diffamato sia dalla stampa che dalla popolazione. Dalla sua parte solo l'avvocato indipendente Watson Bryant, (Il premio Oscar Sam Rockwell), mentre contro di lui l'investigatore capo dell'FBI (Jon Hamm), e Kathy Scruggs (Olivia Wilde) la rampante giornalista dell'Atlanta Journal-Constitution. (ANSA).

Tornare alla home page

ANSA