Sharon Osbourne sul biopic di Ozzy: «È un film per adulti»

CoverMedia

13.8.2020 - 13:11

La moglie/manager del leggendario rocker ha in mente un audience preciso per l’imminente film.

Non è un film per bambini quello che racconterà la vita di Ozzy Osbourne. Lo assicura sua moglie Sharon, che insieme al loro figlio Jack, ha aiutato a sviluppare il progetto sulla star dei Black Sabbath.

«Non è come le altre storie», dice la 67enne al Rolling Stone. «Non è tipo: “rock & roll, pazzia, e ora nonno!”. È molto più che questo».

A parere della giudice di X Factor non è un film come «Bohemian Rhapsody», che racconta la storia di Freddie Mercury e dei Queen.

«Capisco perché l’hanno fatto in quel modo: è destinato ad una generazione più giovane», dice Sharon sul film con protagonista Rami Malek. «È pulito, e attira tutta una generazione che non aveva mai ascoltato i Queen. Dunque, facendo questo, è fenomenale. Ma non credo che sia un grande film… È stato fatto in modo “carino” perché doveva vendere».

Un concetto completamente differente da quello che caratterizza il biopic di Ozzy.

«Il nostro film è molto più reale. Non vogliamo che sia pulito, limpido. Non è fatto per bambini. È un film adulto fatto per adulti».

Nessun ulteriore dettaglio sul progetto, a parte una precisa timeline.

«Andiamo dal 1979 al 1996. Non posso dire altro, ma il film è in via di sviluppo», ha rivelato Jack.

Tornare alla home page

CoverMedia