Spettacolo

Valeria Bruni Tedeschi lesbica sul set: «Che tensione il sesso lesbo»

CoverMedia

30.8.2019 - 16:34

Source: Covermedia

Nel film di Dominik Moll «Seules les betes», l’attrice interpreta il ruolo di Evelyn, una moglie depressa che ritrova la passione con Marion, un’altra donna.

Valeria Bruni Tedeschi ha sfilato sul red carpet del 76esimo Festival di Venezia per il film d’apertura delle Giornate degli autori, “Seules les betes” di Dominik Moll.

Nella pellicola l’attrice interpreta il ruolo di Evelyn, una moglie depressa che ritrova la passione con Marion, un’altra donna:

«È la mia seconda love story gay – ricorda come riporta il sito del Sussidiardio –. La prima fu a teatro con “Le lacrime amare di Petra von Kant” di Fassbinder. Il regista pretendeva che le scene d’intimità accadessero davvero, anche se nel buio. Non è stato facile. E nemmeno sul set di Moll. Non per l’omosessualità in sé ma perché l’erotismo è difficile da esprimere. Uomo o donna, il turbamento è lo stesso».

L’unica arma resta l’ironia.

«La tensione è così forte che bisogna sdrammatizzare. L’idea che si tratta di lavoro non basta. Riderci su è il modo migliore per superare l’imbarazzo».

Nella vita reale però Valeria Bruni Tedeschi oscilla tra immaginario e pragmatismo.

«Ho bisogno della forza del sogno ma anche della quotidianità. Condividere con chi ami le piccole cose, il caffè del mattino, fare la spesa insieme, è l’allegria dell’amore. Per questo non riesco a capire le relazioni su Internet. Mi spiace quando vedo i miei figli curvi sugli schermi, isolati da tutto. Cerco di distoglierli in qualsiasi modo da quell’ipnosi malefica».

Tornare alla home page

CoverMedia