Zayn Malik accusato di avere aggredito la madre di Gigi Hadid

Covermedia

29.10.2021 - 09:40

Zayn Malik

La separazione è avvenuta dopo un litigio tra il cantante e la madre della top model, Yolanda Hadid.

Covermedia

29.10.2021 - 09:40

Zayn Malik e Gigi Hadid non stanno più insieme. A causare la rottura tra i due, genitori di una bambina di 13 mesi, Khai, sarebbe stato un violento litigio tra l’ex One Direction e la madre della top model.

Una fonte ha rivelato a People: «Non stanno insieme al momento. Anche se entrambi si stanno comportando da buoni genitori. Yolanda è ovviamente molto protettiva nei confronti di Gigi. Vuole il meglio per sua figlia e per sua nipote».

Come riporta TMZ, pare che Yolanda abbia persino preso in considerazione l’ipotesi di denunciare Zayn, 28, per averla colpita. Poco prima che la news venisse pubblicata, Malik si è rivolto ai social per raccontare la sua versione dei fatti.

Il cantante ha inoltre rilasciato un comunicato a TMZ in cui ha «categoricamente smentito» di aver aggredito Yolanda, chiedendo ancora una volta il rispetto della sua privacy.

«Nego categoricamente di aver colpito Yolanda Hadid e per il bene di mia figlia mi rifiuto di fornire ulteriori dettagli e spero che Yolanda riconsideri le sue false accuse e sposti la sua attenzione verso la risoluzione di questi problemi familiari in privato», ha detto nella nota.

Su Twitter, invece, Zayn ha scritto: «Come tutti voi sapete, sono una persona molto riservata e vorrei creare uno spazio sicuro e privato in cui far crescere mia figlia. Un posto in cui tutti i miei problemi familiari non vengano buttati su un palcoscenico mondiale, dove tutti possano frugare e fare a pezzi».

«Nel tentativo di proteggere questo spazio, non accetto di contestare insinuazioni su una discussione avuta con un membro della mia famiglia, entrato nella nostra casa mentre la mia compagna era fuori parecchie settimane fa».

«Questa era e doveva rimanere una questione privata, ma sembra che per ora ci siano divisioni e nonostante i miei sforzi per riportarci in un ambiente familiare pacifico che possa permettermi di fare da co-genitore a mia figlia nel modo in cui si merita, questa storia è stata fatta «filtrare» alla stampa», continua la popstar nel suo lunghissimo messaggio. «Spero però che tutte le persone coinvolte possano rappacificarsi e mettere da parte le dure parole che sono state pronunciate e, ancora più importante, rimarrò vigile per proteggere Khai e darle la privacy che si merita».

Covermedia