È allarme

Impennata degli infortuni tra i giovani calciatori

SDA

29.9.2022 - 11:53

Immagine d'archivio
Immagine d'archivio
KEYSTONE

Nei cinque maggiori campionati europei, gli infortuni sono aumentati del 20% nella stagione 2021/22. Queste e altre le conclusioni di un rapporto stilato da un gruppo assicurativo inglese.

SDA

29.9.2022 - 11:53

Secondo il rapporto del gruppo assicurativo gli infortuni accorsi ai giocatori di club dei cinque maggiori campionati europei è costato oltre 500 milioni di euro alle stesse società. Il totale è stato calcolato moltiplicando il costo giornaliero di un giocatore per il numero di giorni in cui non era disponibile a causa di un infortunio.

Guidano la graduatoria i campioni di Francia del PSG con circa 40 milioni. Mentre è La Premier League ad aver registrato il maggior numero di infortuni (1'231), seguita dalla Bundesliga tedesca (1'205) e dalla Liga spagnola (848). Il Real Madrid ha registrato il maggior numero di assenze (114), mentre Bayern Monaco e Chelsea in totale hanno dovuto confrontarsi con 97 infortuni.

Nessun altro club perde tanto denaro per infortuni tanto quanto il PSG. Nell'immagine, a terra Kylian Mbappè.
Nessun altro club perde tanto denaro per infortuni tanto quanto il PSG. Nell'immagine, a terra Kylian Mbappè.
KEYSTONE

«Se si considerano le ultime due stagioni, è ragionevole concludere che l'interruzione degli incontri (dovuta alla COVID-19) e la congestione degli impegni stiano avendo un impatto a catena in termini di infortuni», ha dichiarato James Burrows, responsabile del dipartimento dello sport di Howden.

Stile di gioco e coppe europee aumentano gli infortuni

Burrows ha aggiunto inoltre che lo stile di gioco intenso dei club inglesi e tedeschi, unito al raggiungimento delle ultime fasi dei tornei continentali, ha contribuito all'allungamento delle liste di infortuni.

Particolarmente colpiti sono stati i giocatori di età inferiore ai 21 anni, il cui numero di infortuni è decuplicato negli ultimi quattro anni, passando da 30 nel 2018-19 a 326 nel 2021-22.

«Di tutta l'analisi, questo è il dato che più è saltato all'occhio», ha detto l'analista. «Nelle ultime due stagioni abbiamo visto che i club hanno perso diversi giocatori 'senior', utilizzando così i giovani con maggiore frequenza».

I Mondiali durante la tradizionale pausa invernale

Mentre l'impatto della COVID-19 è in declino, i club si troveranno ad affrontare una nuova sfida in questa stagione, con la Coppa del Mondo in Qatar che si giocherà dal 20 al 18 novembre, per la prima volta in inverno.

Le sei settimane di chiusura dei campionati rendono necessario un calendario più serrato e una pausa invernale più breve per i giocatori. «È la prima volta che si assiste a un'interruzione della stagione di questo tipo», ha concluso Burrows.

Il rapporto ricorda come la pausa invernale ha un effetto molto chiaro in termini di riduzione della prevalenza e dell'incidenza degli infortuni soprattutto nei mesi di dicembre e gennaio. Pausa, che per molti verrà a mancare.

Limitare il carico di lavoro per i giocatori

Il sindacato mondiale dei giocatori Fifpro afferma che è necessario mettere in atto iniziative per limitare i carichi di lavoro dei calciatori. L'adozione permanente di cinque sostituzioni per squadra è stata adottata proprio per questo ma la Fifpro sta esortando la Fifa ad andare oltre, imponendo periodi di riposo minimi di quattro settimane durante lo stop di campionati e una pausa a metà stagione di due settimane per ogni giocatore.

Già nel 2018, il difensore belga Meunier aveva lanciato l'allarme: «La stanchezza che sento, diventerà lentamente una condizione cronica».

SDA