Portiere del Canada offeso dai croati

Borjan: «Dimostra quanto primitive siano le persone»

bfi

29.11.2022

Il portiere del Canada Milan Borjan 
Il portiere del Canada Milan Borjan 
KEYSTONE

Il portiere canadese, figlio di genitori di origine serba, ha affrontato molte ostilità durante la sconfitta di domenica per 4-1 contro la Croazia.

bfi

29.11.2022

A quanto pare, il numero di cellulare di Borjan era trapelato prima della partita, provocando migliaia di messaggi non proprio amichevoli, come ha riferito il portiere lo stesso portiere tramite i social.

«Già questo la dice lunga su chi sono queste persone. Auguro alla Croazia tutto il meglio», ha detto il 35enne.

Nello stadio c'era anche un poster che alludeva all'Operazione Oluja (Tempesta) nella guerra croata. Borjan è nato a Knin, inizialmente conquistata dai serbi dopo la dissoluzione della Jugoslavia, mentre gli abitanti croati sono stati espulsi. Nel 1995 la città è stata riconquistata dai croati.

Borjan era prima fuggito a Belgrado con i genitori, poi si era trasferito in Canada.

«Niente corre come Borjan», era scritto sul manifesto. Il tutto è stato accompagnato da cori d'insulti dagli spalti contro il portiere. «Dimostra quanto siano primitive le persone. Non voglio fare commenti su questo. Dovrebbero lavorare su se stessi e sulle loro famiglie perché sono ovviamente frustrati», ha detto Borjan, che è sotto contratto con la Stella Rossa di Belgrado in Serbia.

In passato, il portiere del Canada, aveva suscitato polemiche con interviste controverse, affermando che il suo luogo di nascita non era croato.