Lo sfogo di Medvedev

«I tifosi vogliono delle nuove star, ma continuano a snobbarci per i soliti tre»

bfi

3.2.2022

epa09717795 Daniil Medvedev of Russia reacts during a tie break during the men's singles final against Rafael Nadal of Spain at the Australian Open grand slam tennis tournament at Melbourne Park in Melbourne, Australia, 30 January 2022. EPA/DAVE HUNT AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT
Daniil Medvedev 
KEYSTONE

Il tennista russo, uscito perdente nell'epica finale di Melbourne contro il granitico Rafael Nadal, ha dichiarato molto amaramente di pensare di mancare alcuni tornei del Grande Slam. 

bfi

3.2.2022

Perdere nella finale di un Grande Slam è sempre straziante, ancora di più quando la folla è palesemente contro di te.

È successo a Daniil Medvedev, pochi giorni fa, in occasione della finale degli Australian Open, quando si è trovato il pubblico di Melbourne - una spina nel fianco durante tutto il torneo -  espressamente a favore di Rafa Nadal.

Il russo è caduto solo in finale dopo che lo spagnolo ha completato una delle più grandi rimonte nella storia degli Australian Open, vincendo dopo essere stato sotto di due set.

Durante la partita, Medvedev aveva a più riprese richiesto l'aiuto dell'arbitro di sedia in quanto la folla urlava tra le sue prime e le seconde di servizio. 

«Boring (noioso ndr.)», si è letto sul labiale del russo quando parte del pubblico lo ha fischiato durante la consegna del trofeo destinato al secondo. 

««D'ora in poi, gioco per me stesso, per la mia famiglia... »

In conferenza stampa, crudo, Medvedev ha dichiarato di star pensando di saltare i futuri major in favore dei tornei organizzati nel suo paese. «D'ora in poi, gioco per me stesso, per la mia famiglia... per tutti i russi, perché sento un sacco di sostegno lì», ha detto.

«Dirò questo: se c'è un torneo a Mosca prima del Roland Garros o di Wimbledon, ci andrò anche se perdo Wimbledon o il Roland Garros o qualcos'altro. Il ragazzo ha smesso di sognare. Il ragazzo sta andando a giocare solo per se stesso».

Ma Daniil Medvedev non si è limitato alla sua persona, al solo torneo australiano: secondo il russo vi è una mancanza di supporto nei suoi confronti e in quelli di altre stelle del tennis della sua generazione, quando si trovano a sfidare rivali più vecchi.

Come spesso accade quando uno dei «Big Three» del tennis maschile è in campo, la folla per la maggior parte tifa per  uno di loro. A Melbourne è stato il turno di Nadal, ma lo stesso avviene regolarmente anche per Roger Federer e Novak Djokovic, considerati titani dello sport. 

«Quando ho cominciato a scalare il ranking internazionale, top 20, top 30, ho iniziato a giocare contro Roger, Novak, Rafa. Abbiamo disputato delle belle partite, ma non sono ancora al loro livello», ha detto Medvedev. «La gente ha chiesto a noi della giovane generazione di fare meglio, di diventare più forti. Questo mi ha spronato ad andare avanti», ha continuato il russo.

«Beh, credo che queste persone stessero mentendo perché, sì, ogni volta che ho messo piede in campo in queste grandi partite, non ho davvero sentito il calore di molte persone che volevano che io vincessi», ha concluso amaramente il numero 2 del tennis mondiale.