Caso Djokovic

Perché il tribunale ha dato ragione al ministro Hawke e non a Nole?

jar/la redazione

20.1.2022

Novak Djokovic looks as his documents after landing in Belgrade, Serbia, Monday, Jan. 17, 2022. Djokovic arrived in the Serbian capital following his deportation from Australia on Sunday after losing a bid to stay in the country to defend his Australian Open title despite not being vaccinated against COVID-19.(AP Photo/Darko Bandic)
Novak Djokovic all'aeroporto di Belgrado
KEYSTONE

La Corte federale australiana ha pubblicato le ragioni del rifiuto dell'appello del tennista serbo contro la cancellazione del suo visto d'entrata nel paese.

jar/la redazione

20.1.2022

Il thriller che ha visto come protagonisti Novak Djokovic e il governo australiano ha saputo tenere sulle spine appassionati di tennis e non per giorni. Il lungo tira e molla si è concluso con una sconfitta sul conto del numero uno del tennis mondiale.

Dopo che il ministro australiano dell'immigrazione Alex Hawke ha cancellato il visto di Djokovic, per la seconda volta, è fallito anche l'appello del serbo alla Corte federale.

È proprio il massimo ordine di giustizia australiano ad aver rivelato le ragioni del rifiuto del ricorso di Djokovic. Il giudice capo James Allsop, e i suoi colleghi Anthony Besanko e David O'Callaghan, avrebbero dovuto giudicare se la decisione di Hawke di cancellare il visto al serbo fosse legittima.

Djokovic, modello pericoloso

La motivazione addotta dal ministro Hawke vedeva la presenza di Djokovic in Australia come un «rischio per la salute della comunità australiana». E non solo perché non è vaccinato. Djokovic potrebbe generare pensieri contro la vaccinazione, creare rischio d'emulazione.

I tre giudici della Corte federale hanno considerato i ragionamenti di Hawke razionali o logici e hanno di conseguenza concordato con il ministro.

«Una stella del tennis di fama mondiale può influenzare persone di tutte le età, giovani e vecchie, e farle emulare», rivelano i documenti. Così, l'atteggiamento sprezzante di Djokovic nei confronti della vaccinazione contro il Covid-19 diventa il motivo principale della sua espulsione.

Gli avvocati di Djokovic non avrebbero accettato questa giustificazione, dicendo che Hawke non aveva mai chiesto al loro cliente la sua attuale posizione sui vaccini contro il coronavirus.

Invece, hanno detto, il ministro ha formato al sua opinione in merito leggendo i rapporti dei media. In effetti, Hawke sembra non aver mai chiesto personalmente alla stella del tennis la sua attuale opinione in merito alla vaccinazione - contro il Covid- 19.

Le opinioni di Djokovic erano espressamente note

Il tribunale ha ritenuto tuttavia che «le opinioni di Djokovic erano espressamente e pubblicamente note, ancora prima che ci fosse un vaccino sul mercato».

Inoltre, il 20 volte vincitore di un torneo del Grande Slam avrebbe avuto molto tempo per riconsiderare la sua opinione e farsi vaccinare prima della sua seconda infezione da coronavirus avvenuta nel dicembre 2021. Secondo i giudici non c'era stata alcuna indicazione di un cambiamento evidente nel suo atteggiamento.

Hawke, decisione legittima

Tuttavia, «un'altra persona nella posizione del ministro avrebbe potuto non annullare il visto al signor Djokovic», spiega il tribunale. Ma la decisione di Hawke era legittima secondo i poteri conferitigli dal Migration Act.

Per Alex Hawke il tennista serbo era un no vax, e quindi rappresentava un rischio per la popolazione australiana.