«Trovo rivoltante che molti tennisti non riescano ad arrivare a fine mese»

bfi

10.4.2020

Patrick Mouratoglou
Getty

Il coach di Serena Williams, Patrick Mouratoglou ha invitato l'ATP e la WTA a trovare soluzioni per aiutare quei tennisti professionisti che si trovano n grosse difficoltà economiche. 

La stagione tennistica è stata interrotta all'inizio di marzo a causa della pandemia, lasciando i giocatori dei livelli inferiori - che dipendono esclusivamente dalle vincite dei tornei - senza la possibilità di guadagnarsi da vivere.
In una lettera postata su Twitter e indirizzata alla comunità del tennis - ATP e WTA, Patrick Mouratoglou - coach di Serena Williams dal 2012 - ha detto che la situazione attuale mostra quanto sia "disfunzionale" questo sport.

I tennisti non hanno un salario fisso

«A differenza dei giocatori di basket o di calcio, i giocatori di tennis non sono coperti da stipendi annuali fissi. Sono imprenditori indipendenti», ha detto.
"Pagano i loro viaggi e pagano uno stipendio fisso al loro staff di allenatori, mentre il loro stesso stipendio dipende dal numero di partite vinte.» 

Non è una novità che mentre il tennis premia i giocatori di alto livello, quelli di basso livello spesso faticano a sbarcare il lunario.

Mouratoglou, che ha iniziato a lavorare con la Williams otto anni fa e l'ha guidata a 10 dei suoi 23 titoli di singolo del Grande Slam, ha detto che i migliori giocatori si sono meritati tutto quello che hanno guadagnato, 
«tuttavia, trovo rivoltante che il centesimo miglior giocatore al mondo di uno degli sport più popolari del pianeta  riesca a malapena a guadagnarsi da vivere", ha detto il francese.

Un rapporto della Commissione internazionale di revisione del 2018, commissionato per affrontare i problemi legati alle scommesse e all'integrità dello sport, ha affermato che i giocatori di livello più basso sono soggetti alla corruzione a causa della difficoltà di guadagnarsi da vivere.
Secondo il rapporto solo 250-350 giocatori in tutto il mondo hanno guadagnato abbastanza per raggiungere il pareggio.

La petizione lanciata dalla numero 375 della classifica WTA

La georgiana Sofia Shapatava, la 375esima al mondo,  ha lanciato una petizione per ottenere l'assistenza della Federazione Internazionale di Tennis per le professioniste di livello inferiore.

Molti altri si sono uniti a lei per esprimere le loro preoccupazioni sulle difficoltà finanziarie dei giocatori durante la chiusura.


Il WTA e l'ATP, nel frattempo, hanno fatto sapere di stare lavorando per aumentare i guadagni dei giocatori in difficoltà, pensando di estendere la stagione 2020 per consentire lo svolgimento di più tornei.


Mouratoglou ha detto che è fondamentale mantenere i giocatori di livello inferiore nel gioco.
«Non possiamo più lasciare indietro i giocatori di livello inferiore. Questo non è giusto. Il tennis ha bisogno di cambiamenti. Usiamo questo tempo libero per iniziare una discussione seria.»

Tornare alla home pageTorna agli sport