Sei anni di carcere per aver sfruttato operai dall'est

ATS

9.4.2020 - 20:28

Il 36enne reclutava gli operai in particolare su internet promettendo un salario orario dell'ordine di 10 euro. In realtà i malcapitati ricevevano una paga compresa tra 20 centesimi e 6,50 franchi per ora di lavoro, effettuato anche di domenica e nei giorni festivi (immagine simbolica).
Source: KEYSTONE/PETRA OROSZ

Un imprenditore lituano 36enne è stato condannato dalle Assise correzionali di Ginevra a sei anni di detenzione per aver sfruttato per anni su cantieri in Romandia operai provenienti dall'est europeo.

È stato riconosciuto colpevole in particolare di tratta di esseri umani per mestiere e usura qualificata.

Per il tribunale si è trattato di una forma di schiavitù moderna, come indica la sentenza. Il 36enne reclutava gli operai in particolare su internet promettendo un salario orario dell'ordine di 10 euro. In realtà, una volta giunti in Svizzera, i malcapitati ricevevano una paga compresa tra 20 centesimi e 6,50 franchi per ora di lavoro, effettuato anche di domenica e nei giorni festivi.

Non avevano cibo e di abiti di protezione

Gli operai, in situazione di totale dipendenza e vulnerabilità nei confronti dello spregiudicato imprenditore, non avevano cibo a sufficienza e non disponevano di abiti di protezione.

Il tribunale ha anche ordinato l'espulsione del lituano dal territorio svizzero per un periodo di dieci anni. Questi dovrà inoltre versare 5000 franchi per torto morale alle vittime della tratta.

Il ministero pubblico aveva richiesto sei anni e mezzo di carcere. L'imputato, che ha contestato la maggior parte degli addebiti, è in carcere preventivo dall'ottobre del 2017. I reati sono stati commessi nei cantoni di Ginevra, Vaud e Vallese.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS