Francia L'ex moglie del pedofilo e serial killer Michel Fourniret a processo confessa: «Riconosco tutti i fatti»

ATS / pab

29.11.2023 - 19:50

Martedì si è aperto in Francia uno dei processi più attesi degli ultimi tempi, quello di Monique Oliver, ex moglie del pedofilo e serial killer francese Michel Fourniret, morto nel 2021, condannato per l'uccisione di almeno sette ragazze.

Monique Olivier, (al centro) mentre viene scortata in un tribunale dalle teste di cuoio nel 2008.
Monique Olivier, (al centro) mentre viene scortata in un tribunale dalle teste di cuoio nel 2008.
KEYSTONE

ATS / pab

29.11.2023 - 19:50

«Riconosco tutti i fatti», ha dichiarato mercoledì Monique Olivier, nel secondo giorno del suo processo davanti alla Corte d'Assise dell'Hauts-de-Seine. È sotto processo per complicità nei rapimenti e negli omicidi di Joanna Parrish, Marie-Angèle Domèce ed Estelle Mouzin.

L'ex moglie dello stupratore e assassino seriale Michel Fourniret è stata brevemente interrogata nel primo pomeriggio, tra le audizioni di due testimoni, sulla lettura dei fatti che il presidente del tribunale aveva dato martedì, primo giorno di udienza.

«Mi pento di tutto quello che è successo», ha dichiarato l'accusata martedì dopo la lettura del documento che ripercorre i fatti.

Monique Olivier, 75 anni, è sotto processo per complicità nel rapimento e nel sequestro seguito dalla morte di Estelle Mouzin, all'epoca di nove anni.

È anche sotto processo per complicità nel rapimento, stupro o tentato stupro e omicidio di due giovani donne di 18 e 20 anni, Joanna Parrish e Marie-Angèle Domèce.

«La doppiezza di questa donna va oltre ogni comprensione»

L'imputata si è poi seduta di nuovo nel box degli accusati, indossando lo stesso maglione bianco del giorno precedente. Con la schiena leggermente inarcata e il volto inespressivo, ha ascoltato la testimonianza di Francis Nachbar, l'ex pubblico ministero di Charleville-Mézières che aveva intentato la causa contro di lei e Michel Fourniret nel 2008 durante il primo processo della coppia.

«La doppiezza di questa donna va oltre ogni comprensione», ha dichiarato il magistrato in pensione, raccontando di aver assistito all'interrogatorio di Monique Olivier da parte degli investigatori belgi nel 2004.

«Usata» dall'ex marito

Il giorno prima, la settuagenaria aveva affermato che l'ex marito l'aveva «usata» per commettere i suoi crimini, negando qualsiasi «patto criminale» tra loro.

È già stata condannata due volte dalle corti d'assise, all'ergastolo nel 2008 e a 20 anni nel 2018, per complicità nei crimini dell'«orco delle Ardenne».

I corpi di Marie-Angèle Domèce ed Estelle Mouzin non sono mai stati ritrovati, nonostante le numerose campagne di scavo.

Chi era Michel Fourniret?

Michel Fourniret, morto il 10 maggio 2021 nell'unità ospedalizzata di sicurezza del nosocomio della Pitié Salpetrière di Parigi, è stato uno dei serial killer francesi più conosciuti degli ultimi decenni.

Soprannominato «l'Orco delle Ardenne», Michel Fourniret è stato arrestato nel giugno del 2003 dopo un fallito rapimento.

Nel 2008 è stato condannato per l'omicidio di sette giovani donne o adolescenti tra il 1987 e il 2001 e condannato all'ergastolo, senza possibilità di compressione della pena.

È stato nuovamente condannato all'ergastolo nel 2018 per un odioso omicidio legato al tesoro della «banda dei parrucchieri».

ATS / pab