Afghanistan

Afghanistan: il segretario di Stato Blinken partito per il Qatar

SDA

6.9.2021 - 08:59

Alla ricerca di un fronte unito con gli alleati, il segretario di Stato americano Antony Blinken è partito ieri per il Qatar nel suo primo viaggio da quando i talebani hanno preso il potere in Afghanistan.
Alla ricerca di un fronte unito con gli alleati, il segretario di Stato americano Antony Blinken è partito ieri per il Qatar nel suo primo viaggio da quando i talebani hanno preso il potere in Afghanistan.
Keystone

Il segretario di Stato americano Antony Blinken è partito ieri sera per il Qatar nel suo primo viaggio da quando i talebani hanno preso il potere in Afghanistan, alla ricerca di un fronte unito con gli alleati.

SDA

6.9.2021 - 08:59

Il ricco emirato del Golfo è un centro per la diplomazia sull'Afghanistan e i suoi governanti hanno mantenuto stretti legami con gli ex ribelli afgani, al potere da metà agosto. In quanto tali, i qatarioti hanno svolto per molti mesi il ruolo di facilitatori negli scambi tra americani e talebani.

Oltre 55.000 persone evacuate dall'Afghanistan sono passate anche dal Qatar, che ospita un'importante base militare statunitense, quasi la metà del totale delle persone evacuate dagli americani dopo il fulmineo ritorno dei fondamentalisti islamici a Kabul.

L'esercito americano ha allestito a metà agosto nella capitale afghana un gigantesco ponte aereo che ha permesso di evacuare fino al suo ritiro circa 123.000 persone – di cui dal 75% all'80% erano «afghani vulnerabili», secondo Washington.

Dopo il Qatar, mercoledì Blinken visiterà la base aerea di Ramstein in Germania, che ospita temporaneamente migliaia di afgani in viaggio verso gli Stati Uniti. Il segretario di Stato terrà lì una riunione ministeriale virtuale sulla crisi con funzionari di 20 paesi, insieme al ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.

Blinken ha affermato che in Qatar esprimerà «il profondo apprezzamento per tutto ciò che stanno facendo a sostegno degli sforzi di evacuazione» e incontrerà gli afgani evacuati e i diplomatici statunitensi trasferiti a Doha. Parlerà anche ai qatarioti dei difficili sforzi, in collaborazione con la Turchia, per riaprire l'aeroporto di Kabul, chiuso da quando gli americani sono partiti, una priorità per fornire gli aiuti umanitari necessari ed evacuare i restanti afgani.

I talebani hanno promesso che continueranno a lasciare andare gli afgani se lo desiderano. Questo è uno dei temi chiave che gli alleati degli Stati Uniti intendono affrontare durante i colloqui in Germania.

Secondo i funzionari statunitensi, Blinken non ha intenzione di incontrare i talebani, che hanno anche fatto di Doha una base per la loro diplomazia e da dove hanno negoziato il ritiro degli Stati Uniti con la precedente amministrazione statunitense di Donald Trump. Ma un tale dialogo non sembra essere del tutto escluso in futuro.

SDA