Crimini di guerra

Al via a Kiev il primo processo contro un soldato russo

ATS / Red

13.5.2022 - 14:56

È iniziato a Kiev il primo processo per crimini di guerra che vede alla sbarra il primo soldato russo, Vadim Shishimarin di 21 anni, accusato di aver ucciso un civile nella regione di Sumy.
Keystone

È iniziato questo venerdì a Kiev il primo processo per crimini di guerra che vede alla sbarra il primo soldato russo, Vadim Shishimarin di 21 anni, accusato di aver ucciso un civile nella regione di Sumy.

ATS / Red

13.5.2022 - 14:56

Shishimarin è accusato di «violazione delle leggi e dei costumi di guerra» e rischia l'ergastolo, sottolinea l'agenzia Unian ricordando che è il primo militare russo a comparire davanti a un tribunale ucraino.

Secondo le indagini ucraine il 28 febbraio a Chupakhivka, nella regione di Sumy, l'imputato ha sparato alla testa di un civile che stava andando in bicicletta lungo il ciglio di una strada, parlando al telefono. L'uomo, 62 anni, è morto sul colpo a poche decine di metri dalla propria abitazione.

L'avvocato dell'imputato, Viktor Ovzyanikov, ha riconosciuto che il caso contro il suo cliente era solido. Tuttavia, la decisione finale su quali prove ammettere spetta al tribunale di Kiev. Giovedì Owzyanikov ha detto che lui e il suo cliente non avevano ancora deciso come si sarebbe dichiarato.

Difficile mantenere la neutralità

Il primo processo per crimini di guerra in Ucraina ha un riguardo particolare. Volodymyr Yavorsky, coordinatore del Centro per i diritti civili di Kiev, uno dei più grandi gruppi per i diritti umani dell'Ucraina, ha affermato che può essere difficile mantenere la neutralità delle cause giudiziarie in tempo di guerra. Il rispetto delle regole e degli standard deciderà «come verranno trattati casi simili in futuro».

Secondo il procuratore generale ucraino Iryna Venediktova, il soldato russo ha ucciso l'ucraino mentre fuggiva dopo essere stato sconfitto dalle unità ucraine, in modo che non potesse denunciare i soldati russi al suo esercito. L'uomo è morto subito vicino alla sua abitazione.

Il 4 maggio l'agenzia di intelligence interna SBU ha pubblicato un breve video in cui il soldato ha ammesso e descritto l'omicidio dell'uomo. La SBU ha descritto il video come «una delle prime confessioni degli invasori nemici».

ATS / Red