Attentato a Kabul

Chi sono e cosa vogliono i terroristi dell'IS afghano?

Di Lukas Meyer

27.8.2021

IS
Una propaggine del cosiddetto Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità dell'attacco. Lo Stato Islamico ha controllato parti dell'Iraq dal 2014 al 2017 e parti della Siria fino al 2019.
KEYSTONE

Una diramazione regionale del cosiddetto Stato Islamico (IS) ha rivendicato l'attacco di ieri a Kabul. Quali sono le intenzioni della milizia terrorista? Le domande e le risposte più importanti.

Di Lukas Meyer

27.8.2021

Più di 100 persone sono state uccise ieri in un attacco suicida all'aeroporto di Kabul, compresi 18 soldati statunitensi, secondo il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Il cosiddetto «IS-K», una propaggine della milizia terroristica «Stato Islamico» (IS), ha rivendicato la responsabilità dell'attentato. Il gruppo ha detto che il suo attentatore ha preso di mira le truppe statunitensi e i loro alleati afgani.

Chi è la propaggine dell'IS e chi ne fa parte?

Il gruppo Khorasan del cosiddetto Stato Islamico è stato fondato nel 2015, poco dopo la proclamazione del califfato dell'IS in Iraq e Siria. Il nome deriva dalla provincia di Khorasan - da qui l'abbreviazione IS-K. Nel Medioevo, la regione comprendeva ampie parti dell'Afghanistan, dell'Iran e dell'Asia centrale. Il gruppo vuole stabilire un nuovo califfato in questa zona. 

La propaggine ha quasi 4.000 combattenti, spiega Reinhard Schulze, uno studioso dell'islam, su Twitter. Il gruppo ha la sua roccaforte nelle province di Nangahar e Kunar, nell'est del paese al confine con il Pakistan. 

I combattenti sono costituiti da ex membri dei talebani pakistani che sono stati cacciati dalla loro patria. Tra loro ci sono anche i talebani afghani frustrati per i quali il corso della loro leadership era troppo moderato e pacifico.

Inoltre, dal vicino Uzbekistan, sono stati raggiunti dai militi del Movimento Islamico. Si sono poi aggiunti anche i membri delle minoranze in Iran e Cina, così come gli ex combattenti dell'IS dalla Siria e i prigionieri afghani evasi. 

Cosa vuole questa milizia terrorista?

Molti dei combattenti sono stati attratti dall'ideologia violenta ed estrema dell'IS, che include la promessa di un califfato in cui il mondo islamico sarà unito. I talebani non hanno mai sostenuto un tale obiettivo e limitano la loro lotta all'Afghanistan. Il ramo dell'IS in Afghanistan e Pakistan, d'altra parte, ha adottato l'appello della milizia terrorista per la jihad globale.

Il gruppo ha già compiuto numerosi attacchi. Il think tank statunitense «Center for Strategic and International Studies» conta decine di azioni che i militi della propaggine dell'IS hanno compiuto contro i civili in Afghanistan e Pakistan, compresi i membri della minoranza sciita. Dal gennaio del 2017 inoltre, ci sono state centinaia di battaglie contro le truppe afghane e pakistane e contro quelle della coalizione militare guidata dagli Stati Uniti.

Rispetto ai talebani, l'IS è «caratterizzato da un livello di violenza molto maggiore» ed è anche un'organizzazione transnazionale, ha detto la ricercatrice tedesca Susanne Schröter su «Morgenmagazin» dell'emittente televisiva ZDF. L'obiettivo è il dominio del mondo islamico. Può sembrare assurdo, ma è la ragione per cui gli attacchi avvengono in tutto il mondo.

Qual è la relazione dell'IS-K con i talebani?

«L'IS-K si vede in opposizione fondamentale ai talebani, che considera eretici infedeli. Per i talebani, gli uomini dell'IS-K sono semplicemente terroristi», spiega Reinhard Schulze su Twitter. Il gruppo persegue un'interpretazione ultra-religiosa dell'Islam che non ha nulla in comune con l'ortodossia puritana dei talebani ed è una minaccia alla fragile struttura del potere.

I talebani e lo «Stato Islamico» sono in competizione per il potere, l'influenza e la sovranità religiosa, dice Schröter, specialista del mondo islamico. Si deve ora temere peggio di un semplice «emirato» dei talebani secondo le regole della Sharia.

I talebani hanno preso di mira il ramo dell'IS in Afghanistan per anni. Per alcune operazioni, si dice persino che siano stati sostenuti dagli Stati Uniti e dal governo afghano. Ciononostante, il gruppo ha continuato a compiere gravi attacchi, ha intensificato il reclutamento e ha cercato di prendere piede anche nell'Afghanistan settentrionale.

Il portavoce dell'ufficio politico dei Talebani a Doha, Suhail Shahin, ha condannato con forza il macabro attentato e ha affermato che faranno tutto il possibile per consegnare i colpevoli alla giustizia. Secondo Shahin tra le vittime ci sono 28 combattenti talebani.

La propaggine dell'IS con questo attacco vuole prendere ulteriormente le distanze dai talebani, dice l'esperto di terrorismo Wassim Nasr al giornale  Der Spiegel. Molti afghani considerano un tradimento il fatto che i talebani tollerino che gli afghani siano portati fuori dal paese con gli aerei. «In questo modo, i combattenti dell'IS stanno dimostrando che i talebani non sono in grado di prendere il controllo della città che hanno conquistato».

Cosa aspettarsi dalla propaggine dell'IS?

Il generale statunitense Kenneth McKenzie, che dirige lo United States Central Command - Centcom, (Comando combattente unificato delle forze armate degli Stati Uniti ndr.) dice che un attacco durante la missione di sfollamento a Kabul era atteso e aggiunge: «Ci aspettiamo che questi attentati continuino». Ma per ora, i governanti talebani sono da soli, e nessuno sa se i loro combattenti possono far fronte a questo compito di combattere l'IS, dice l'esperto Nasr a «Der Spiegel».

La propaggine dell'IS però non è limitata all'Afghanistan. A causa del suo profilo, ha un orientamento «transnazionale» e può incorporare, secondo lo studioso islamico Schulze, combattenti esterni. Questo fronte può diventare più importante per i Talebani che il conflitto contro la resistenza nella valle del Punjir.

Anche se il ramo dell'IS non ha ancora effettuato alcun attacco sul territorio statunitense, il governo degli Stati Uniti lo considera una minaccia continua per gli interessi dell'America e dei suoi alleati in Asia meridionale e centrale. Tuttavia, la minaccia è sotto controllo grazie alle operazioni militari da «oltre l'orizzonte» e al lavoro di intelligence.

Una delle maggiori preoccupazioni per gli Stati Uniti ,dopo il ritiro delle sue truppe da combattimento dall'Afghanistan, è che il paese potrebbe diventare di nuovo una calamita e una base per gli estremisti che preparano attacchi all'Occidente sotto i talebani.

Questa è una minaccia, ha detto di recente Jake Sullivan, consigliere di Joe Biden per la sicurezza nazionale, alla CNN, «su cui siamo concentrati con ogni strumento del nostro arsenale».

Scritto con materiale delle agenzie di stampa SDA, AP e DPA.