La decisione del Governo

Ecco perché la Svizzera non accoglie quasi mai i rifugiati afghani

Di Lukas Meyer

19.8.2021

Un aereo militare tedesco porta cittadini tedeschi e dipendenti locali fuori dal paese.
Un aereo militare tedesco porta cittadini tedeschi e dipendenti locali fuori dal paese.
KEYSTONE

La Svizzera, per il momento, non vuole accettare altri rifugiati dall'Afghanistan. Bisogna rimanere ragionevoli e realistici, dice la ministra della giustizia Karin Keller-Sutter.

Di Lukas Meyer

19.8.2021

A parte il personale dell'Ufficio di cooperazione e le loro famiglie, la Svizzera non intende accogliere nessun rifugiato dall'Afghanistan. Le 230 persone riceveranno visti umanitari e saranno conteggiate nella quota di 800 rifugiati di reinsediamento che la Svizzera ha fissato per il 2021.

Lo hanno comunicato la ministra della giustizia Karin Keller-Sutter e il ministro degli esteri Ignazio Cassis ai media a Berna mercoledì. Il Consiglio federale ha lasciato aperta la questione della dipsonibilità ad accettare i rifugiati contingentati in una data successiva. Non è stata la Svizzera a chiarirlo, ma l'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

È «realistico e ragionevole»?

Fino a poco tempo fa, anche la Svizzera - come molti altri paesi europei - considerava ragionevoli le espulsioni verso l'Afghanistan. Sono stati sospesi la settimana scorsa. Secondo Keller-Sutter, ci sono attualmente 20.000 persone provenienti dall'Afghanistan in Svizzera, e lo status di 15.000 non è chiaro.

Capisce le richieste di ammissione dei rifugiati, ma bisogna rimanere realistici e ragionevoli, ha sottolineato ancora Keller-Sutter. Gli sfollamenti sono difficili al momento, e bisogna poter garantire un controllo di sicurezza da parte del governo federale di tutte le persone che entrano nel paese.

Contrariamente alla crisi attuale, la Svizzera ha concesso facilitazioni di visto durante la guerra in Siria. Nel 2013, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha emanato una direttiva secondo la quale i parenti dei siriani in Svizzera che avevano un permesso di soggiorno potevano ottenere più facilmente un visto per visitatori. La soluzione era valida per tre mesi.

Quali opzioni hanno i rifugiati?

Keller-Sutter si aspetta un maggior numero di richieste di visti umanitari presso le ambasciate svizzere nei paesi vicini all'Afghanistan. Inoltre, i nuclei familiari possono richiedere il ricongiungimento familiare secondo i criteri abituali, e i membri della famiglia allargata possono richiedere un visto umanitario. Le domande degli afghani sono esaminate in Svizzera nel quadro della procedura abituale.

Cosa fanno gli altri Paesi?

Keller-Sutter ritiene che la situazione in Afghanistan potrebbe portare a movimenti di rifugiati su larga scala. Tuttavia, questi non arriverebbero così rapidamente in Europa, ma raggiungerebbero prima i paesi vicini all'Afghanistan.

In Pakistan, per esempio, ci sono già 1,4 milioni di rifugiati afghani. Recentemente ne sono arrivati altri 30.000 ogni settimana. Poco tempo fa, però, i talebani hanno preso il controllo di uno dei più importanti passaggi di frontiera verso il Pakistan.

Afgani in un campo profughi in Pakistan.
Afgani in un campo profughi in Pakistan.
KEYSTONE

Anche l'Iran teme un'ondata di rifugiati dall'Afghanistan. Dopo l'invasione sovietica nel 1979, il paese ha accolto milioni di persone, ma questo sembra difficilmente possibile ora a causa della pandemia di Covid e della crisi economica. Finora, secondo il Ministero dell'Interno iraniano, non ci sono stati movimenti significativi di rifugiati.

Molti paesi europei stanno reagendo in modo simile alla Svizzera e non vogliono accogliere i rifugiati. L'Austria, per esempio, vuole mantenere la maggior parte delle persone nella regione. Il ministro dell'interno Karl Nehammer ha chiesto centri d'espulsione nei paesi vicini all'Afghanistan.

La Gran Bretagna e il Canada, d'altra parte, hanno annunciato che accoglieranno 20.000 afghani ciascuno. Il primo ministro britannico Boris Johnson vuole accogliere fino a 5.000 persone quest'anno, principalmente donne, bambini e persone che dovrebbero temere le persecuzioni dei talebani.

È possibile un aiuto sul posto?

L'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) non vuole lasciare l'Afghanistan: la gente lì ha bisogno di aiuto più che mai, ha detto un rappresentante. Insieme ad altre organizzazioni, vuole continuare a fornire aiuti umanitari. L'UNHCR si sta concentrando sull'aiuto agli sfollati e alle altre persone bisognose, finché hanno accesso a loro e come meglio possono in questa situazione difficile e in continuo cambiamento.

La Svizzera fermerà tutti i suoi progetti in Afghanistan e userà i soldi per l'aiuto umanitario, cioè li darà all'UNHCR o al Programma alimentare mondiale, ritiene Thomas Fisler, citato nel «Tages-Anzeiger». Fisler ha diretto l'Ufficio di sviluppo e cooperazione svizzero (DSC) a Kabul nel 2019, attualmente chiuso. Tuttavia, Fisler s'immagina che sarà riaperto tra uno o tre mesi per distribuire correttamente i fondi. Il ministro degli esteri Cassis ha anche assicurato che l'impegno della DSC non si fermerà.

La Svizzera ha missioni diplomatiche in paesi vicini come il Pakistan, l'Iran, il Tagikistan e l'Uzbekistan, dove molti afghani potrebbero fuggire. Questo lo metterebbe in una buona posizione per fornire assistenza sul terreno.

Gli afghani possono andarsene in questo momento?

«Stiamo facendo tutto il possibile per portare la nostra gente in Svizzera», ha detto il ministro degli Esteri Cassis. «Si sta esaminando ogni possibile percorso». Anche lo sfollamento via terra è stato apparentemente esaminato. Secondo Cassis, però, si è dimostrato che non è possibile.

Centinaia di persone continuano ad aspettare fuori dall'aeroporto di Kabul. I talebani hanno nel frattempo disegnato un anello intorno e non permettono più agli afghani di passare.

L'ex ministro dello sviluppo britannico Rory Stewart chiede sulle pagine dello «Spiegel» corridoi umanitari per far uscire dal paese il maggior numero di persone possibile. «Abbiamo bisogno di una coalizione internazionale per dare protezione agli afghani». Dice che i numeri sono gestibili, molto meno di quelli provenienti dalla Siria, per esempio.