Un afghano in Svizzera

«I talebani non sono cambiati in un giorno»

Di Valérie Passello

24.8.2021

«Un paese è come una madre. Ed è quando un bambino è vicino a sua mamma che si sente al sicuro», afferma Sayed Sayedi.
«Un paese è come una madre. Ed è quando un bambino è vicino a sua mamma che si sente al sicuro», afferma Sayed Sayedi.
VP

Un giovane medico afghano, temporaneamente accolto in Svizzera, descrive la situazione attuale nel suo paese. Per lui, la soluzione non risiede nelle nazioni straniere che accolgono gli afghani in esilio, ma è cercare di riportare la pace in un paese che l'ha aspettata troppo a lungo.

Di Valérie Passello

24.8.2021

Minacciato di morte perché non era riuscito a rianimare un leader talebano colpito da infarto, Sayed Sayedi è stato costretto a lasciare l'Afghanistan tre anni fa. Al riparo in Svizzera, in «una gabbia dorata», come dice lui, il giovane afghano di 29 anni aspira solo a tornare nel Paese, il suo Paese, per prendersi cura della sua famiglia, perché è la sua missione di medico. Sconsolato dalla presa del potere da parte dei talebani, si dice pronto a tutto per combattere il terrorismo, ovunque si trovi.

Come si sente riguardo alla situazione attuale in Afghanistan?

Mi sento male. Vedo le persone che sono in preda al panico all'idea di rivivere l'orrore di vent'anni fa, quando i talebani erano al potere... I talebani non sono «un governo», sono terroristi, estremisti. Non stanno mostrando al mondo il vero volto dell'Islam.

Ma promettono di essere cambiati, di essere più moderati e di rispettare i diritti delle donne. Possiamo crederci?

No. Da vent'anni massacrano, piazzano bombe, uccidono bambini, attaccano e distruggono università e moschee, vietano alle ragazze di andare a scuola. È impossibile fidarsi di loro. I talebani non sono cambiati dall'oggi al domani.

Ha ancora famiglia laggiù?

Mio padre, mia madre e due sorelle vivono ancora in Afghanistan. Sono fuggiti dalla loro casa mentre il governo ha ceduto il passo ai talebani. Ma dove andare? Nessun paese li avrebbe fatti entrare e i talebani sono ovunque. Poiché non hanno una divisa, è difficile riconoscerli subito. Ora la mia famiglia è tornata a casa. Ho anche parenti più lontani e molti amici. Ma diversi di loro sono morti. Ho un libro con me dove tengo delle loro piccole foto. Continuo a rimuovere le immagini di coloro che non ci son più.

Quali cambiamenti pensa che il popolo afghano dovrebbe aspettarsi?

Non c'è nessuna prospettiva, nessun business e tutti coloro che hanno lavorato per il governo hanno perso il posto. Non siamo un Paese produttivo, dipendiamo principalmente dalle importazioni. A poco a poco, la povertà sta arrivando e si installerà, senza alcun aiuto da parte della comunità internazionale.

Tuttavia, a livello internazionale, diversi Paesi stanno aprendo le porte ai rifugiati afghani...

Per me, questa non è una soluzione. Un paese è come una madre. Ed è quando un bambino è vicino a sua mamma che si sente al sicuro. Sarebbe meglio aiutarlo dall'interno, per riportare la pace in Afghanistan, piuttosto che accogliere a tempo indeterminato gli afghani all'estero. Ma questo paese è solo un laboratorio dove si gioca la partita politica, ci si dimentica che gente come te e me vuole solo viverci.

Grazie in particolare al mercato della droga, i talebani hanno i mezzi per armarsi. Come fermarli?

Certo che hanno questi soldi, ma senza il supporto di altri paesi non potrebbero comprarci niente! Il Pakistan, i Paesi Arabi, la Russia, la Cina e persino gli Stati Uniti stanno fornendo loro le armi. Ora hanno le più moderne attrezzature tecnologiche. Ma dove li prendono? Questo è ciò a cui dobbiamo pensare. Fornendo ai talebani materiali per combattere i russi, gli statunitensi li hanno aiutati a costruirsi da soli.

Cosa pensa del ritiro statunitense?

Gli americani hanno fatto di tutto per servire i propri interessi. Dicono di aver raggiunto i loro obiettivi. Ma come hanno potuto andarsene così, lasciandosi alle spalle un governo subito fuggito dai talebani e un Paese dove i diritti umani non sono rispettati? Non c'è niente di democratico nell'abbandonare una nazione in una situazione del genere.

Qual è il suo desiderio per l'Afghanistan?

Semplicemente che le persone si godano la vita, rilassate, senza paura, come in Europa, in pace e unità. Mio nonno diceva a mio padre: «Vedrai, tornerà la pace». Me l'ha detto anche mio padre e forse dirò lo stesso ai miei figli o ai miei nipoti. Ma un giorno la legge dominerà il mondo. Se fossi morto, non avrei potuto lottare perché accadesse. È per questo motivo che sono fuggito. Voglio essere «un oratore» per far sentire la voce del mio Paese.