Kabul

Cosa si sa dei soldati d'élite svizzeri impiegati in Afghanistan?

tsha

20.8.2021

Il Distaccamento di ricognizione dell'esercito 10, mostrato qui durante un'esercitazione nel 2007, è la forza di reazione rapida dell'esercito svizzero.
Il Distaccamento di ricognizione dell'esercito 10, mostrato qui durante un'esercitazione nel 2007, è la forza di reazione rapida dell'esercito svizzero.
KEYSTONE

In Afghanistan dovrebbero portare in salvo i cittadini svizzeri e le forze locali. Ma come funziona la forza d'elite AAD 10 elvetica?

tsha

20.8.2021

Malgrado la situazione all'aeroporto di Kabul sia confusa, migliaia di persone vogliono ancora lasciare l'Afghanistan, e il più rapidamente possibile.

Gli Stati Uniti, la Germania, la Spagna e altre nazioni stanno cercando da giorni di far uscire dal Paese il maggior numero di persone possibile: i loro cittadini, ma anche il cosiddetto personale locale, cioè le persone sul posto che hanno aiutato le truppe straniere in Afghanistan e che ora sono considerate particolarmente a rischio.

Anche la Svizzera è al lavoro per far uscire dal paese circa 280 persone, tra cui gli impiegati federali locali e le loro famiglie, nonché i cittadini svizzeri. A questo scopo, la Confederazione ha inviato in Afghanistan membri del Army Reconnaissance Detachment 10 (AAD 10). Queste forze speciali sono probabilmente l'unità più segreta dell'esercito svizzero. Ma alcune cose su di loro sono note.

Le missioni

L'AAD 10 è stato fondato nel 2004 e fa parte del Comando delle forze speciali dell'esercito svizzero (KSK). L'unità è stata creata appositamente per le missioni all'estero: i soldati d'elite dovrebbero proteggere persone e oggetti in caso di emergenza, come le ambasciate e i loro dipendenti.

Un altro compito è il rimpatrio di persone dall'estero in Svizzera, come avviene in questo momento in Afghanistan. Ma anche, altrettanto basilare, è l'acquisizione di informazioni essenziali per la missione.

Le strutture

Il Distaccamento di ricognizione dell'esercito 10 è stato creato per essere operativo il più rapidamente possibile. Pertanto, non è il Parlamento che ha il comando sulla forza speciale, ma il Governo. In passato, l'unità è stata criticata per operare senza controllo democratico.

I membri

Non si sa esattamente quanti membri abbia l'AAD 10. In un rapporto, il «Blick» parla di circa 90 soldati, mentre la «Aargauer Zeitung» scrive che sono «circa 100».

I requisiti

«Si tratta di soldati ampiamente addestrati, psicologicamente e fisicamente molto resistenti», ha detto l'esperto di sicurezza Bruno Lezzi in un'intervista alla SRF. «Tutto viene controllato, dalla resistenza psicologica alla performance fisica e alla resilienza. Siete impiegati in situazioni di crisi dove le richieste sono corrispondentemente alte».

Coloro che vogliono far parte della forza d'elite devono essere decisamente in forma fisicamente: secondo la «Aargauer Zeitung», i candidati devono essere in grado di fare almeno dieci trazioni, 50 flessioni e otto chilometri di marcia veloce in tenuta mimetica con gli scarponi da combattimento e 15 chili di pachettaggio in un massimo di 58 minuti.

In una procedura di selezione, sarebbe testata la capacità di lavorare sotto pressione e in una squadra, e nell'effettivo addestramento di base, non solo verrebbero insegnate tecniche operative pratiche come il paracadutismo e il combattimento ravvicinato o il lavoro di intelligence, ma anche le leggi e la geografia.

«I soldati sono altamente addestrati e versatili per quanto riguarda le missioni all'estero», ha detto al «Blick» Hans-Peter Lenz, manager di crisi del Ministero degli Esteri, a proposito delle forze AAD-10 ora schierate in Afghanistan. «Uno, per esempio, è addestrato ed equipaggiato dal punto di vista medico e può curare le persone con problemi di salute sul posto». 

Le missioni finora conosciute

Il distaccamento di ricognizione dell'esercito 10 è operativo dal 2007. Poiché l'unità opera per lo più in segreto, non ci sono informazioni affidabili su tutte le missioni precedenti.

Tuttavia, è noto che l'AAD 10 è stato attivo in Libia dopo la caduta di Muammar Gheddafi per proteggere l'ambasciata svizzera. Si conosce anche una missione in Kosovo nel 2010. I media hanno riferito che la forza d'elite è stata inviata anche in Mali, in Africa occidentale. Tuttavia, gli organi di stampa sono stati smentiti dal Consiglio federale.

Un soldato AAD-10 durante un'esercitazione nel 2007: i membri delle forze speciali devono essere estremamente resistenti.
Un soldato AAD-10 durante un'esercitazione nel 2007: i membri delle forze speciali devono essere estremamente resistenti.
KEYSTONE

Lo spiegamento in Afghanistan

Come il Dipartimento federale degli affari esteri conferma a «blue News», la decisione di inviare i soldati d'élite in Afghanistan è stata presa lo scorso fine settimana. «Un distaccamento del DFAE con specialisti dell'esercito è volato a Tashkent il 17 agosto e sta lavorando con l'ambasciata svizzera e i partner sul posto. Lo stesso giorno, un membro dello staff del DFAE si è recato a Kabul con una parte del distaccamento dell'esercito», ha detto un portavoce.

I membri dell'AAD-10 avrebbero sostenuto «i lavori preparatori per l'evacuazione» nella parte dell'aeroporto messa in sicurezza dai militari americani. «Sul terreno, stanno assicurando il contatto con i partner e le organizzazioni internazionali, tra le altre cose», ha aggiunto il portavoce.

«I soldati si stanno muovendo esclusivamente nella parte dell'aeroporto protetta dai militari e si stanno facendo un quadro della situazione», ha spiegato al «Blick» il gestore della crisi Lenz. I combattenti AAD-10 non sarebbero entrati nell'area urbana di Kabul perché la situazione non lo permetteva. Invece, gli svizzeri e il personale locale che vogliono lasciare l'Afghanistan dovrebbero raggiungere loro stessi l'aeroporto.

Questo non sarà facile, dato che i talebani bloccano ripetutamente l'accesso allo scalo. Inoltre, l'agenzia di stampa Reuters ha riferito giovedì che gli islamisti avrebbero chiesto alle persone senza permesso di viaggio di lasciare l'aeroporto.

Poiché la Svizzera non ha i suoi aerei da trasporto, i soldati d'élite, per portare in salvo le persone, dipendono dall'aiuto altrui  Da un lato, si spera che gli americani permetteranno presto agli aerei civili di atterrare di nuovo all'aeroporto, che potrebbe poi essere usato per la partenza, dice Lenz. C'è anche la speranza che gli statunitensi o i tedeschi accolgano gli svizzeri per essere portati fuori dal Paese. «La gente si aiuta sempre a vicenda quando deve far uscire il personale locale», dice Lenz.