L'opinione dell'esperto

Finlandia e NATO? «Putin ha commesso un enorme errore di valutazione»

Di Gabriela Beck

14.5.2022

FILE - Finland's President Sauli Niinisto makes a point during a joint press conference with British Prime Minister Boris Johnson, at the Presidential Palace in Helsinki, Finland, Wednesday, May 11, 2022. Finland appears on the cusp of joining NATO. Sweden could follow suit. By yearâÄ™s end, they could stand among the allianceâÄ™s ranks. RussiaâÄ™s war in Ukraine has provoked a public about face on membership in the two Nordic countries. They are already NATOâÄ™s closest partners, but should Russia respond to their membership moves they might soon need the organizationâÄ™s military support. (AP Photo/Frank Augstein, Pool, File)
Il presidente finlandese Sauli Niinisto durante una conferenza stampa congiunta con il primo ministro britannico Boris Johnson, al Palazzo Presidenziale di Helsinki, Finlandia, mercoledì 11 maggio 2022.
KEYSTONE/AP Photo/Frank Augstein, Pool, File

Con l'adesione della Finlandia alla NATO, la struttura di potere tra l'alleanza militare occidentale e la Russia cambierà. Un esperto dell'ETH spiega le cause e le possibili conseguenze.

Di Gabriela Beck

14.5.2022

Vladimir Putin ha commesso un errore di calcolo: il presidente russo si aspettava una guerra lampo nella vicina Ucraina e che l'avrebbe fatta franca se l'Occidente fosse stato colto di sorpresa. La strategia di guerra includeva la disunione degli Stati membri della NATO. È successo però esattamente il contrario: l'Occidente è infatti insolitamente unito.

Dal punto di vista del capo del Cremlino la situazione non fa che peggiorare: ora anche la Finlandia e la Svezia vogliono unirsi all'alleanza militare occidentale. Finora i due Paesi sono sempre stati senza legami.

Un rafforzamento della NATO non è affatto nell'interesse della Russia. Ma come è possibile che Putin non abbia saputo prevedere le conseguenze della sua guerra?

«Putin ha commesso un grave enorme errore di valutazione», afferma Lars-Erik Cederman, politologo e professore presso la Cattedra di ricerca sui conflitti internazionali all'ETH di Zurigo, in un'intervista a blue News. «Uno dei motivi è che la leadership da cui è circondato è di soli nazionalisti aggressivi, mentre le voci moderate non riescono più a contattarlo».

Tuttavia, il sovrano russo non dovrebbe sorprendersi dalle reazioni dei nordeuropei, ha continuato Cederman. Dopotutto, lo stesso Putin ha ripetutamente testato i loro confini.

Ripetute violazioni dello spazio aereo

È stato all'inizio di maggio che un aereo militare russo è entrato brevemente nello spazio aereo svedese. Il Ministero della Difesa di Stoccolma ha condannato l'incidente come «del tutto inaccettabile».

E un elicottero militare russo ha violato lo spazio aereo finlandese, dopo che in precedenza un aereo da trasporto dell'esercito russo era avanzato brevemente nello stesso spazio aereo all'inizio di aprile.

In passato Putin ha sempre messo in guardia contro l'abbandono della neutralità dei Paesi nordici e aveva apertamente promesso di utilizzare armi nucleari in caso di minaccia contro la Russia.

Secondo la leadership di Mosca, l'adesione della Finlandia alla NATO rappresenterebbe «chiaramente» una minaccia per il Paese.

Come ha spiegato negli scorsi giorni il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, un'espansione dell'alleanza militare e un riavvicinamento della NATO ai confini russi «non renderebbero il mondo e il nostro Continente più stabili e più sicuri».

«Bisogna guardarsi allo specchio», ha ribattuto il presidente finlandese Sauli Niinistö durante una visita del primo ministro britannico Boris Johnson a Helsinki. Questo perché è la Russia stessa responsabile dell'adesione della Finlandia alla NATO.

Diversi i pareri degli esperti

Il ricercatore sui conflitti Cederman è più tranquillo riguardo al tintinnio della sciabola: «Le tensioni geopolitiche aumenteranno, ma non cambierà molto nella situazione esistente. Le armi nucleari sono già di stanza a Kaliningrad».

D'altra parte, Matti Kari, ex vice capo del servizio di intelligence della difesa finlandese, prevede – in una dichiarazione alla «CNN» – ulteriori violazioni dello spazio aereo finlandese, un'interruzione delle spedizioni e un aumento delle attività di intelligence da parte della Russia in risposta all'adesione del Paese scandinavo alla NATO.

La Russia ha già lanciato una campagna di disinformazione: «La narrazione principale descrive la Finlandia come un Paese nazista perché abbiamo combattuto a fianco della Germania contro l'Unione Sovietica nella Seconda Guerra Mondiale».

Håkon Lunde Saxi, professore associato al Norwegian Defence University College, stima che l'adesione della Finlandia alla NATO comporterebbe rinforzi militari lungo il confine tra la Russia e l'allora secondo membro della NATO più settentrionale, che «non favorirebbero né la sicurezza europea né quella finlandese».

La Svezia si deve mostrare solidale

La decisione della Finlandia di aderire alla NATO avrebbe anche un impatto diretto sulla vicina Svezia, che ora sta intensificando il suo dibattito sull'adesione.

«La Svezia deve aderire all'adesione della Finlandia alla NATO per ragioni storiche di solidarietà», spiega Cederman. Ciò non si applica agli altri Paesi neutrali in Europa: Svizzera, Austria e Irlanda: «La situazione è più rilassata perché non confinano direttamente con la Russia. Quindi non vedo nessuna forza d'attrazione».

Tuttavia, secondo l'esperto dell'ETH, i membri della NATO intensificheranno la loro cooperazione in futuro, ad esempio «continuando a rendere compatibili le loro armi e i loro sistemi di comunicazione».

Inoltre, Finlandia e Svezia dovrebbero chiedersi se in futuro tollereranno le truppe della NATO o addirittura le armi nucleari sul loro territorio. Ciò è ancora inimmaginabile per molti scandinavi.