Andamento della guerra

In Ucraina il fronte si blocca, ma un'arma turca dà speranza a Kiev

Philipp Dahm

26.11.2022

Alcuni soldati ucraini a Chornobaivka, fuori da Kherson, il 24 novembre.
Alcuni soldati ucraini a Chornobaivka, fuori da Kherson, il 24 novembre.
KEYSTONE/EPA/ROMAN PILIPEY

Nel nord-est dell'Ucraina la situazione è così tranquilla che i russi temono un'offensiva. Mentre nel Donbass continuano i pesanti combattimenti e Kherson è coperta dall'artiglieria. Kiev è felice di una nuova arma turca.

Philipp Dahm

26.11.2022

Al confine tra Kharkiv e Lugansk il fronte si è stabilizzato, ma solo dopo che la Russia ha fatto intervenire le forze speciali: secondo l'intelligence britannica le unità aviotrasportate VDV, che prima si trovavano a Kherson, sono state riassegnate qui.

Si tratta di truppe d'élite, ma è improbabile che, dopo il ritiro da Kherson, siano a pieno regime. Avranno avuto il loro ruolo nel fallimento di un'altra avanzata ucraina sul villaggio di Novoselivske. Allo stesso tempo, i soldati di Kiev puntano alla strada P07 che da Kupiansk conduce a Svatove, passando per Novoselivske.

Il villaggio di Novoselivske è segnato in rosso. A nord-ovest c'è Kupiansk, mentre a sud-est è ben visibile Svatove.
Il villaggio di Novoselivske è segnato in rosso. A nord-ovest c'è Kupiansk, mentre a sud-est è ben visibile Svatove.
Google Earth

Le forze armate avversarie hanno scavato a ovest di Svatove e hanno allestito degli sbarramenti con i carri armati. I blogger militari russi ipotizzano che presto potrebbe esserci un'offensiva ucraina più ampia, perché al momento il fronte è relativamente tranquillo. I combattimenti sono cessati anche più a nord, intorno a Kreminna.

Continuano i combattimenti nel Donbass

La situazione intorno a Bachmut, invece, è molto diversa. Entrambe le parti sono ancora impegnate in pesanti combattimenti, con un forte fuoco di artiglieria. Anche qui vengono utilizzati mortai pesanti e lanciarazzi multipli. Le truppe ucraine avrebbero tentato senza successo di riprendere Opytne, che si trova a sud delle porte della città.

Un treno con del carburante in fiamme: proiettili Himars ucraini avrebbero colpito le linee di rifornimento russe a Makiivka, dietro la linea del fronte.

Un po' più a sud, le truppe russe stanno cercando di avanzare. L'idea è probabilmente quella di aggirare Bachmut e poi circondare la parte nord con un unico movimento. Ma si dice che ci siano anche feroci combattimenti a Soledar, che si trova a dieci chilometri a nord-est di Bachmut. Secondo i viedo, a Spirne, 25 chilometri a nord-est di Bachmut, la Russia ha utilizzato munizioni incendiarie vietate.

Elicotteri da combattimento ucraini in azione a Bachmut.

Un secondo punto focale è Avdiivka, 50 chilometri a sud di Bachmut. L'aeroporto di Donetsk dista solo 4 chilometri da qui. Anche in questo caso, le truppe russe starebbero cercando di aggirare le fortificazioni a nord e a sud di Avdiivka per accerchiare la città. Secondo quanto riferito, gli avversari hanno rafforzato qui le loro forze per fermare l'avanzata.

In cima alla foto c'è Soledar, in prima linea, seguita da Bachmut, più a sud. In fondo all'immagine c'è Avdiivka, che deve essere aggirata a nord e a sud.
In cima alla foto c'è Soledar, in prima linea, seguita da Bachmut, più a sud. In fondo all'immagine c'è Avdiivka, che deve essere aggirata a nord e a sud.
Deep State Map

Scontri di artiglieria nel sud

Dall'oblast di Zaporizhzhia non ci sono notizie che confermino le speculazioni secondo cui l'Ucraina potrebbe avanzare fino a Melitopol, per creare un cuneo nel territorio occupato dai russi. Ci sono solo notizie che affermano che l'artiglieria russa sta bombardando località sulla linea di contatto. In particolare Charivne, Olhivske e Huliaipilske.

Il tweet sopra mostra il fuoco dell'artiglieria ucraina sulle posizioni russe a Zaporizhzhia il 23 novembre.

Nella sezione più occidentale del fronte, a Kherson, è giunta l'ora dell'artiglieria: dalla sponda orientale del Dnepr la Russia sta prendendo di mira la città lungo il suo perimetro, mentre le forze di terra stanno espandendo le loro posizioni difensive lungo l'autostrada E97, che porta da Kherson alla Crimea. Il 23 novembre, secondo quanto riferito, sono state utilizzate anche qui bombe incendiarie. I continui incendi stanno colpendo duramente la popolazione.

«Ho paura», dice all'agenzia di stampa AP Ludmilla Bonder, del piccolo villaggio di Kyselivka. «Dormo ancora completamente vestita in cantina». Altri stanno lasciando la regione, come Tetjana Stadnik di Kherson: «Ce ne andiamo ora perché andiamo a letto ogni sera con la paura. I proiettili volano sopra le nostre teste ed esplodono. È troppo. Aspetteremo che la situazione migliori. E poi torneremo a casa».

Prossimo attacco missilistico non prima di una settimana

L'esercito ucraino sta rispondendo al fuoco: l'artiglieria avrebbe colpito i russi a Melitopol e nei pressi di Vesele. Nell'insediamento, che si trova a circa 50 chilometri a sud della centrale nucleare di Zaporizhzhia, sono state distrutte le batterie S-300, presumibilmente responsabili del bombardamento a una clinica materna di Vilniansk.

Un'avanzata attraverso il Dnepr non è prevista, anche se la penisola di Kinburn è una spina nel fianco per Kiev, perché da qui si può continuare a bombardare Mykolaiv: «Questo ha interrotto le linee di rifornimento russe e renderà più difficile un'ulteriore avanzata ucraina oltre la riva sinistra del fiume», afferma Mario Bikarski, della società di ricerca Economist Intelligence Unit.

Segnata in rosso: la penisola di Kinburn.
Segnata in rosso: la penisola di Kinburn.
Google Earth

Nonostante l'assenza di nuove offensive, la guerra rimane dominata dagli attacchi russi alle infrastrutture civili. «Vogliono distruggerci», dice Andriy Yuzov, portavoce del Servizio di intelligence militare. «Vogliono farci sprofondare nel buio e nel freddo per costringerci a negoziare. Non funzionerà».

Aggiornamento sulle armi

Secondo Yuzov, Mosca ha bisogno di almeno una settimana per preparare attacchi missilistici così massicci. Dato che le scorte di armi di precisione sono state esaurite, ritiene che per gli attacchi vengano utilizzati sempre più spesso sistemi imprecisi, come il missile antiaereo S-300. Anche le scorte di droni iraniani Shahed-136 sarebbero esaurite.

Dopo che gli iraniani che avrebbero dovuto addestrare i soldati russi sono stati presumibilmente uccisi sul fronte in Ucraina, dal 17 novembre non ci sono stati altri avvistamenti in questo senso. Dato che le capacità di costruzione iraniane sono limitate, la Russia sta ora avviando una propria produzione, secondo quanto riporta il «Washington Post».

L'Ucraina, d'altra parte, ha ora un'arma molto più potente nel suo arsenale: Ankara avrebbe equipaggiato Kiev con missili TRLG-230. Possono essere sparati da lanciamissili come gli Himar e gli MLRS e hanno una gittata di 150 chilometri. Questo estende notevolmente il raggio d'azione dell'artiglieria ucraina.

Anche altre nazioni continuano a sostenere Kiev: la Croazia vuole addestrare le truppe ucraine nel proprio Paese, il Canada addestra gli ingegneri ucraini in Polonia e il Regno Unito invia cannoni antiaerei e altri accessori per la difesa aerea. Washington vuole sostenere Kiev con missili antiaerei NASAMS e munizioni.