«Pensavo di morire»

Le grida dei torturati di Kherson

Di Sam Mednick e Hanna Arhirova, AP

25.11.2022

Durante la guerra in Ucraina, i soldati russi avrebbero torturato i prigionieri in diversi luoghi dell'Ucraina, tra cui Mariupol, come illustrato qui.
Durante la guerra in Ucraina, i soldati russi avrebbero torturato i prigionieri in diversi luoghi dell'Ucraina, tra cui Mariupol, come illustrato qui.
AP / DPA

Secondo le organizzazioni umanitarie, il numero di attacchi russi contro la popolazione civile in Ucraina è in aumento. In molti casi, ci sono accuse di tortura. La situazione nella città liberata di Kherson, bombardata pesantemente nelle ultime ore, è particolarmente preoccupante.

Di Sam Mednick e Hanna Arhirova, AP

25.11.2022

Alescha Babenko è stato rinchiuso in una cantina per dieci giorni, dove è stato picchiato quasi quotidianamente dai soldati russi. Lo racconta lo stesso 27enne. È stato legato, bendato e minacciato con scosse elettriche. Disperato, implorava i suoi aguzzini di smettere. «Pensavo di morire», ricorda.

Babenko e suo nipote Vitaly Misharsky, di 14 anni, sono stati arrestati a settembre dai soldati russi che avevano occupato il loro villaggio di Kyselivka, nella regione ucraina meridionale di Kherson.

I due avevano scattato foto di carri armati distrutti e le avevano inviate alle forze armate ucraine. Babenko è ancora visibilmente scosso quando racconta dell'arresto. È stato gettato in un'auto, condotto nella città di Kherson e interrogato fino a quando non ha confessato.

La Russia subisce un'umiliante sconfitta a Kherson

Nella guerra di aggressione in Ucraina, il numero di attacchi russi contro i civili è in aumento, secondo le Nazioni Unite e i gruppi per i diritti umani.

La situazione è particolarmente preoccupante nella regione di Kherson, dove centinaia di località, tra cui il capoluogo regionale Kherson, sono state liberate dall'occupazione russa all'inizio di novembre. È stato uno dei più grandi successi dell'Ucraina nella guerra, che dura da quasi nove mesi, e allo stesso tempo una sconfitta particolarmente umiliante per il Cremlino.

Le Nazioni Unite affermano che attualmente stanno indagando su quasi 90 presunti casi di sparizioni forzate e detenzioni arbitrarie a Kherson. Si sta anche indagando se l'entità dei crimini sia maggiore di quanto documentato finora.

I soldati russi si lasciano alle spalle presunti luoghi di tortura

Le autorità ucraine stanno indagando su oltre 430 casi di possibili crimini di guerra nella regione di Kherson e stanno esaminando quattro presunte camere di tortura, ha dichiarato il ministro degli Interni Denys Monastyrskyj alla televisione di Stato. Nei dintorni di Kherson sono stati trovati 63 corpi che presentavano tracce di tortura.

La settimana scorsa, un team dell'AP ha visto una delle presunte camere di tortura in un centro di detenzione della polizia a Kherson. I soldati russi sembravano aver lasciato il posto in fretta e furia. Bandiere e ritratti del presidente russo Vladimir Putin giacevano a terra tra i vetri rotti.

I vicini hanno descritto un flusso continuo di persone che sono state portate nella struttura in manette e con sacchi in testa. Coloro che sono stati autorizzati ad andarsene sono rimasti senza scarpe ed effetti personali.

Fosse comuni scoperte in tutta l'Ucraina

Maxym Nehrow ha trascorso il suo 45° compleanno in prigione, come lui stesso afferma. Era stato arrestato dalle truppe russe perché era un soldato. «La cosa più orribile è stata sentire le urla di altre persone che venivano torturate tutto il giorno», racconta Nehrow, che ha accompagnato il team di AP attraverso i corridoi della prigione ormai abbandonata. Lui stesso è stato colpito con il taser alla testa o al collo per la minima disobbedienza.

Nel corso della guerra, sono state scoperte migliaia di atrocità nelle località ucraine liberate. A Butcha e Irpin, sobborghi della capitale Kiev, i corpi giacevano nelle strade e nelle fosse comuni dopo il ritiro russo in aprile.

Secondo le organizzazioni per i diritti umani, è troppo presto per dire se i crimini a Kherson siano di portata simile a quelli commessi in altre località liberate, ma è molto probabile.

Human Rights Watch conferma casi di tortura

«In tutte le aree occupate a cui abbiamo avuto accesso, abbiamo documentato casi di tortura e di esecuzioni extragiudiziali», afferma Belkis Wille, ricercatrice di Human Rights Watch specializzata in crisi e conflitti. Nelle regioni occupate del Paese, il gruppo ha anche documentato attacchi illegali, torture e sparizioni di civili.

A Kysselivka, i residenti tormentati cercano faticosamente di tornare alla vita dopo il ritiro delle truppe russe il 10 novembre. Al loro ritorno, Babenko e suo nipote trovarono il loro villaggio ancora sotto l'occupazione russa. Sono stati rilasciati dopo aver ammesso le loro registrazioni video.

Altri nel loro villaggio non sono stati così fortunati. Il padrino del figlio di Alla Prozenko, ad esempio, è stato prelevato da casa sua dai soldati russi due mesi fa e da allora non è più stato visto. Lo ha cercato invano in tutto il Paese, dice Prozenko. La 52enne ha visto per l'ultima volta il padrino di suo figlio il giorno del suo compleanno, una settimana prima della sua scomparsa. «Per me è ancora vivo - dice - e non riesco ad accettare il fatto che non ci sia più».