Raccolto di grano in pericolo

La guerra fa sbalzare il prezzo del pane. E i più poveri per strada?

Di Philipp Dahm

12.3.2022

Raccolto in un villaggio russo nel luglio 2021: il più grande esportatore mondiale di grano ha grosse difficoltà nella sua vendita a causa delle sanzioni imposte.
AP

La Russia e l'Ucraina rappresentano un quarto della produzione annuale di grano. Cosa succede quando i prezzi del pane aumentano nei paesi importatori come Egitto, Libia, Yemen o Bangladesh?

Di Philipp Dahm

12.3.2022

Gli alti prezzi del pane sono costati cari a molti governi. Che si tratti della Rivoluzione francese o della Primavera araba: ogni volta che l'acquisto di beni alimentari divora gran parte del budget, l'aumento dei prezzi come quello del grano possono causare vere e proprie difficoltà alle persone.

E ora la Russia è in guerra con l'Ucraina. I numeri parlano da sé: il più grande esportatore di grano del pianeta, che rappresenta il 18,4% del commercio, contro il numero cinque, che contribuisce per il 7%. Di conseguenza, più di un quarto della produzione mondiale di grano è ora a rischio, a causa delle sanzioni o della distruzione.

Campo di grano in Ucraina: la bandiera nazionale trae ispirazione dal paesaggio.
Commons/Flickr/Dobrych

Il raccolto dell'Ucraina è ovviamente in pericolo e così i paesi a cui Kiev fornisce la materia prima devono preoccuparsi. Dall'Ucraina, il Bangladesh ottiene il 21% del suo grano, lo Yemen il 22%, la Libia il 43% e la Tunisia e il Libano anche il 50%: tutti paesi poveri che stanno già lottando con l'inflazione e una bassa stabilità. Quali potrebbero essere per loro le conseguenze per l'aumento del prezzo del pane?

Osservando anche i maggiori importatori mondiali la situazione sta per implodere: il 10,6% del grano finisce in Egitto, il 5,2% in Indonesia, il 4,9% in Turchia, il 3,8% in Italia e il 3,7% nelle Filippine. In paesi popolosi come l'Egitto, l'Indonesia e le Filippine, l'aumento dei prezzi interesserà la maggior parte della popolazione.

Non ci sarà carenza di generi alimentari, ma...

E la Turchia sta attualmente lottando con un'inflazione record di oltre il 50%: qui ci si deve aspettare disordini sociali proprio come in Egitto, ad esempio se i raccolti dell'Europa orientale fallissero tra agosto e settembre. Il mercato non ha speranze: lunedì il grano è stato scambiato più in alto che mai sul mercato a termine di Chicago.

Panetteria del Cairo il 3 marzo: l'Egitto acquista oltre il 10% delle esportazioni annuali di grano.
EPA

Anche altre materie prime vegetali risentono del rialzo: il mais e la soia sono aumentati ciascuno del 26% dall'inizio dell'anno. «Non ci sarà carenza di cibo», ha affermato Sal Gilbertie, CEO della società di investimento Teuricum di Yahoo Finance. «Ma sfortunatamente si vedrà come [milioni] di persone in tutto il mondo potrebbero non essere più in grado di permettersi di acquistare cibo».

D'altronde il contributo di Kiev è fondamentale non solo nel circuito del grano: «L'Ucraina domina il cosiddetto mercato dei semi di sole», spiega Gilbertie. «L'olio di girasole è una componente importante negli oli commestibili e nella produzione alimentare». Sono aumentati anche i prezzi dell'olio di palma e di soia: «Questo è un grosso problema soprattutto per i più poveri tra i poveri».

«Abbiamo bisogno di pane»

I girasoli e il mais dovrebbero essere piantati ad aprile per ottenere successivamente un raccolto standard: le prospettive sono pessime, come per il grano. In Tunisia, dove ci sono state delle rivolte per il pane già negli anni '80, dall'inizio del conflitto i prezzi sono saliti ai massimi storici, come non succedeva da 14 anni. «A fine mese non ci saranno più soldi», lamenta Khmaes Ammani sul «The Guardian» britannico.

Ammani è un bracciante a Tunisi: «Tutto sta diventando sempre più costoso, ho dovuto persino prendere in prestito qualcosa. Se il prezzo del pane sale, si deve risparmiare altrove: abbiamo bisogno di pane». In Paesi come il Bangladesh o lo Yemen, dove c'è già la fame, le conseguenze sono ancora più gravi: l'Onu ha già lanciato un allarme per gli approvvigionamenti.

Mercato a Tunisi: il prezzo del pane non è mai stato così alto da ben 14 anni (foto d'archivio).
Keystone

Particolarmente a rischio sono il Medio Oriente e il Nord Africa: «C'è una sovrapproduzione mondiale di grano quest'anno», spiega Abeer Etefa, portavoce del Programma alimentare mondiale. «Ma, considerando da dove verrà il grano, ci saranno tempi di consegna lunghi e costi di trasporto più elevati», afferma rispetto all'Ucraina.

Il problema è che al momento una pace tempestiva in Europa orientale pare irrealistica: probabilmente sarà troppo tardi per colture come il mais, e anche gli speculatori scommettono sull'aumento del prezzo del grano. All'estero la guerra di Vladimir Putin non sta colpendo quindi solo le menti e i cuori della popolazione mondiale, ma anche la loro pancia.