L'opinione dell'esperto militare

«Putin può ancora vincere la guerra»

uri

7.5.2022

Un veicolo militare russo nelle strade di Trokhizbenka, nel Donbass (immagine d'archivio). 
Un veicolo militare russo nelle strade di Trokhizbenka, nel Donbass (immagine d'archivio). 
KEYSTONE/EPA/SERGEI ILNITSKY

I rapporti che comunicano le cattive condizioni dell'esercito russo e i suoi progressi lenti potrebbero essere ingannevoli. Un esperto spiega infatti che nel Donbass le truppe di Putin si muovono seguendo una precisa strategia, che nel corso del conflitto è cambiata.

uri

7.5.2022

I servizi segreti britannici condividono regolarmente le loro scoperte sullo stato dell'esercito russo. E queste, solitamente, non sono lusinghiere. Martedì, ad esempio, Londra ha annunciato nuovamente che la forza di combattimento russa non è stata sfruttata in modo da ottenere un vantaggio decisivo in Ucraina.

A causa di errori strategici e carenze nell'esecuzione operativa, l'esercito di Vladimir Putin ora è significativamente più debole rispetto all'inizio della guerra, sia per quanto riguarda le attrezzature che a livello concettuale.

I servizi di intelligence prevedono anche, a lungo termine, un effetto negativo sulla forza di combattimento di Mosca, sia in termini di armi convenzionali che di truppe. 

Questa valutazione, dopo tutto, coincide con un obiettivo strategico dichiarato degli Stati Uniti. Dopo la recente visita a Kiev, il segretario alla difesa americano Lloyd Austin ha detto: «Vogliamo vedere la Russia indebolita al punto che non possa più fare il tipo di cose che ha fatto invadendo l'Ucraina».

«Non dobbiamo sottovalutare la Russia»

Markus Reisner, capo del Dipartimento di ricerca e strategia militare presso l'Accademia Militare Teresiana di Vienna e colonnello del Ministero della Difesa austriaco, mette in guardia contro una visione troppo ottimistica - da una prospettiva occidentale - dello stato delle forze armate russe.

L'esperto ha detto al giornale «Die Welt» che è necessario un quadro obiettivo della situazione. Sorvolare sullo stato degli aggressori non aiuta, ha affermato, perché questo offusca la situazione reale. «I russi sono perfettamente in grado di decidere quando, dove e come colpire. Non dobbiamo sottovalutarli», sostiene Reisner.

Veicoli corazzati russi avanzano nell'Ucraina orientale a metà aprile. (Archivio)
Veicoli corazzati russi avanzano nell'Ucraina orientale a metà aprile. (Archivio)
Keystone

Secondo il giornale l'ufficiale, che è ben informato da varie fonti, si aspetta un'ulteriore escalation dei combattimenti nelle prossime settimane nel Donbass. Qui, la Russia cercherà di «arrivare a una decisione, accerchiare gli ucraini e costringerli ad arrendersi».

Le armi pesanti arrivano troppo tardi

Per sopravvivere, l'Ucraina ha urgente bisogno di nuove armi dall'Occidente, ha spiegato Reiser. Tuttavia, la consegna delle armi pesanti è iniziata troppo tardi per arrivare nel Donbass in tempo. I radar di ricognizione dell'artiglieria, i carri armati, i pezzi di artiglieria, gli aerei e i sistemi di difesa aerea sono anche grandi e durante il trasporto sono obiettivi facili.

Si sa anche che la Russia è già stata in grado di catturare o distruggere molte consegne di armi dall'Occidente, ha detto Reisner. Il consumo dell'Ucraina in questo settore è anche molto alto. Secondo i dati statunitensi, le armi fornite dall'Occidente in una settimana si esaurirebbero in un solo giorno. 

Il tempo gioca a favore degli attaccanti anche sotto altri aspetti, sottolinea l'esperto. Le imboscate ucraine, che hanno avuto successo altrove nelle prime settimane della guerra, ora non funzionano più molto bene, perché i russi sono preparati e quindi le forze speciali ucraine vengono spesso distrutte dalle loro controparti russe.

L'avanzamento lento è intenzionale

Per questi motivi, le linee di rifornimento per l'offensiva russa nel Donbass - a differenza della situazione nella regione di Kiev nella prima fase della guerra - sono ancora intatte. Inoltre, l'artiglieria russa sta sparando massicciamente sulle posizioni dell'Ucraina nel Donbass durante la notte, al fine di logorarle e attaccarle durante il giorno.

A differenza delle prime sei settimane, le unità russe non avanzano più rapidamente e in colonna, ma «lentamente, ampiamente dispiegate e con un massiccio supporto di fanteria». L'avanzata è assicurata da ulteriori plotoni di carri armati. In questo modo, le unità russe avanzano solo a circa 1,5 chilometri all'ora, ma questo è voluto e non è un segno di debolezza, hanno spiegato i militari.

Nel caso in cui i russi prendano il Donbass, Reisner ipotizza che ci sarà inizialmente una tregua nei combattimenti, durante la quale entrambe le parti si riprenderanno e si riorganizzeranno. La guerra non finirà entro in estate, l'ufficiale ne è certo.

Inoltre, ha detto al «Welt», l'amara verità è che «Putin può vincere la guerra». Vincere in questo caso vorrebbe dire «che il presidente russo possederà, dopo lo scontro armato, più Ucraina di prima».