Guerra in Ucraina

Putin sfida il mondo: «Attueremo tutti i nostri piani»

SDA

18.3.2022 - 20:29

«Non c'è amore più grande di dare la propria vita per i propri amici»: Vladimir Putin arriva a citare il Vangelo secondo Giovanni per giustificare la sua aggressione all'Ucraina. Le parole del presidente russo riecheggiano in uno stadio di Mosca gremito all'inverosimile, in un tripudio di bandiere russe e vessilli con la ormai famigerata 'Z' simbolo dell'invasione.

Russian President Vladimir Putin greets people after his speech at the concert marking the eighth anniversary of the referendum on the state status of Crimea and Sevastopol and its reunification with Russia, in Moscow, Russia, Friday, March 18, 2022. (Ramil Sitdikov/Sputnik Pool Photo via AP)
Il presidente russo Vladimir Putin saluta la gente dopo il suo discorso al concerto che segna l'ottavo anniversario del referendum sullo stato della Crimea e Sebastopoli e la sua riunificazione con la Russia, a Mosca, Russia, venerdì 18 marzo 2022.
KEYSTONE/Ramil Sitdikov/Sputnik Pool Photo via AP

SDA

18.3.2022 - 20:29

E al mondo che dubita del successo della sua operazione militare invia un gelido messaggio: «Sappiamo esattamente cosa fare. Come e a spese di chi. E attueremo tutti i nostri piani». Piani che nella mente dello zar probabilmente vanno ben al di là dell'attuale conflitto, e rimandano al sogno nemmeno tanto segreto di ridare vita ad un nuovo impero.

Così, dopo i minacciosi passaggi televisivi dei giorni scorsi, Putin si concede un bagno di folla altrettanto inquietante, proprio mentre Joe Biden parla al telefono con Xi Jinping e a Kiev, Leopoli, Mariupol e molte altre città ucraine continuano a piovere le bombe su uomini, donne e bambini.

Ribadite le motivazioni

L'occasione è l'ottavo anniversario dell'annessione della Crimea da parte della Russia, che nel 2014 fu motivata – ribadisce il capo del Cremlino – dal «genocidio» perpetrato dalle forze nazionaliste e naziste ucraine.

Lo stesso genocidio che ora Mosca vuole evitare nella regione del Donbass. Affermazioni accompagnate dall'ovazione dei sostenitori in delirio, decine di migliaia di persone che riempiono lo stadio Luzhniki (quello della finale dei mondiali di calcio del 2018) in cui va in scena l'altra Russia.

Una Russia distante anni luce dalle migliaia di manifestanti finiti in cella nella capitale, a San Pietroburgo e in tutto il Paese per aver avuto il coraggio di protestare contro la guerra. Sugli spalti tutti gridano a squarciagola 'Russia! Russia! Russia!', mentre risuonano canti patriottici che inneggiano a un solo Paese che comprende Ucraina, Crimea, Bielorussia e Moldavia.

Il look di Putin stride con la realtà

Al centro del palco lo zar si fa notare per un look particolare, meno ingessato. Abbandona infatti completo giacca e cravatta e veste un maglione a collo alto color crema e un parka di colore blu di Loro Piana da un milione e mezzo di rubli, circa 12 mila euro.

Una scelta che stride con i crescenti disagi e le difficoltà di tanti russi a causa delle dure sanzioni economiche e finanziarie imposte da Europa e Stati Uniti. Ma soprattutto stride con l'immagine dell'avversario, Volodymyr Zelensky, il presidente nemico che sotto le bombe dello stesso Putin indossa la mimetica in segno di vicinanza al suo popolo che combatte per la libertà.

Una folla di ... funzionari e studenti?

Ma alla folla in delirio del Luzhniki tutto questo non importa. L'impianto può ospitare fino a 81'000 spettatori, ma la polizia moscovita, tra dentro e fuori lo stadio, parla di almeno 200'000 persone.

Anche se per alcuni reporter occidentali presenti la maggior parte dei partecipanti sarebbe stata composta da gruppi di dipendenti pubblici organizzati dallo stesso governo. Si mormora inoltre che gli studenti delle università siano stati autorizzati a saltare le lezioni a patto di andare a un «concerto» non meglio precisato.

Un parallelo con Trump?

Qualcuno parla cinicamente di 'war party'. Altri azzardano il parallelo con i mega comizi di Donald Trump, quelli al grido di 'Make America Great Again'. Ma non è certo all'ex presidente USA che Putin si ispira, paragonandosi invece al più grande ammiraglio russo della storia, Fyodor Ushakov, quello che non perse mai una battaglia.

Divenuto un eroe ai tempi di Caterina la Grande e poi dal XXI secolo venerato come santo dalla Chiesa ortodossa. A rovinare un po' la festa solo la brusca interruzione della diretta sulla tv di stato mentre il leader era a metà del suo intervento. «Un problema tecnico», spiegherà poi il Cremlino, un incidente che a qualcuno però potrebbe costare caro.

Putin va avanti per conto suo

Intanto l'impressione che lo zar voglia tirare dritto per la sua strada è emersa anche dalle telefonate avute in giornata col cancelliere tedesco Olaf Scholz e col presidente francese Emmanuel Macron, che al termine s'è detto molto preoccupato.

Sulla prima il portavoce Dimitry Peskov non ha nascosto come si sia trattato di un colloquio che «difficilmente potrebbe essere definito amichevole». Mentre l'Eliseo, deluso, ha ribadito che per Putin la colpa di tutto quel che sta accadendo è solo e soltanto di Kiev e dell'Occidente. Colpevoli loro, nella versione dello zar, di «crimini di guerra».

SDA