Guerra in Ucraina

Guerra in Ucraina: in corso le trattative per i corridoi umanitari, l'armistizio e il cessate il fuoco

SDA

3.3.2022 - 18:31

Minister of Defense of Ukraine Oleksiy Reznikov, left, the Head of the Ukrainian Servant of the People faction Davyd Arakhamia, second left, Russian Ambassador to Belarus Boris Gryzlov, fourth right, Leonid Slutsky, chairman of the Russian State Duma's International Affairs Committee, third right, Deputy Minister of Defense Alexander Fomin, second right, and Deputy Foreign Minister Andrei Rudenko, greet each other prior to the Russian-Ukrainian talks in the Belavezhskaya Pushcha National Park, close to the Polish-Belarusian border, northward from Brest, Belarus, Thursday, March 3, 2022. (Maxim Guchek/BelTA Pool Photo via AP)
I diversi membri della fazione ucraina e russa si salutano prima dei colloqui odierni nel Parco Nazionale Belavezhskaya Pushcha, vicino al confine polacco-bielorusso, a nord di Brest, in Bielorussia.
KEYSTONE/Maxim Guchek/BelTA Pool Photo via AP

È in corso il secondo round di colloqui negoziali tra la delegazione russa e quella ucraina a Belovezhskaya Pushcha, nella regione bielorussa di Brest. In agenda il cessate il fuoco immediato, un armistizio e corridoi umanitari per l'allontanamento di civili da villaggi e città distrutti o bombardati.

SDA

3.3.2022 - 18:31

Un video diffuso dal ministro della difesa ucraino Reznikov mostra le due delegazioni stringersi la mano. Mosca nelle ore precedenti all'avvio dei lavori aveva aperto a possibili «pause» per sfollare i civili dalle città e dai paesi bombardati.

In una telefonata, durata un'ora e mezza, con il presidente francese Emmanuel Macron, che intanto si prepara ad annunciare la sua ricandidatura all'Eliseo, il capo dello Stato russo Vladimir Putin ha detto che continuerà «la lotta contro i nazionalisti in Ucraina senza compromessi fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi militari». L'Eliseo ha fatto sapere che il presidente russo intende prendere il controllo di tutta l'Ucraina.

Zelensky vuole un confronto diretto con Putin

Mentre i negoziati sono in corso, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky chiede di parlare direttamente con Putin, giudicando un confronto con il presidente russo come «l'unico modo per fermare la guerra». «Se noi dovessimo scomparire – ha detto – allora sarà il turno della Lettonia, della Lituania, dell'Estonia. Fino al muro di Berlino, credetemi».

Sul campo intanto le forze militari russe si preparano allo sbarco ad Odessa. Un cargo estone battente bandiera panamense è stato colpito ed è affondato. Tutti salvi i sei membri dell'equipaggio.

Nel resto del Paese si continua a combattere e a Bucha, città a 30 chilometri da Kiev i soldati ucraini hanno issato la bandiera nazionale. A Kherson, invece, le truppe russe hanno preso la sede dell'amministrazione regionale e a Mariupol il sindaco afferma che i soldati di Putin tentano il blocco della città.

Arriva l'accordo Ue per i rifugiati

A livello europeo è stato trovato un accordo per la gestione dei profughi, un milione secondo l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, che si attende arriveranno in massa dall'Ucraina.

Il ministro dell'interno francese Darmanin ha fatto sapere che è stata trovata un'intesa al Consiglio affari interni europeo, a cui è associata anche la Svizzera. Nelle ultimissime ore la presidenza del Consiglio europeo ha lavorato ad una dichiarazione politica da allegare alla direttiva per registrare il tema dei «non ucraini» in fuga su cui alcuni Paesi, Polonia su tutti, avevano espresso riserve.

In Russia, i media indipendenti lanciano l'allarme per la chiusura in rapida successione delle emittenti e delle testate indipendenti. Meduza, in un editoriale rivela di avere ancora pochissimo tempo prima che la censura di Stato si abbatta. A Mosca ha chiuso la televisione indipendente Dozhd. Negli ultimi due giorni le trasmissioni erano visibili solo su Youtube.

Nuove sanzioni contro gli oligarchi russi

Intanto, gli Stati Uniti approvano sanzioni per altri oligarchi russi, già duramente colpiti dalle misure varate da Bruxelles. Nel mirino finisce anche Alisher Usmanov, il magnate dell'acciaio con una fortuna di circa 15 miliardi di dollari (13,7 miliardi di franchi).

Altre crepe si intravedono nel fronte degli oligarchi: il miliardario russo Oleg Deripaska, intervenendo al Krasnoyarsk Economic Forum, ha detto che il primo passo per uscire dalla crisi è la pace e che la «cortina di ferro» è caduta sulla Russia prevedendo una severa crisi per almeno tre anni.

Il presidente degli Usa Joe Biden chiede al Congresso di approvare circa 10 miliardi di dollari di fondi di emergenza per l'Ucraina. Risorse da usare per affrontare la crisi umanitaria ma anche per rafforzare le difese del paese contro l'invasione della Russia.

Gli atleti russi esclusi dalle Paralimpiadi

Il consiglio di amministrazione del Comitato paralimpico internazionale (Ipc) ha deciso che gli atleti di Russia e Bielorussia non potranno partecipare alle Paralimpiadi di Pechino che prendono il via domani.

Ieri l'Ipc aveva dato l'ok alla loro partecipazione sotto la bandiera neutrale, ma oggi ha fatto marcia indietro e ha deciso di rifiutare le iscrizioni dopo che numerosi comitati olimpici avevano minacciato il ritiro se non fosse stata riconsiderata la precedente decisione.

SDA