Grigioni

Appaltopoli: il TAF dà ragione alla COMCO e torto a Coira

ATS

5.11.2019 - 14:58

Il TAF dà ragione alla COMCO che aveva bocciato una richiesta di accesso agli incarti di Coira.
Il TAF dà ragione alla COMCO che aveva bocciato una richiesta di accesso agli incarti di Coira.
Source: KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha dato torto al Cantone dei Grigioni in una vertenza contro la Commissione della concorrenza (COMCO): quest'ultima ha fatto bene a negare a Coira l'accesso agli incarti sulle imprese che avevano concordato i prezzi.

Tra il 2004 e il 2012 tre imprese di costruzione della Val Monastero avevano concordato le offerte fornite nell'ambito di concorsi pubblici per lavori nell'edilizia e l'ingegneria civile, violando così le leggi antitrust.

La COMCO aveva però rinunciato a sanzioni contro due imprese che si erano autodenunciate. Un altro procedimento contro una società fallita è stato archiviato.

Come è andata

Il Cantone dei Grigioni aveva presentato immediatamente una richiesta volta a consultare tutta la documentazione. Voleva avere accesso a qualsiasi mezzo di prova e agli incarti che la COMCO ha respinto per motivi di protezione dei dati. Il Tribunale amministrativo federale sostiene ora l'azione dell'autorità di concorrenza, come indica una sentenza pubblicata martedì.

La COMCO ha dunque agito in conformità con le disposizioni di legge oscurando i nomi personali e altre informazioni riservate riguardanti le aziende. Il TAF ha pertanto respinto il ricorso del Cantone. Non ci sono altre basi giuridiche che consentirebbero un'ulteriore divulgazione dei dati, ha scritto il tribunale.

La decisione del TAF non è ancora definitiva. Può essere impugnata dinanzi al Tribunale federale di Losanna.

Ticino e Grigioni giorno per giorno

Tornare alla home page

ATS