Guerra in Ucraina

I profughi in Svizzera necessitano anche di aiuto psicologico

Swisstxt/Red.

23.4.2022

Fluechtlinge aus der Ukraine kommen im Bundesasylzentrum in Chiasso an, am Donnerstag, 17. Maerz 2022. Inzwischen sind wegen dem Krieg ueber 9000 Menschen aus der Ukraine in die Schweiz gefluechtet. (KEYSTONE/Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
Alcuni rifugiati arrivati al Centro Federale d'Asilo di Chiasso, il 17 marzo.
KEYSTONE/Ti-Press/Pablo Gianinazzi

L'affluenza di profughi in Svizzera è alta: le autorità riferiscono di 800 domande al giorno. Secondo gli esperti, il 10% di chi arriva fuggendo dalla guerra potrebbe avere gravi conseguenze sulla propria salute mentale. Il Cantone si è mosso per fornire gli aiuti adeguati, ma c'è ancora della strada da fare.

Swisstxt/Red.

23.4.2022

Il Ticino ha messo in moto un dispositivo per il sostegno psicologico dei profughi, organizzando dei gruppi di ascolto nei cinque centri di accoglienza, con una trentina di professionisti, che si aggiungono a una rete privata di volontari. Lo rende noto la RSI.

L'organizzazione sociopsichiatrica cantonale ticinese è messa sempre più sotto pressione a causa della rapidità e dell'intensità con cui arrivano i rifugiati, sottolinea la RSI. Il servizio ha incontrato fino ad oggi 50 persone e quattro di loro hanno bisogno di aiuti ancora più specializzati. 

Si tratta spesso di donne e di madri. Emergono problematiche legate al ruolo di genitore o alla preoccupazione per i cari ancora in Ucraina.

«La questione degli interpreti è un problema»

A livello nazionale, molti terapisti si sono messi a disposizione per prendere a carico i rifugiati. La Federazione svizzera degli psicologi aveva lanciato un appello, a cui hanno risposto 500 professionisti su 10'000 affiliati. 

Tuttavia, Carole Smolenski, membro di comitato della Federazione, ha parlato ai microfoni della RSI di una significativa difficoltà che si riscontra nella cura dei profughi: «comprendere ed essere compresi durante la terapia o in qualsiasi situazione concernente l'assistenza sanitaria o sociale in generale è la condizione sine qua non. È la base per ottenere il sostegno di cui si ha veramente bisogno. Ed effettivamente la questione degli interpreti è un problema», afferma.

L'esperta specifica che «i servizi di mediazione culturale non sono regolati in modo uniforme. Specialmente nei trattamenti di psicoterapia il finanziamento di queste prestazioni non è garantito».

La situazione non è la stessa in tutta la Svizzera. «Effettivamente vi sono cantoni – ma sono pochi – come per esempio Vaud, che da diversi anni finanzia a livello cantonale le prestazioni di mediazione culturale. Ma nella maggior parte non è così. Ed è per questo che come associazione professionale – come Federazione svizzera degli psicologi – abbiamo deciso di sostenere le competenze e l'impegno dei nostri membri, cofinanziando il servizio di mediazione culturale a tutti coloro che offrono terapie ai rifugiati ucraini in difficoltà», conclude Smolenski.