URC 2022

Sommaruga: «Pianificando la ricostruzione, creiamo prospettive per i rifugiati»

sam / amo / ATS

4.7.2022

Sommaruga:

Sommaruga: "La ricostruzione richiede molto tempo, per questo bisogna iniziare subito"

La consigliera federale risponde ad alcune domande in occasione della Ukraine Recovery Conference di Lugano.

04.07.2022

Con i discorsi ufficiali del presidente della Confederazione Cassis e del suo omologo ucraino Zelensky, in video, ha preso il via ufficialmente la conferenza di Lugano sull'Ucraina.

sam / amo / ATS

4.7.2022

  • Liveticker
    Nuovi contributi
  • Liveticker finito
  • 17.55
    Per oggi il live-ticker si conclude

    Il nostro live-ticker sulla Ukraine Recovery Conference 2022 si chiude qui. Vi ringraziamo per averci seguito.

  • 17.12
    Conferenza follow-up prevista nel Regno Unito

    La Gran Bretagna ha accettato di tenere una seconda conferenza sulla ricostruzione dell'Ucraina nel 2023. Lo ha annunciato il presidente federale Ignazio Cassis in una conferenza stampa nell'ambito della conferenza sulla ricostruzione dell'Ucraina a Lugano.

  • 17.10
    Anche la moglie di Zelensky si è collegata

    La first lady ucraina Olena Zelenska ha preso parte virtualmente alla discussione tematica sulla ricostruzione sociale del suo Paese. Invece delle riforme, l'intera Ucraina ha dovuto passare alla «modalità di sopravvivenza», ha affermato la moglie del presidente Zelensky. Dopo lo shock iniziale della guerra, «vogliamo ancora parlare di sviluppo, non solo di sopravvivenza», ha detto.

  • 16.10
    Al via le «break-out sessions»

    In gruppi più piccoli, i partecipanti alla conferenza stanno ora discutendo i singoli aspetti della ricostruzione. I temi sono: ricostruzione economica e sociale e digitalizzazione nell'ambito della ricostruzione.

  • 15.55
    Accordo firmato con l'Ucraina

    Simonetta Sommaruga annuncia di aver firmato questa mattina un accordo con il premier ucraino. Ciò sancisce la cooperazione tra i due paesi con l'obiettivo di strutturare la ricostruzione secondo l'accordo di Parigi sul clima.

  • 15.52
    La consigliera federale Simonetta Sommaruga prende la parola

    Secondo la consigliera federale Sommaruga, anche la Russia sta dichiarando guerra alla modesta prosperità raggiunta dall'Ucraina. «Pianificando la ricostruzione, creiamo prospettive per i rifugiati», spiega la direttrice del DATEC.

  • 15.50
    Cassis: «Domani saranno annunciati i principi di Lugano»

    I risultati della conferenza di Lugano dovrebbero definire i principi, determinare le parti interessate e determinare i prossimi passi, spiega il presidente Cassis. È lieto che il governo britannico abbia accettato di ospitare la prossima conferenza sulla ripresa dell'Ucraina.

  • 15.45
    Il presidente Cassis tiene una conferenza stampa

    Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis informa in una conferenza stampa il pubblico.

  • 15.32
    La Gran Bretagna chiede un «Piano Marshall» per l'Ucraina

    La ministra degli Esteri britannica Liz Truss ha chiesto un nuovo Piano Marshall per il Paese alla conferenza sull'Ucraina di Lugano. Nel suo discorso, Truss ha annunciato che la Gran Bretagna avrebbe organizzato la prossima conferenza sulla ricostruzione nel 2023.

    Ha anche annunciato che la Gran Bretagna vuole modificare le leggi per raccogliere più soldi dagli oligarchi, perché questi dovrebbero essere usati per la ricostruzione.

  • 14.38
    I parlamentari svizzeri vogliono avere voce in capitolo

    Lunedì mattina una delegazione di membri del parlamento svizzero ha incontrato circa 15 membri del parlamento ucraino a Lugano per dei colloqui. I parlamentari hanno deciso di rafforzare la cooperazione.

    In una dichiarazione congiunta, i rappresentanti di entrambi i paesi hanno ribadito la loro condanna della guerra d'aggressione della Russia contro l'Ucraina. La ricostruzione è un processo paneuropeo, ha affermato Kälin nel suo discorso. Un secondo incontro prima dell'apertura ufficiale della conferenza è stato dedicato in mattinata alla società civile.

    Anche i rappresentanti delle organizzazioni della società civile hanno adottato una dichiarazione. In esso, hanno chiesto in particolare garanzie sullo stato di diritto e il coinvolgimento della popolazione locale nella ricostruzione dell'Ucraina.

  • 14.34
    All'URC c'è anche La Posta

    Alla «Ukraine Recovery Conference», c'è anche La Posta Svizzera. Oggi e domani l'ex regia federale cerca di favorire le normali attività quotidiane di una città confrontata con misure di sicurezza straordinarie e con la chiusura di alcuni settori urbani in cui non sarà possibile garantire il recapito regolare della corrispondenza.

    Non è la prima volta che la Posta deve far fronte ad eventi di portata internazionale, basti pensare al Forum economico mondiale (WEF) di Davos (GR) o alle conferenze delle Nazioni Unite a Ginevra, si legge in una nota odierna.

    Ma anche e spesso nel contesto di manifestazioni sportive importanti che vanno a impattare sulla viabilità locale, come prossimamente sarà il caso a Losanna, dove il 9 luglio 2022 il Tour de France concluderà la sua ottava tappa davanti allo stadio olimpico della Pontaise, precisa la Posta.

    Senza dimenticare che talvolta sono gli eventi naturali a dettare legge, bloccando strade e accessi per tempi più o meno lunghi, come ad esempio nelle Centovalli. Ecco allora che la Posta identifica vie e possibilità alternative, per assicurare giorno dopo giorno un servizio postale efficace e funzionale in tutto il Paese, sottolinea ancora la nota.

  • 14.33
    «L'obiettivo del Cremlino è la distruzione dell'Ucraina»

    Von der Leyen e Olaf Scholz vogliono organizzare una conferenza sulla ricostruzione ancora più ampia dopo l'estate. «L'obiettivo del Cremlino è la distruzione militare ed economica dell'Ucraina», afferma la leader dell'UE. Non bisogna permetterlo. L'UE ha donato 2,6 miliardi di euro e continuerà ad aiutare. I principi che sarebbero stati decisi a Lugano dovrebbero fornire le linee guida per questo. Il suo intervento si conclude così.

  • 14.28
    «Il compito è colossale»

    «Le sfide sono enormi, ma non insormontabili», afferma von der Leyen, riferendosi alla ricostruzione. Ma Kiev potrebbe anche uscirne più forte, sottolinea. «Il compito è colossale, come ha detto il presidente Zelensky».

    Ma c'è anche un grande incoraggiamento - ed è «nostro obbligo» aiutare il Paese, secondo il capo dell'UE. La ricostruzione dovrebbe essere sociale, ecologica e trasparente, ripete. La piattaforma centrale riunirà Stati europei e americani, ma anche istituzioni e aziende: è aperta a tutti coloro che sono «interessati al futuro dell'Ucraina».

  • 14.24
    Miglioramenti «visibili»

    L'Ucraina è cambiata «visibilmente» in meglio dal 2014 e ha affrontato il problema dell'oligarchia, elogia von der Leyen. Il decentramento ha contribuito a rafforzare l'Ucraina. Anche la digitalizzazione gioca un ruolo importante qui.

  • 14.22
    È il turno di von der Leyen

    La leader dell'UE ringrazia innanzitutto Cassis e gli altri delegati per aver ospitato una «fantastica conferenza». Ursula von der Leyen parla del combattente ucraino Roman, che ha 25 anni. Ha iniziato con l'Euromaidan a combattere per il suo paese, è diventato giornalista, ha combattuto la corruzione e ne ha pagato il «prezzo finale». Ma il suo s«ogno sopravvive. È questo sogno che ci ha uniti qui».

  • 14.13
    Un grande applauso per Zelensky

    L'Ucraina ora ha bisogno di investimenti, ad esempio nel settore energetico, perché l'inverno è alle porte. «Finché ci saranno delle rovine, la guerra andrà avanti.» Finché il nemico può sperare di distruggere il suo paese, non può esserci pace.

    Ma i valori rappresentati da Ue e Ucraina sono più grandi dell'aggressione. Alla fine, il presidente invita i delegati a visitare l'Ucraina, perché è lì che si svolge la guerra. Il suo intervento si conclude con un grande applauso.

  • 14.08
    Grandi obiettivi

    Zelensky cita anche il previsto sistema di sponsorizzazione: ad esempio, la Gran Bretagna vuole occuparsi dello sviluppo della regione di Kiev. Tutti gli sforzi devono essere coordinati tramite una piattaforma centrale. I progetti dovrebbero essere quanto più trasparenti, verdi, comunitari ed economici possibile e creare posti di lavoro all'interno del paese. Le riforme sono necessarie anche per la ricostruzione, ammette. Anche l'Ucraina ha ottenuto qualcosa: ha unito l'UE e la NATO, afferma Zelensky.

  • 14.05
    «La libertà è più potente di qualsiasi tirannia»

    «La Russia non vuole solo governare un territorio, ma la vita», è una buona quintessenza delle ultime sentite parole di Zelenskyj. «Restaurare l'Ucraina significa ripristinare lo spazio vitale», ha detto, riferendosi al tema della conferenza. E dice: «La libertà è più potente di qualsiasi tirannia».

  • 14.01
    Lotta contro il popolo

    Lo stesso si può vedere con gli attacchi agli ospedali. «Quando sono state distrutte così tante strutture sanitarie in così poco tempo?» si chiede. La Russia vuole negare agli ucraini una vita normale, che si riflette nella distruzione delle aree residenziali. Artiglieria, razzi e jet sono usati deliberatamente per uccidere i civili.

  • 13.59
    Attacco all'istruzione

    Nei primi quattro mesi, l'esercito russo ha preso di mira asili e scuole. «Si tratta di una deliberata distruzione delle istituzioni educative», afferma il presidente ucraino. Mosca vuole negare l'istruzione ai giovani ucraini.

  • 13.55
    Ora parla Zelensky

    Volodymyr Zelensky ringrazia Cassis e i presenti. Cassis ha fatto «vapore», dice. Zelensky parla dell'attacco al suo Paese, che è anche un attacco al «mondo democratico». L'Europa è stata danneggiata dalla Russia, ad esempio a causa dell'inflazione. L'Europa deve riprendere il controllo.

  • 13.54
    La lotta alla corruzione deve continuare

    Ma Cassis ritiene responsabile anche l'Ucraina, che deve compiere ulteriori progressi nella lotta alla corruzione. Questo e la ricostruzione non si escludono a vicenda, ma si rafforzano a vicenda. Cassis conclude che l'Ucraina deve diventare una casa sicura per le persone, compresi gli sfollati.

  • 13.52
    Cassis ringrazia Zelensky

    Il primo relatore è il presidente federale Ignazio Cassis. Ringrazia il presidente ucraino Zelensky per il suo sostegno nella preparazione congiunta del vertice. Mostra «completa comprensione» del fatto che il presidente ucraino sia rimasto a Kiev.

    «La strada per la pace è ancora lunga», dice Cassis. L'aggressione russa ha costretto la comunità internazionale a stringere i ranghi e vuole sostenere l'Ucraina nel lungo cammino verso la pace. Cassis spiega anche che l'obiettivo della due giorni di convegno è redigere una «Dichiarazione di Lugano», in cui si pongono i capisaldi della ricostruzione.

  • 13.49
    Von der Leyen: «Conferenza cruciale per l'Ucraina»

    «La conferenza di Lugano è un passo fondamentale per concordare i principi dello sforzo internazionale di ricostruzione dell'Ucraina. Il Presidente Ignazio Cassis e io sosteniamo la dichiarazione di Lugano e attendiamo con ansia la sua approvazione. L'Ucraina può contare sul nostro costante sostegno, per tutto il tempo necessario». Il commento della presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen su Twitter.

  • 13.47
    Inizia la conferenza

  • 13.44
    Sommaruga e il ministro dell'ambiente ucraino firmano un accordo

    La consigliera federale Simonetta Sommaruga e il ministro ucraino dell'ecologia e delle risorse naturali, Ruslan Strilets, hanno firmato un accordo di attuazione tra il Consiglio federale e il governo ucraino per l'accordo di Parigi.

    Secondo un tweet del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), l'accordo sul clima mira a promuovere fondi e cooperazione internazionale e consentire una protezione del clima che va oltre i programmi esistenti.

    Da parte sua, Sommaruga ha scritto che ciò consente all'Ucraina di compiere più progressi del solito verso un futuro rispettoso del clima, nonostante la difficile situazione del Paese.

  • 11.50
    Cassis e Schmyhal danno il benvenuto ai partecipanti

    Prima di mezzogiorno, il premier ucraino Schmyhal e il presidente della Confederazione Cassis accolgono i ministri che partecipano alla Conferenza sulla ricostruzione.

    Alla conferenza si sono iscritti almeno otto capi di Governo, almeno 15 ministri e 52 delegazioni ufficiali provenienti da 38 Paesi e dall'UE, oltre ai rappresentanti di una dozzina di organizzazioni internazionali.

    Nel complesso, si tratta di un numero maggiore di politici di alto livello rispetto alla riunione del G7 di una settimana prima. Ma mancano i pesi massimi dei grandi Paesi.

  • 11.23
    Cassis riceve il premier ucraino, accompagnato dalla presidente della Commissione UE
    Il presidente Ignazio Cassis accoglie a Lugano il premier ucraino Denis Shmyhal, sorprendentemente accompagnato dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (al centro).
    Il presidente Ignazio Cassis accoglie a Lugano il premier ucraino Denis Shmyhal, sorprendentemente accompagnato dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (al centro).
    AP
  • 10.00
    Parlamentari svizzeri incontrano una delegazione di Kiev

    Una delegazione di membri del Parlamento svizzero si è incontrata stamane a Lugano con una quindicina di omologhi ucraini a margine della Conferenza per la ricostruzione dell'Ucraina.

  • 09.00
    Azione di Greenpeace a Lugano per un futuro verde in Ucraina

    Militanti di Greenpeace hanno installato una finta pala eolica a Lugano, a poche ore dall'inizio della Conferenza sulla ricostruzione dell'Ucraina. 

    «Il buon senso vuole che l'Ucraina non ricostruisca le sue infrastrutture secondo i vecchi standard sovietici», ha affermato la direttrice di Ecoaction, Natalia Gozak. «In veste di candidata potenziale all'adesione all'Unione Europea, l'obiettivo dell'Ucraina deve essere quello di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050».

    Dal canto suo, Public Eye ha chiesto alla Svizzera di smetterla di finanziare la guerra russa.

  • 8.00
    Elicottero in cielo e polizia sul lago: tutto pronto a Lugano per il vertice sull'Ucraina

    Gli elicotteri girano in cielo e la presenza della polizia è molto importante sul lago e sulle strade principali: Lugano è pronta al via della Ukraine Recovery Conference, che avrà lo scopo di mettere a punto un «Piano Marshall» per la ricostruzione futura dell'Ucraina, sotto il profilo economico e infrastrutturale, ma anche sociale e umanitario.

  • 07.00
    Le autorità tranquillizzano: «Il centro di Lugano non sarà off-limits»

    La conferenza internazionale di Lugano deve ancora prendere il via, ma come previsto tra la popolazione e i turisti non sono mancate le lamentele, causate anche dalla chiusura anticipata del Parco Ciani.

  • 06.30
    Ecco come l'Occidente vuole ricostruire l'Ucraina

    Oggi e domani, 4 e 5 luglio, i leader internazionali discutono a Lugano, in occasione della Ukraine Recovery Conference, su come il Paese possa rimettersi in piedi dopo l'attacco russo.

    Un aspetto importante è il sistema di sponsorizzazioni che i singoli Stati devono assumere per determinate aree.