Domande e risposte

Cosa sappiamo del Long Covid e... cosa ancora no

Di Maximilian Haase

30.1.2022

Dopo l'infezione da Covid, alcuni pazienti lamentano mancanza di respiro, esaurimento e mal di testa. Finora, tuttavia, non ci sono quasi risultati affidabili su Long Covid.
Dopo l'infezione da Covid, alcuni pazienti lamentano mancanza di respiro, esaurimento e mal di testa. Finora, tuttavia, non ci sono molti studi affidabili sul Long Covid.
archivio dpa

Anche mesi dopo aver contratto il SARS-CoV-2, alcuni pazienti lamentano sintomi come stanchezza e mal di testa. Stiamo parlando del Long Covid. Ma di cosa si tratta esattamente? Le domande e le risposte più importanti.

Di Maximilian Haase

30.1.2022

Anche una volta che l'infezione da Covid-19 è passata, può capitare che alcuni sintomi, come la mancanza di respiro, la stanchezza e il mal di testa, possono ancora verificarsi mesi dopo.

Il Long Covid è uno dei fenomeni che causa ancora ai ricercatori il maggior numero di grattacapi nella pandemia. Mancano infatti studi affidabili. L'unica cosa che si sa, è che si sa ben poco. Ecco le conoscenze che abbiamo finora.

1. Cos'è il Long Covid?

«Dopo aver sofferto di Covid-19, alcune persone sentono gli strascichi della malattia per settimane o mesi», scrive l'UFSP nella sua pagina informativa sulle conseguenze a lungo termine del virus.

Secondo la definizione dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il Long Covid si verifica tre mesi dopo aver contratto l'infezione, dura almeno due mesi e non può essere spiegato da nessun'altra diagnosi. A volte circola anche il termine «Post Covid».

2. Quali sono i sintomi?

I sintomi riportati dai pazienti Long Covid sembrano essere estremamente diversi. Secondo l'UFSP, i più comuni sono l'affaticamento, la mancanza di respiro, le difficoltà respiratorie e i disturbi cognitivi, ma sono anche menzionati l'esaurimento, il mal di testa, tosse e i disturbi muscolari, nonché la perdita dell'olfatto e del gusto o problemi dopo aver fatto sforzo fisico.

Secondo il medico Dominik Buckert dell'ospedale universitario di Ulm, i sintomi possono essere approssimativamente divisi in due gruppi: nel 10-20% dei casi è possibile rilevare danni a organi come il cuore o i polmoni, mentre un numero significativamente maggiore di persone ha problemi funzionali come una ridotta resilienza, disturbi della concentrazione e disturbi olfattivi e/o gustativi.

«Alcuni pazienti stanno così male che riescono a fare a malapena alcune rampe di scale o non possono addirittura lavorare», afferma invece la ricercatrice sudafricana Resia Prestorius, che ha studiato il Long Covid per mesi. A loro avviso, il rischio di ictus o infarto cresce.

L'organizzazione dei pazienti Long Covid Svizzera scrive sulla sua pagina, in merito alla diagnosi, semplicemente: «È complicato». Molte persone colpite soffrono dei tipici sintomi di Long Covid «senza che gli esami e le misurazioni possano provare una restrizione funzionale, un'infiammazione (o una cicatrice)».

3. Quanti pazienti sono interessati?

Non ci sono dati ufficiali per la Svizzera. In ogni caso, le stime differiscono ampiamente. Secondo studi statunitensi, circa il 10% dei pazienti Covid è affetto da sintomi persistenti, mentre l'UFSP parla di una quota del 20%. Uno studio pubblicato a dicembre dall'University Medical Center di Magonza, in Germania, stima addirittura che circa il 40% delle persone che ha avuto un'infezione da Covid mostri ancora sintomi più di sei mesi dopo.

Secondo lo studio, inoltre, quasi il 30% dei pazienti riferisce di non essere tornato alle prestazioni originali dopo la malattia. E ancora, circa il 15% si sentirebbe permanentemente limitato nella vita di tutti i giorni e il 6% in quella lavorativa.

Inoltre, con la variante Omicron, molte persone potrebbero essere colpite da conseguenze a lungo termine, come ha avvertito il neuroscienziato Dominique de Quervain in un'intervista al «SonntagsBlick».

4. Ci sono particolari gruppi a rischio?

Anche in questo caso la situazione a livello informativo è scarsa. Recentemente immunologi zurighesi hanno scoperto dei segnali nel sangue dei malati di Covid-19 che potrebbero predire lo sviluppo del Long Covid. I risultati ottenuti sono stati presentati sulla rivista scientifica «Nature Communications».

Secondo lo studio, gli anticorpi rilevanti sono le immunoglobuline M, che giocano un ruolo importante soprattutto all'inizio dell'infezione. I soggetti colpiti hanno anche concentrazioni più basse di immunoglobuline G3, fondamentali per combattere il virus. Dunque una causa del Long Covid sarebbe una risposta immunitaria dell'organismo mal indirizzata.

«Questo apre la porta a trattamenti mirati, come la somministrazione di alcune immunoglobuline» o di farmaci specifici, dicono gli esperti, stando ai quali, tuttavia, la migliore protezione è chiaramente la vaccinazione, che riduce il rischio di una rapida replicazione virale.

Non è invece ancora noto come i sintomi del Long Covid siano correlati con la gravità del decorso della malattia, ha detto l'infettivologo basilese Manuel Battegay alla «SonntagsZeitung». Ma coloro che sono stati trattati nell'unità di terapia intensiva spesso hanno sintomi da Long Covid.

Gli studi suggeriscono che i pazienti con un decorso grave hanno maggiori probabilità di soffrire di Long Covid, anche se secondo Battegay può verificarsi anche dopo un decorso lieve.

L'UFSP informa: «Circa una persona su tre con decorso grave e circa una persona su sei con decorso lieve o asintomatico è affetta da conseguenze a lungo termine».

Secondo lo studio di Magonza, sono colpite di più le donne rispetto agli uomini. Secondo l'UFSP, il 2/3% dei bambini e degli adolescenti malati di Covid subiscono conseguenze a lungo termine.

5. Come trattare il Long Covid?

«Nella maggior parte dei casi i sintomi si attenuano da soli», scrive l'UFSP. Non esiste una soluzione o un trattamento standard per il Long Covid, informa l'organizzazione dei pazienti Long Covid Svizzera, che raccomanda molto riposo, pazienza e di evitare sforzi importanti per alleviare i sintomi.

Il cosiddetto pacing, cioè la stretta osservanza dei limiti energetici, avrebbe aiutato le persone colpite, così come una dieta equilibrata a basso contenuto di istamina.

Di conseguenza, solo una parte dei pazienti Long Covid necessita di cliniche di riabilitazione. Tuttavia, sempre secondo Long Covid Svizzera, non ci sono ancora «prove che un soggiorno riabilitativo favorisca il miglioramento dei sintomi».

A seconda dei problemi che insorgono, queste cliniche potrebbero essere prese in considerazione per cardiologia, neurologia o psicosomatica. Gundula Rossbach, presidente dell'assicurazione pensionistica tedesca, ha riferito alla dpa: «In molti casi, stiamo aprendo nuovi orizzonti perché finora manca un'esperienza ben fondata».

Anche i farmaci per il trattamento del Long Covid non sono ancora approvati in Svizzera. Tuttavia, alcuni preparati sono in fase di sviluppo. Ad esempio, geNeuro sta sviluppando un anticorpo monoclonale per il trattamento di pazienti affetti da gravi sintomi neuropsichiatrici.

6. Contro il Long Covid la vaccinazione aiuta?

Una delle domande più importanti riguarda l'impatto della vaccinazione (di richiamo) sul rischio di Long Covid. Stando ad alcuni studi iniziali, l'immunizzazione aiuterebbe ad avere un rischio ridotto di sintomi persistenti. La rivista «The Lancet Infectious Disease» ha pubblicato uno studio in cui gli scienziati hanno valutato i dati di un'app attraverso la quale i pazienti Covid possono segnalare i vari problemi.

È così emerso che le persone che erano state vaccinate due volte si sono lamentate molto meno frequentemente di sintomi persistenti (più di 28 giorni dopo l'infezione) dopo aver preso il Covid, rispetto a quelle che non erano state immunizzate. In molti casi, la malattia è scomparsa senza alcun sintomo.

Un altro studio, non ancora pubblicato, conclude che la doppia vaccinazione dopo un'infezione da Covid protegge da molti, ma non da tutti, i disturbi del Long Covid.

7. Che ruolo gioca Omicron?

L'ondata di Omicron prosegue il suo cammino e porta numeri elevati di casi. Ma cosa significa questo per le conseguenze a lungo termine della malattia? Ancora ovviamente non ci sono previsioni chiare. Tuttavia, Long Covid Svizzera sottolinea che «dopo l'ondata di Omicron potrebbe esserci un'ondata di Long Covid». Se ciò dovesse accadere, «la vera crisi sanitaria sarebbe imminente».

Alcuni esperti temono anche questo: con la variante Omicron molte persone potrebbero essere colpite dalle conseguenze a lungo termine di un'infezione, come riferisce il neuroscienziato Dominique de Quervain in un'intervista al «SonntagsBlick».

Anche nei casi lievi, il virus può portare a disturbi neurologici persistenti come problemi di concentrazione e memoria o grave affaticamento, secondo il ricercatore: «Anche le persone sane che sono vaccinate hanno un rischio».

8. Cosa possono fare i politici?

«Abbiamo ancora bisogno di molto tempo per comprendere in tutta la complessità cos'è esattamente il Long Covid», ha dichiarato il consigliere federale Alain Berset durante l'ultima conferenza stampa. Il Long Covid è monitorato e la ricerca è finanziata. Berset lo ha anche sottolineato in un'intervista alla SRF, in cui ha fatto riferimento alla «rete di medici con un buon scambio».

Nel frattempo gli esperti, come l'infettivologo basilese Manuel Battegay, chiedono una registrazione sistematica del Long Covid. «Un registro sarebbe buono, ma ancora meglio sarebbe uno studio a livello svizzero», ha detto in un'intervista alla «SonntagsZeitung».

Secondo Virginie Masserey dell'UFSP al momento non si può dire se un registro centrale sarebbe utile. Lo ha detto nella conferenza stampa la settimana scorsa. Per questo, sarebbe necessario sapere se, a differenza della ricerca attuale, questo porterebbe effettivamente un valore aggiunto.

Redatto con materiale dell'ATS e della DPA