Party a Pristina

Estate di festa nei Balcani, il Governo potrebbe reintrodurre la quarantena sui viaggi

aru

30.8.2021

danza
Una ballerina al club Zone di Pristina. A luglio, le discoteche hanno aperto dopo 16 mesi di chiusura forzata.
AP

Il Consiglio federale parla di restrizioni di viaggio in autunno. Una delle ragioni potrebbe essere stata l'estate di festa nei Balcani.

aru

30.8.2021

Una quarantena di viaggio potrebbe presto giocare di nuovo un ruolo centrale nell'affrontare la pandemia di Covid. È ciò che il ministro della sanità Alain Berset ha detto alla «NZZ am Sonntag».

Il Consiglio federale sta reagendo ai numerosi viaggiatori in provenienza dai Balcani che si sono infettati durante le loro vacanze e hanno riportato il virus in Svizzera? È forse plausibile, perché un numero considerevole di pazienti che ora si trova negli ospedali svizzeri è stato recentemente in vacanza nei Balcani, come hanno spiegato gli esperti dell'Ufficio federale della salute (UFSP) in una conferenza stampa la settimana scorsa.

Nel frattempo, la «Sonntagszeitung» dipinge un quadro desolante dell'estate di festa nei Balcani: a Pristina, la capitale del Kosovo, per esempio, l'atmosfera era come a Maiorca. Quasi nessuno indossa una mascherina nelle discoteche perché il governo ha tolto tutte le restrizioni alle feste prima delle vacanze estive.

Falsi test PCR in vendita

Anche il viaggio di ritorno in Svizzera non è stato un problema: «Attorno all'aeroporto, si potevano comprare certificati falsi di test PCR ad ogni angolo», ha detto al giornale un viaggiatore in provenienza dal Kosovo.

Solo nel mese di luglio, 446.340 persone sono arrivate all'aeroporto. Circa cinque volte di più che nello stesso mese di un anno fa, quando i numeri erano molto bassi a causa delle misure volte a combattere la pandemia.

All'inizio di questa estate,  in Kosovo quasi nessuno è stato vaccinato, sottolinea il giornale. Così, la gente del posto spesso non ha avuto l'opportunità di ottenere l'immunizzazione. I turisti di origini kosovare non hanno sfruttato le possibilità di vaccinazione nel loro paese d'adozione.

«Il governo kosovaro non è stato in grado di condurre una campagna di vaccinazione negli ultimi mesi e questo può aver influenzato l'atteggiamento dei kosovari in Svizzera», ha detto alla «NZZ» l'esperto di migrazione Hamit Zeqiri.

Il Kosovo ha riconosciuto la gravità della situazione

Attualmente, il paese sta vivendo una crescita esponenziale di infezioni, il sistema sanitario è completamente sovraccarico. Il governo del Kosovo ha riconosciuto la gravità della situazione e ha chiuso tutte le discoteche a partire dal 20 agosto; i matrimoni e le feste di famiglia sono stati vietati. Per eventi con più di 100 persone, è richiesta una vaccinazione o un test negativo.

Nella comunità balcanica, tuttavia, c'è attualmente anche molto risentimento per la copertura mediatica. «L'impressione della comunità è che stiano cercando un capro espiatorio per qualcosa che di per sé non ha nulla a che fare con il loro background migratorio», dice alla «NZZ» Nenad Stojanovic, politologo di origini bosniache.