I vaccinati dovrebbero godere di vantaggi sul posto di lavoro?

Di Lukas Meyer

29.7.2021

Chi può sedersi dove e chi deve indossare una maschera? La vaccinazione sta diventando una questione politica sul posto di lavoro.
Chi può sedersi dove e chi deve indossare una mascherina? La vaccinazione sta diventando una questione politica sul posto di lavoro.
KEYSTONE

Avere a che fare con dipendenti vaccinati e non vaccinati pone nuove sfide alle aziende. Il quadro giuridico non è chiaro, ma molti vogliono aumentare la pressione.

Di Lukas Meyer

29.7.2021

L'amministratore delegato di Roche, Severin Schwan, vorrebbe sapere chi - nella sua azienda - è stato vaccinato. «Negli Stati Uniti siamo autorizzati a chiedere ai dipendenti se sono stati vaccinati o meno, ma non in Svizzera», dice in un'intervista al «Tages-Anzeiger». Questo permetterebbe a coloro che sono stati vaccinati di tornare in ufficio senza condizioni. Senza controlli invece le aziende non hanno altra scelta che imporre requisiti come le mascherine obbligatorie a tutti i dipendenti.

«Dobbiamo usare tutti gli strumenti che abbiamo per evitare un altro lockdown», dice dal canto suo il presidente di Swissmem Valentin Vogt. L'associazione di categoria, d'altra parte, è scettica.

Il sindacato Unia afferma, sempre sul «Tages-Anzeiger», che non c'è «nessuna base legale» per il datore di lavoro per utilizzare il certificato Covid. Già quattro settimane fa, un portavoce di Unia ha sottolineato in risposta a una domanda di «blue News» che una distinzione tra vaccinati e non vaccinati sul posto di lavoro non dovrebbe essere un problema. La domanda sulla vaccinazione Covid rimane però un tabù.

Il Consiglio federale non ha inoltre previsto che i datori di lavoro possano richiedere un certificato Covid. Il posto di lavoro, come le scuole o i negozi, appartiene al «settore verde», dove il suo uso non è previsto. Ma ci sono già richieste perché le cose cambino e per far sì che si usi il certificato anche nelle aziende. Il che dovrebbe anche mettere sotto pressione gli indecisi a farsi vaccinare.

Certificato di vaccinazione come criterio di assunzione?

Alcuni datori di lavoro hanno già annunciato che assumeranno solo persone che sono state vaccinate. Il Centre Médical des Cadolles di Neuchâtel, che aprirà nel febbraio del 2022, sta facendo del certificato di vaccinazione un criterio di assunzione, paragonabile, secondo il suo direttore che si è espresso sulla RSI, per esempio, alla patente di guida o alle competenze linguistiche.

Nel settore sanitario è lecito chiedere la vaccinazione, a seconda della posizione, spiega l'esperta di diritto del lavoro Nicole Vögeli alla SRF. Inoltre, i pazienti hanno il diritto di essere curati da operatori sanitari vaccinati.

E proprio in questo senso sta andando il Ticino poiché l'Ufficio del medico cantonale aprirà una pagina pubblica sulla quale sarà possibile scoprire il tasso del personale curante vaccinato per tutte le strutture sociosanitarie del Cantone. La pagina sarà consultabile dal pubblico dal 1. agosto. Il tempo limite per comunicare il tasso di personale curante vaccinato è fissato per il 15 agosto. Ovviamente l'anonimato dei dipendenti è garantito.

La giurisprudenza non è ancora chiara

Anche in Svizzera le aziende possono esigere che i loro dipendenti siano vaccinati, ha detto a «blue News» il professore di diritto del lavoro Roger Rudolph. In circostanze eccezionali, questo è abbastanza concepibile. Ma non ci sarebbe nessuna vaccinazione obbligatoria, a nessuno verrebbe fatta un'iniezione con la forza contro la sua volontà. 

Tuttavia, non c'è una giurisprudenza chiara, ed è per questo che la questione è controversa. Come lo è se, per esempio, i bonus per i vaccinati possono essere usati per creare incentivi e aumentare la pressione a farsi immunizzare. Finché tali misure possono essere obiettivamente giustificate e non equivalgono a una discriminazione arbitraria, Rudolph le permetterebbe entro certi limiti.

Kurt Pärli, professore di diritto privato sociale all'Università di Basilea, ha un'opinione simile, come ha spiegato in un'intervista a «blue News»: la vaccinazione potrebbe essere un intervento ragionevole in certi casi se c'è un interesse giustificato da parte del datore di lavoro, per esempio per proteggere terzi in pericolo o se il dipendente non potrebbe fare il suo lavoro altrimenti.

Vaccinazione obbligatoria indiretta nelle piccole aziende

Nelle piccole imprese, la società a due classi è già una realtà, riferisce il «Tages-Anzeiger». Se tutti conoscono tutti gli altri, sanno rapidamente chi è stato vaccinato e chi no. Questo può anche portare a una coercizione indiretta a vaccinarsi, per esempio, se si decide che le persone indosseranno la mascherina finché non saranno state tutte immunizzate due volte. Il che ha incoraggiato le persone a farlo rapidamente.

L'organizzazione mantello Gastrosuisse è contro la vaccinazione come criterio d'assunzione. «Questo imporrebbe ai nostri ristoratori e anche ai datori di lavoro un ruolo che non possono assolutamente svolgere», si legge su richiesta di «blue News». «Rifiutiamo fermamente un'estensione dell'obbligo del certificato a tutta l'industria dell'ospitalità». Fa parte del DNA dell'industria dell'ospitalità che è aperta a tutti.