Due pazienti Covid raccontano

Infettate più volte, e ogni volta sempre peggio

Di Gil Bieler

22.7.2022

Infezione segue infezione: a causa delle varianti Omicron del Covid, la protezione contro l'infezione non dura molto a lungo. Nella foto un centro di test a Mont-sur-Lausanne.
Infezione segue infezione: a causa delle varianti Omicron del Covid, la protezione contro l'infezione non dura molto a lungo. Nella foto un centro di test a Mont-sur-Lausanne.
KEYSTONE/Jean-Christophe Bott

Le varianti Omicron del Covid sono maestre nell'ingannare il sistema immunitario. Le doppie e persino triple infezioni non sono più così rare. Lo raccontano due vittime.

Di Gil Bieler

22.7.2022

«Se ora lo prendessi ogni tre mesi, non lo troverei così entusiasmante». Rahel Müller* è letteralmente perseguitata dal Covid. La 35enne zurighese è già stata infettata tre volte, in sei mesi. Nonostante la vaccinazione e il booster.

Il virus l'ha colpita per la prima volta il 20 gennaio. Poco meno di due settimane dopo aver ricevuto il booster di Pfizer. Non si è accorta affatto della sua infezione: «Non avevo alcun sintomo, ma dato che un collega di lavoro si è ammalato, ho comunque fatto un test PCR. Sono rimasta sorpresa dal fatto che il test sia risultato positivo».

Sebbene non sapesse di essere contagiosa o meno, ha osservato la quarantena di dieci giorni raccomandata all'epoca.

Due mesi dopo: «Ero super stanca. Mi sembrava di avere un brutto raffreddore», ricorda Müller. Per sicurezza, ha fatto un altro test PCR: di nuovo positivo. Un sollievo per lei: «Sono stata molto contenta di poter cancellare tutto perché comunque non mi sentivo in forma».

«Mi sentivo davvero malata. Ma rispetto alla terza volta era innocuo»

Per un giorno è stata a letto, dopo per molti altri giorni si è sentita esausta: «Mi sentivo davvero malata, non riuscivo a concentrarmi, semplicemente non mi sentivo bene», dice Müller. «Ma rispetto alla terza volta era innocuo».

È risaputo che le varie varianti di Omicron del Covid sono specializzate nell'ingannare la risposta immunitaria dell'organismo. Interpellato, un portavoce dei media dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha anche confermato che la percentuale di reinfezione è aumentata dall'inizio dell'ondata di Omicron alla fine di novembre 2021. Tuttavia non è possibile dire quanto sia alto il tasso, poiché il processo di infezione non è completamente registrato. In Svizzera domina la sottovariante BA.5.

Il problema: un'infezione da Omicron innesca «solo una debole risposta immunitaria contro Omicron», come afferma l'UFSP. Quindi si può essere infettati più di una volta. Allo stato attuale delle conoscenze, nemmeno la vaccinazione o l'infezione con un tipo di virus precedente, ad esempio la variante Delta, fornisce una protezione affidabile.

«I mal di testa erano molto peggiori»

Questa è stata l'esperienza anche di Christelle Sutter* di Zurigo. La 50enne è stata infettata per la prima volta dalla variante Delta poco prima del Natale 2021 e una seconda volta all'inizio di luglio da Omicron.

Le conseguenze per lei sono state gravi entrambe le volte. «Non sono vaccinata perché non mi fido dei vaccini. Il loro sviluppo è stato troppo veloce secondo me», spiega Sutter.

«Durante la prima infezione ho avuto la febbre alta per tre giorni. Era scomodo, ma potevo conviverci. I mal di testa erano molto peggiori», dice Sutter.

Soffre comunque di emicrania e l'infezione da Covid le ha procurato un mal di testa così forte che è rimasta fuori combattimento per giorni: «Non riuscivo nemmeno a camminare, mi sentivo davvero male». Tutto sommato, è rimasta esausta per due settimane e mezzo.

«Erano dolori brutali e strani»

Durante la seconda infezione ha avuto anche la febbre, ma è stato il mal di testa a infastidirla di più: «Questa volta non sono stata malata per così tanto tempo, ma il mal di testa è diventato così forte che ho passato una notte in ospedale su consiglio telefonico del medico».

Il dolore è diventato dorsalgia, motivo per cui non era chiaro se si trattasse di meningite. «Erano dolori brutali e strani». Dato che soffre di problemi intestinali, non può prendere così semplicemente antidolorifici, dice Sutter. «Sono in svantaggio rispetto agli altri».

I sintomi gravi sono tipici delle reinfezioni?

Le esperienze delle due donne sono tipiche? Le reinfezioni portano di solito a sintomi più gravi rispetto alla prima infezione? La scienza non fornisce una risposta generale in merito: tra le altre cose, dipende da quale variante del virus si è infettati. Perché questo determina anche come si manifesta la risposta immunitaria del corpo.

L'UFSP afferma solo che: «Le infezioni dalla sottovariante di Omicron BA.5, secondo le attuali conoscenze, non portano a una progressione della malattia più grave rispetto alle precedenti sottovarianti di Omicron BA.1 o BA.2», condivide interpellata una portavoce.

Il noto immunologo statunitense Anthony Fauci non osa fare una valutazione conclusiva, ma ritiene che la protezione immunitaria fornita da un'infezione o da una vaccinazione già effettuata «sembra proteggere abbastanza bene da un decorso grave della malattia». Tuttavia, alcuni potrebbero avere l'esperienza opposta.

In generale, Akiko Iwasaki, professore di immunobiologia alla Yale University, è giunto a una conclusione simile in un'intervista con NBC News: «È meno probabile che ammalarsi una seconda volta».

«Ma la notte mi sono sentita davvero da cani»

Nel caso di Rahel Müller è stato diverso. A giugno, la 35enne è rimasta vittima dell'ondata estiva – e violentemente. Il 25 giugno è risultata positiva per la terza volta al Covid. «La sera prima, era un venerdì, sono uscito a cena, era tutto easy. Ma la notte mi sono sentita davvero da cani».

Müller aveva prima caldo e poi freddo, non riusciva a chiudere gli occhi. Ma sabato si è trascinata comunque al lavoro. «Anche sulla moto stavo congelando, ma ho pensato che potesse essere il fresco vento contrario». Dopo il lavoro è andata a fare un altro test.

Ha dei ricordi particolarmente brutti del viaggio di ritorno dal centro di test: «Avevo un forte mal di testa e ogni dosso sulla strada mi faceva incredibilmente male. Non ho mai vissuto una cosa del genere». Dal sabato pomeriggio al lunedì mattina è rimasta sdraiata a letto, «non volevo nemmeno alzarmi per bere un bicchiere d'acqua».

Alcuni giorni dopo, quando ha inalato degli oli essenziali, ha notato che anche il suo olfatto era scomparso. «L'olfatto era completamente scomparso, è stata un'esperienza spaventosa». Tuttavia, dopo una settimana le cose sono tornate alla normalità.

Sondaggio
Hai ancora paura di un'infezione da Covid?

Nonostante la tripla infezione, Rahel non si direbbe ansiosa: «Non mi rinchiudo in casa adesso. La vita si vive di nuovo all'aperto comunque, il che è positivo per me». Agli eventi in luoghi chiusi, a volte pensa se vuole davvero andarci. Ma non indossa più una mascherina da nessuna parte. «Non sono molto attenta», ammette.

Cosa non le è chiaro è se debba fare una seconda vaccinazione di richiamo. «Non so se e per quanto tempo questa mi proteggerebbe. E non sono nemmeno sicura di quali siano le raccomandazioni ufficiali in questo momento».

Nonostante due gravi decorsi della malattia, Christelle Sutter, non vaccinata, ha dei dubbi, ad esempio se una vaccinazione contro la variante Omicron sia di qualche utilità. Sente anche degli effetti collaterali delle vaccinazioni che non vuole. «Sono molto scettica al riguardo». Nonostante tutto, non pensa alla vaccinazione.

Il focus è sugli over 80

Innanzitutto sulla seconda vaccinazione di richiamo: la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) e l'UFSP raccomandano solo alle persone di età superiore agli 80 anni di ottenere il secondo booster ora. Lo stesso vale per le persone gravemente immunocompromesse.

Tutti gli altri, inclusa Rahel Müller, che è stata infettata tre volte, potrebbero aspettare fino all'autunno. Se si vuole comunque vaccinarsi prima, bisogna sostenere personalmente i costi.

I vaccini disponibili sono stati tutti sviluppati prima della comparsa di Omicron, i vaccini adattati sono solo in fase di sviluppo. Quindi quanto bene protegge la puntura?

In sintesi: la vaccinazione non protegge in modo affidabile dalle infezioni – a causa della già menzionata scarsa risposta immunitaria – ma protegge da un decorso grave della malattia con il ricovero in ospedale. Questa protezione sarà nuovamente aumentata «per almeno un breve periodo», ha spiegato ai media il presidente della CVF Christoph Berger.

Nel caso di persone non vaccinate, come Christelle Sutter, interpellato, l'UFSP afferma che la vaccinazione è comunque consigliata. Uno degli argomenti principali a favore di ciò è che la vaccinazione protegge da un decorso grave. La vaccinazione è anche il modo più sicuro per rafforzare la protezione immunitaria. E aiuta ad alleviare il sistema sanitario e a contenere la pandemia.

Dulcis in fundo, gli esperti avvertono che con ogni infezione c'è anche il rischio di contrarre il Long Covid: «Più spesso ti prendi il virus, più è probabile che sarai sfortunato e ti ritroverai con il Long Covid, la cosa che nessuno di noi vuole, perché può essere così grave», ha sottolineato David Nabarro, esperto di Covid presso l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

In altre parole, nonostante i dubbi, vale la pena evitare il contagio.

*Nomi modificati su richiesta.