La Svizzera «coltiva la sua immagine» Per un esperto la conferenza per la pace in Ucraina al Bürgenstock è viziata da difetti. Ecco quali

dpa

13.6.2024 - 16:21

I combattimenti in Ucraina sono feroci. Kiev sperava che una conferenza di pace in Svizzera avrebbe fornito almeno un sostegno simbolico nella sua lotta contro la Russia. Ma è molto discutibile che possa funzionare.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (a sinistra) e Ignazio Cassis (al centro) all'aeroporto di Kloten il 15 gennaio 2024: «Stiamo andando di Stato in Stato», ha detto il ministro degli Esteri. L'obiettivo è far venire a Bürgenstock il maggior numero possibile di Paesi.
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (a sinistra) e Ignazio Cassis (al centro) all'aeroporto di Kloten il 15 gennaio 2024: «Stiamo andando di Stato in Stato», ha detto il ministro degli Esteri. L'obiettivo è far venire a Bürgenstock il maggior numero possibile di Paesi.
Keystone/Alessandro della Valle

13.6.2024 - 16:21

Hai fretta? blue News riassume per te

  • La conferenza per la pace in Ucraina, che ha luogo il 15 e 16 giugno al Bürgenstock, sarà sminuita dall'annunciata assenza di Stati importanti.
  • La probabile assenza di Paesi come Cina, Brasile e Sudafrica è una macchia, ha dichiarato Gerhard Mangott, politologo dell'Università di Innsbruck.
  • È significativo che anche prima dell'incontro una possibile conferenza di «follow-up» (di seguito, di riassunto) sia stata trattata come l'obiettivo più importante.
  • Normalmente, l'annuncio di un tale appuntamento prima dell'inizio della conferenza principale fa capire che non ci si aspetta molto dall'incontro, ha detto Mangott.
  • La Russia non è stata invitata, ma anche se lo fosse stata non avrebbe partecipato.
  • Lunedì è stato reso noto che finora hanno annunciato la loro presenza 90 Paesi o delegazioni ufficiali.

Secondo un esperto, l'imminente conferenza sull'Ucraina in Svizzera - che si terrà sabato 15 e domenica 16 giugno al Bürgenstock - è stata svalutata dall'annunciata assenza di Stati importanti.

La probabile mancanza di Paesi come Cina, Brasile e Sudafrica è una macchia, ha dichiarato Gerhard Mangott, politologo dell'Università di Innsbruck, circa una settimana prima dell'inizio dell'incontro. «La cosa più importante sarebbe stata la foto di gruppo che dà il via alla conferenza», ha detto l'esperto di Russia.

È inoltre significativo, secondo lui, che ancor prima dell'incontro, una possibile conferenza di «follow-up» sia stata trattata come l'obiettivo più importante. «Di solito, gli annunci di un tale appuntamento dopo la conferenza prevista chiariscono già prima del suo inizio che non ci si aspetta molto dall'incontro».

Il meeting, che si terrà nei pressi di Lucerna, ha l'obiettivo di dare impulso a un processo di pace nella guerra in Ucraina iniziata dalla Russia. Mosca non è stata invitata e non avrebbe partecipato. Nell'elenco dei partecipanti finora, come ha reso noto la Confederazione lunedì, figurano 90 tra Paesi e delegazioni ufficiali.

Secondo Mangott, si discuterà di questioni importanti, ma in fondo secondarie, come la sicurezza nucleare e lo scambio di prigionieri.

Il fatto che gli Stati Uniti sono rappresentati «solo» dalla vicepresidente Kamala Harris e dal consigliere per la sicurezza Jake Sullivan è stata una grande delusione dal punto di vista dell'Ucraina.

«È davvero incomprensibile perché il presidente degli Stati Uniti Joe Biden abbia deciso di non partecipare», ha detto Mangott. Inoltre, sta diventando evidente che molti Paesi del Sud globale non vogliono schierarsi chiaramente con l'Occidente sulla questione della guerra.

Parti tutt'altro che disposte a negoziare la pace

La Svizzera sfrutterà l'incontro anche per coltivare la propria immagine. È chiaro che la neutrale Confederazione non fornisce armi, ma Berna è anche riluttante o addirittura contraria a progetti umanitari o ad autorizzare altri Paesi a fornire armi prodotte in Svizzera all'Ucraina, che è sotto attacco, ha detto Mangott.

Il Consiglio federale sottolinea di aver stanziato circa 150 milioni di franchi per l'aiuto umanitario e la cooperazione allo sviluppo in Ucraina e nella regione nel 2024. Secondo l'esperto, entrambe le parti in guerra in Ucraina sono ancora lontane dalla volontà di negoziare la pace.

Nonostante tutti gli sforzi e le pesanti perdite, quest'anno la Russia ha conquistato solo 800 chilometri quadrati in Ucraina.

Kiev, dal canto suo, fa affidamento sulla fornitura di nuove armi occidentali. «Solo quando la guerra di trincea avrà esaurito entrambe le parti ci saranno negoziati, ma solo per un cessate il fuoco, non per la pace», è convinto Mangott.

La conferenza di pace sull'Ucraina si terrà qui il 15 e 16 giugno: Il Bürgenstock Resort di Nidvaldo. (foto d'archivio)
La conferenza di pace sull'Ucraina si terrà qui il 15 e 16 giugno: Il Bürgenstock Resort di Nidvaldo. (foto d'archivio)
Immagine: Keystone/Gaetan Bally

dpa