Domande e risposte

Riscaldamento, ecco come risparmiare energia

Monique Misteli

2.10.2022

La valvola termostatica nella maggior parte degli appartamenti è impostata a oltre 20 gradi. Per risparmiare energia, il Consiglio federale invita a impostare i radiatori a un massimo di 19 gradi, tra il livello 2 e il livello 3.
La valvola termostatica nella maggior parte degli appartamenti è impostata a oltre 20 gradi. Per risparmiare energia, il Consiglio federale invita a impostare i radiatori a un massimo di 19 gradi, tra il livello 2 e il livello 3.
Keystone

Il Consiglio federale invita la popolazione a risparmiare energia. Probabilmente la misura più drastica è quella di riscaldare le proprie case fino a un massimo di 19 gradi. Ma cosa significa? Lo spiega un esperto.

Monique Misteli

2.10.2022

Giusto in tempo per l'inizio dell'autunno, il Consiglio federale ha presentato la sua campagna di risparmio: «L'energia scarseggia. Non sprechiamola».

Il consiglio principale per risparmiare, rivolto a 3,9 milioni di famiglie private, è quello di abbassare il riscaldamento a 19 gradi.

Matthias Balmer è professore presso l'Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna nel campo del riscaldamento, della ventilazione, della climatizzazione e dell'idraulica e tiene conferenze sull'efficienza energetica. Ecco le risposte alle domande più importanti.

La temperatura di tutte le stanze deve essere di 19 gradi?

«No, non necessariamente. Nel bagno, ad esempio, dove di solito si indossano meno vestiti, ha senso riscaldare a circa 23 gradi. In camera da letto, invece, si possono tollerare tra i 16 e i 18 gradi. Con poi 19 gradi nelle altre stanze si può risparmiare molta energia».

Come si imposta correttamente il riscaldamento?

«Fondamentalmente, ci sono due tipi di riscaldamento: riscaldatori a radiatore e a pavimento.

I radiatori sono dotati di una valvola manuale o di una termostatica. Il funzionamento di entrambe le valvole è simile e può essere paragonato a quello di un rubinetto dell'acqua. Se si alza, diventa più caldo. Abbassando diventa invece più fresco.

Le valvole manuali di solito hanno solo un più e un meno.

I numeri delle valvole termostatiche corrispondono a delle temperature: 

  • 1 = 12 gradi
  • 2 = 16 gradi
  • 3 = 20 gradi
  • 4 = 24 gradi
  • 5 = 28 gradi

Con il riscaldamento a pavimento, è possibile impostare la temperatura in tre modi: il punto in cui i tubi posati nel pavimento si uniscono è il collettore del riscaldamento, dove si trovano le valvole di temperatura. Qui è possibile impostare la cifra desiderata manualmente o tramite un display.

La terza variante è costituita da termostati installati da qualche parte nella stanza. La temperatura può essere impostata tramite il display. Questo regola automaticamente le valvole del riscaldamento a pavimento».

Il Consiglio federale raccomanda di utilizzare solo valvole termostatiche. Devo sostituire le valvole manuali?

«No, in linea di principio la temperatura dell'ambiente può essere regolata anche con le valvole manuali. Il vantaggio delle valvole termostatiche è che regolano il calore in modo automatico e più preciso. Tuttavia, devono essere installate da uno specialista, il che ovviamente ha un costo».

Come si misura correttamente la temperatura dell'ambiente?

«Con un semplice termometro, a circa 1,20 metri dal pavimento su una parete all'interno della stanza. È importante non effettuare la misurazione in prossimità di oggetti che irradiano calore, come stufe, televisori, stampanti o computer».

Che ruolo ha l'età della mia casa?

«In un vecchio appartamento o in una vecchia casa, 19 gradi sono più freschi che in un nuovo edificio ben costruito dal punto di vista energetico. Anche se sia il vecchio che il nuovo edificio hanno impostata la stessa temperatura. Questo ha a che fare con il fatto che le pareti esterne più fredde provocano la sensazione di un ambiente più freddo. Se c'è anche corrente d'aria, ad esempio da finestre che perdono, la temperatura viene percepita come più bassa».

E che effetto ha la dimensione dell'appartamento?

«Non importa se si riscalda un monolocale o una casa indipendente. In termini percentuali, si consuma o si risparmia la stessa quantità. Ma è chiaro: in termini di consumo energetico assoluto, una casa unifamiliare pesa più di un monolocale».

Devo abbassare il riscaldamento se mi assento per molto tempo?

«Si possono abbassare i termosifoni se si sta via più di una settimana. Con il riscaldamento a pavimento è più problematico, perché riscalda l'intero edificio. Di conseguenza, al ritorno dalle vacanze occorrono alcuni giorni prima che la temperatura dell'ambiente torni a essere confortevole.

Nel caso delle seconde case, invece, è sempre opportuno abbassare il riscaldamento».