Covid e virus respiratori Un'ondata di malattie colpisce la Svizzera, l'esperto: «Sarà un periodo difficile»

red

30.11.2023

Malati a letto: siete fortunati se avete qualcuno che si può prendere cura di voi (immagine illustrativa)
Malati a letto: siete fortunati se avete qualcuno che si può prendere cura di voi (immagine illustrativa)
KEYSTONE

Aumentano i casi di malattia in Svizzera: le aziende di trasporto a forte contatto con i clienti sono le prime a essere colpite e in alcuni casi stanno limitando i loro servizi. Un esperto mette in guardia da una stagione influenzale difficile.

red

30.11.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • È iniziata la stagione fredda: aumentano le assenze per malattia.
  • Lo dimostrano le aziende di trasporto di Basilea, Lucerna e Zurigo, alcune delle quali sono costrette a limitare i propri servizi.
  • Nei tamponi nasali, il Covid viene rilevato nel 32% e i virus del raffreddore nel 21%.
  • I virus che causano malattie respiratorie rappresentano solo il 3,9%, ma la tendenza è in aumento.
  • Un infettivologo mette in guardia dalle cancellazioni nei trasporti pubblici e negli ospedali, che saranno sovraccarichi a causa delle infezioni e del personale malato.

Un'ondata di malattie sta colpendo la Svizzera. È particolarmente evidente nelle aziende di trasporto, le cui assenze sono molto numerose. Questo è pure visibile attraverso una riduzione dei servizi. Tuttavia anche le strutture sanitarie e altri settori sono colpiti perché i dipendenti si danno malati.

Un infettivologo ha spiegato a «20 Minuten» che era prevedibile che quest'inverno ci sarebbero state più assenze rispetto allo scorso: «Durante la pandemia, il numero di infezioni da agenti patogeni comuni come i virus dell'influenza o dell'RSV, il virus respiratorio scinziale, è diminuito drasticamente grazie alle misure igieniche e di protezione», spiega Andreas Widmer.

Dopo la revoca delle misure, l'immunità è diminuita, mentre i virus sono mutati. Il fatto che gli svizzeri siano oggi più suscettibili alle infezioni di quanto non lo fossero all'epoca ha conseguenze in vari ambiti.

Un tampone su tre è Covid

«I reparti di pronto soccorso saranno sovraccarichi sia per la mancanza di personale che per le infezioni», prevede Widmer. «Potrebbero esserci più cancellazioni o ritardi nei servizi ferroviari». L'infettivologo consiglia di sottoporsi alle vaccinazioni raccomandate dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

L'attuale distribuzione spaziale delle infezioni da Covid confermate in Svizzera.
L'attuale distribuzione spaziale delle infezioni da Covid confermate in Svizzera.
BAG

L'UFSP raccomanda attualmente di vaccinare contro l'influenza le persone di età superiore ai 65 anni affette da malattie croniche o da immunodeficienza.

La raccomandazione vale anche per le donne in gravidanza e per le persone a contatto con persone a rischio di età superiore ai 65 anni.

Secondo l'UFSP, pure tutti gli ultrasessantacinquenni e le persone di 16 anni e più affette da malattie croniche dovrebbero sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid

Attualmente, il SARS-CoV-2 viene rilevato nel 32% dei tamponi nasofaringei e i rinovirus, che causano il raffreddore, nel 21% dei casi, scrive «20 Minuten» in riferimento all'UFSP.

Il virus RS, noto anche come RSV, è stato rilevato nel 3,9% dei campioni: questo virus respiratorio sinciziale umano causa malattie respiratorie. La tendenza è in aumento. La stagione influenzale è appena iniziata.

Le aziende di trasporto sono particolarmente colpite

Eppure sta già avendo un impatto, soprattutto nei luoghi in cui le persone hanno molti contatti con gli altri. Le aziende di trasporto sono le prime vittime dell'ondata emergente della malattia.

Zeitliche Entwicklungen der bestätigten Corona-Infektionen. 
Zeitliche Entwicklungen der bestätigten Corona-Infektionen. 
BAG

«Negli ultimi giorni la situazione è peggiorata a tal punto che il dipartimento responsabile dell'azienda di trasporti pubblici di Lucerna ha dovuto cancellare diverse corse con breve preavviso», denuncia il portavoce Sämi Deubelbeiss.

La situazione è «tesa» anche presso l'azienda di trasporti di Basilea, afferma il portavoce Matthias Steiger in un'intervista a 20 Minuten.

Anche l'azienda di trasporti di Zurigo sta registrando un numero maggiore di cancellazioni: con il cambio di orario del 10 dicembre, il servizio su alcune linee, come il tram 15, dovrà essere limitato.