Arriva il freddo: iniziamo a mangiare meglio

CoverMedia

8.10.2020 - 16:09

Autumnal part of international flower exhibition Flora Olomouc starts in Olomouc, Czech Republic, on Thursday, October 4, 2018. (CTK Photo/Ludek Perina) Where: Olomouc, Czech Republic When: 04 Oct 2018 Credit: Cover Images/CTK **CZECH REPUBLIC OUT,SLOVAKIA OUT**
Source: Cover Images/CTK

Proteggiamo il nostro sistema immunitario con i consigli degli esperti.

Le giornate sono già cortissime rispetto al mese scorso, e con le temperature in calo, è bene prevenire le influenze e i raffreddori. Da dove partire? Dall’alimentazione, ovviamente.

Ecco le dritte di Lisa Borg, nutrizionista di Pulse Light Clinic.

«Un'alimentazione povera è causa di una povera nutrizione, e conseguentemente di cattiva salute», ha dichiarato la specialista a Cover Media. «L'inverno è spesso la stagione più difficile per il sistema immunitario, e quest’anno è una sfida ancora più dura per via della pandemia del Covid-19».

E allora, prepariamoci a fare incetta di frutta e verdura, e di tanto in tanto un buon detox per riscattare la nostra salute.

«Io consiglio sempre di fare un breve detox alla fine di ogni stagione, in preparazione della seguente. In particolare se passiamo dall’estate all’autunno e dall’inverno alla primavera», continua Lisa. «Possiamo stimolare naturalmente la purificazione del nostro organismo consumando prodotti freschi, coltivati localmente, di stagione. L’enfasi è qui: prodotti di stagione. Mangiare cibi fuori stagione significa coltivazione forzata e viaggi di centinaia, spesso migliaia, di chilometri per raggiungere le nostre tavole. Questi cibi di solito sono meno nutritivi e anche meno saporiti».

Gli alimenti che non devono mai mancare nella nostra lista della spesa sono: mele, zucca, sedano, aglio e cipolle, porri, barbabietola, zucchine e funghi. Prepariamo regolarmente anche cereali integrali e legumi.

L’ultimo consiglio dell’esperta è di godere il più possibile degli ultimi raggi di sole caldi.

«Facciamo uno sforzo per restare ogni giorno un po' sotto la luce naturale», dice Lisa. «La luce naturale ha un influenza potentissima sulla sintesi dei neurotrasmettitori (ottimi per l’umore), sul sonno e sul ritmo circadiano, sul peso corporeo, sui livelli di energia e sulla produzione di collagene».

Consideriamo anche un supplemento di vitamina D, se necessario, da novembre/dicembre a marzo.

Tornare alla home page

CoverMedia