Deodorante: tanti giovani non lo usano

CoverMedia

27.6.2019 - 16:08

young woman holding a deodorant stick under her arm in her bathroom When: 07 Apr 2014
Source: Covermedia

I ricercatori di YouGov apprezzano l’idea di Justin Bieber di lanciare un nuovo prodotto antitraspirante.

Circa la metà dei giovani negli Stati Uniti non usano il deodorante. Così riportano gli esperti di YouGov, secondo cui poco meno del 40% dei giovani tra i 18 e i 24 anni non ha applicato questo prodotto per l’igiene personale nemmeno una volta nel corso dell’ultimo mese.

Per i ragazzi tra i 25 e i 34 anni, invece, la situazione migliora: solo il 31% non ha usato il deodorante, mentre tra i 35enni e i 44enni, la percentuale cala ancora, al 22%. La maggior parte degli adulti tra i 45 e i 54 anni, invece, usa il prodotto regolarmente.

I ricercatori hanno osservato anche che oltre il 37% dei giovani tra i 25 e i 34 anni non ha acquistato un deodorante nel corso dell’anno, e lo stesso vale per il 48% dei ragazzi appartenenti alla fascia d’età più giovane.

«Non che i millennials (nati tra i primi anni degli ‘80 e metà dei ’90) e la Gen Z (quelli nati alla fine dei ’90 e la metà dei Duemila) pecchino di igiene personale», commenta un portavoce di YouGov. «Le loro abitudini riguardo, per esempio, al lavarsi i capelli sono vicine a quelle della popolazione generale. Ma non usano altrettanto frequentemente il deodorante. Questo forse indica che esiste un target specifico per il marketing del prodotto».

Alla luce di questi risultati, il team di YouGov prevede un grande successo per il prodotto che la popstar Justin Bieber ha intenzione di lanciare sul market alla fine di quest’anno: un deodorante naturale in collaborazione con il brand Schmidt’s. La superstar di «What Do You Mean» ha annunciato il progetto a maggio scorso: sarà un deodorante composto esclusivamente da ingredienti naturali, dunque al 100% vegano.

«Questa è una grossa opportunità per Schmidt's Naturals. Può avere successo in quell’area del mercato che resta scoperta», concludono i ricercatori.

Tornare alla home page

CoverMedia