Digitale & Lifestyle

Genitori: parliamo di sesso ai nostri figli

CoverMedia

9.10.2018 - 16:10

Source: Covermedia

Secondo gli esperti, una sola conversazione sulla delicata questione non è abbastanza.

La maggior parte dei genitori teme l’idea di parlare con i propri figli di precauzioni sessuali. Ma con l’arrivo di un’età più o meno matura dei ragazzi, questa tipica conversazione diventa uno step necessario verso la promozione di una vita sessuale sana e la prevenzione di tante malattie (oltre che gravidanze indesiderate).

Secondo la professoressa Laura Padilla-Walker della Brigham Young University, tuttavia, questa «chiacchierata» non deve avvenire una volta solo.

«La nostra cultura oggigiorno è altamente sessualizzata, dunque i bambini imparano le cose legate alla sessualità ad un’età giovanissima», ha spiegato la dottoressa. «La nostra ricerca indica che i genitori possono efficacemente insegnare questi temi ai propri figli in una maniera adeguata dal punto di vista dello sviluppo, ma ciò non avviene se i genitori ne parlano solo una volta, soprattutto se la conversazione è spesso scomoda e unilaterale».

Lo studio ha coinvolto quasi 500 adolescenti dai 14 ai 18 anni, le loro mamme e oltre 300 padri, monitorando i progressi nel dialogo e nella comunicazione in famiglia ogni anno per 10 anni.

Secondo i risultati, i giovani che, all’età di 21 anni, avevano una vita sessuale sana e responsabile, erano cresciuti in una famiglia che comunicava e conversava più apertamente sulle tematiche sessuali.

«Sia che i genitori parlino oppure no, i figli generalmente tendono a non comunicare tanto», ha continuato la Padilla-Walker. «Dunque sono i genitori che hanno bisogno di aumentare i livelli di comunicazione, anche se credono sia un compito imbarazzante e inadeguato… I genitori dovrebbero parlare con frequenza di tanti aspetti diversi della sessualità, in modo da aiutare i figli a sentirsi a loro agio, ascoltati, e mai in imbarazzo».

La ricerca è stata pubblicata per intero nella rivista scientifica Journal of Adolescent Health.

Tornare alla home page

CoverMedia