Salute Mangiare pomodori può migliorare il microbiota dell'intestino

Covermedia

21.11.2022 - 16:00

Secondo i ricercatori, seguire una dieta ricca di questo frutto può contribuire ad aumentare la diversità del microbiota intestinale.

Covermedia

21.11.2022 - 16:00

Quando si tratta di migliorare la salute dell'intestino, gli esperti di dieta suggeriscono spesso di provare alimenti probiotici come lo yogurt e il kimchi.

Tuttavia, potrebbe esserci un altro alimento da aggiungere all'elenco: i pomodori.

Secondo i ricercatori della Ohio State University, seguire una dieta ricca di questo frutto può contribuire ad aumentare la diversità del microbiota intestinale.

I pomodori migliorerebbero il microbiota intestinale

In uno studio condotto su giovani maiali, il team ha scoperto che dopo aver mangiato molti pomodori per due settimane, gli animali avevano alterato i batteri intestinali.

«È possibile che i pomodori apportino benefici attraverso la modulazione del microbioma intestinale», ha dichiarato l'autrice senior Jessica Cooperstone.

«I modelli dietetici complessivi sono stati associati a differenze nella composizione del microbioma, ma gli effetti specifici degli alimenti non sono stati studiati molto. In definitiva, vorremmo identificare negli esseri umani il ruolo di questi particolari microrganismi e come potrebbero contribuire a potenziali esiti positivi sulla salute».

«Più lavori di questo tipo a lungo termine nell'uomo»

Jessica e i suoi colleghi vogliono intraprendere studi simili sulle persone e cercare collegamenti tra i pomodori e i cambiamenti del microbioma intestinale umano.

«Abbiamo caratterizzato quali microbi sono presenti e come la loro abbondanza relativa è cambiata assumendo pomodori. Per capire veramente i meccanismi, dobbiamo fare più lavori di questo tipo a lungo termine nell'uomo. Vogliamo anche capire la complessa interazione: come il consumo di questi alimenti cambia la composizione dei microbi presenti e, dal punto di vista funzionale, come agiscono», ha aggiunto.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Microbiology Spectrum.

Covermedia