Malattie cardiache

Mangiare un avocado a settimana può aiutare

Covermedia

20.4.2022 - 16:10

Chi ingerisce almeno un avocado a settimana ha un rischio inferiore del 16% di contrarre malattie cardiovascolari.

Covermedia

20.4.2022 - 16:10

Secondo una nuova ricerca, mangiare un avocado alla settimana può ridurre di un quinto il rischio di malattie cardiache.

Chi mangia almeno mezzo avocado a settimana, ha un rischio inferiore del 16% di contrarre malattie cardiovascolari (CVD) e un rischio inferiore del 21% di incappare in malattie coronariche, rispetto a chi non lo fa.

Gli scienziati hanno scoperto che sostituire la metà della porzione giornaliera di margarina, burro, uova, yogurt, formaggio o carni lavorate con la quantità equivalente di avocado è associata a un rischio di CVD inferiore dal 16% al 22%.

La dott.ssa Lorena Pacheco, autrice principale della Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, negli Stati Uniti, ha commentato: «Il nostro studio fornisce ulteriori prove che l'assunzione di grassi insaturi di origine vegetale può migliorare la qualità della dieta ed è una componente importante nella prevenzione delle malattie cardiovascolari».

La dott.ssa Pacheco e il suo team hanno utilizzato i dati di oltre 68.000 donne e 41.000 uomini coinvolti in due studi a lungo termine. All'inizio degli studi i partecipanti non avevano cancro, malattie coronariche e ictus e hanno completato questionari dietetici ogni quattro anni per 30 anni.

I ricercatori non hanno osservato associazioni significative tra consumo di avocado e ictus. Inoltre, non hanno riscontrato differenze nella riduzione del rischio quando una porzione di avocado è stata scambiata con una porzione equivalente di olio d'oliva, noci e altri oli vegetali.

«Nessun cibo dovrebbe essere consumato di routine in una dieta sana, tuttavia questo studio è la prova che gli avocado hanno possibili benefici per la salute», ha affermato la dott.ssa Cheryl Anderson, presidente del Council on Epidemiology and Prevention dell'American Heart Association.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of American Heart Association.

Covermedia