Relazioni

Più rotture in inverno, l'esperta: «A Natale c'è una certa pressione»

Bruno Bötschi

27.11.2022

Il film di Netflix «Storia di matrimonio», interpretato da Scarlett Johansson e Adam Driver, mostra cosa succede quando i piani di carriera di una coppia portano alla fine del loro matrimonio.
Il film di Netflix «Storia di matrimonio», interpretato da Scarlett Johansson e Adam Driver, mostra cosa succede quando i piani di carriera di una coppia portano alla fine del loro matrimonio.
Netflix

Statisticamente parlando, prima di Natale la gente si lascia di più. Come mai tante relazioni falliscono proprio prima della festa dell'amore? Le risposte della consulente sessuale e di coppia Bettina Disler.

Bruno Bötschi

27.11.2022

Bettina Disler, le piace andare al lavoro?

Molto. Perché me lo chiede?

In un lavoro uno potrebbe avere a che fare con persone felici e non solo con coppie con problemi.

Il fatto è che le coppie che vengono da me cercano un cambiamento nella loro relazione. Vogliono risolvere un problema, cosa che trovo estremamente eccitante, anche perché hanno degli obiettivi e quindi tanta motivazione. Penso che accompagnare le persone nel loro percorso sia una delle cose più belle del mio lavoro.

È vero che alla fine dell'autunno, poco prima di Natale, le coppie si lasciano più del solito?

Non tengo statistiche al riguardo. Ma noto che c'è una certa pressione subito dopo le vacanze estive e intorno a Natale.

Esistono persino studi che lo dimostrano. Gli psicologi sociali hanno svolto un'indagine, per un periodo di tempo più lungo, guardando ai profili di Facebook e allo «stato relazionale». Hanno scoperto che c'è una vera e propria ondata di rotture nel periodo natalizio.

L'esperta Bettina Disler
zVg

Bettina Disler è consulente di coppia e sessuale e membro della Società tedesca per la ricerca sessuale (DGfs). Dopo aver studiato regia all'Università delle Arti di Zurigo (ZHdK) e alla New York Film Academy (NYFA), ha diretto opere e numerosi film. È seguito un master in salute sessuale alla Scuola universitaria professionale di Lucerna (HSLU) e numerosi corsi di formazione. Disler vive e lavora a Zurigo.

Spesso le coppie vogliono dare un'altra possibilità alla loro relazione durante le vacanze estive e poi si rendono conto che non c'è più un futuro. La separazione all'inizio dell'inverno ne è inevitabilmente la conseguenza, ma prima di arrivare a tanto, alcune coppie vogliono provare la terapia insieme. Come ultima possibilità, per così dire.

Come riesce a rimanere neutrale e a mantenere le distanze durante la consulenza?

Fa parte del mio ruolo di terapeuta di coppia rimanere sempre neutrale. Per me è importante lavorare insieme per raggiungere gli obiettivi delle persone che si rivolgono a me.

Probabilmente ognuno di noi lo ha vissuto nella propria cerchia di amici: la sensazione che una persona sia rimasta troppo a lungo in una relazione tossica, il bisogno di dirle: «non farti più questo, non porta da nessuna parte». Come affronta queste relazioni come terapeuta?

Mi capita più volte di spiegare ai miei clienti che la terapia non sempre porta a stare insieme, ma può anche concludersi con una separazione. La consulenza di coppia è un'esplorazione tra il rimanere insieme e il lasciarsi.

Cosa scatena nei suoi clienti l'accenno a una possibile separazione ?

Alcune persone sono spaventate, altre dicono: «È per questo che siamo qui». Spesso si discute su quale «collaborazione» debba essere coinvolta nella separazione. Le coppie che hanno figli insieme rimangono genitori per il resto della loro vita. Nell'unione parentale non ci si può separare, ma nell'unione amorosa e sessuale sì.

Facendo riferimento ai suoi oltre 10 anni di esperienza come consulente di coppia e sessuologa, secondo lei, oggi le rotture sono più dignitose di un tempo?

Non posso rispondere a questa domanda. Ma quello che noto sempre di più quando si tratta di separazioni è che in molti casi all'interno di una coppia i partner valutano la situazione della relazione in modo diverso.

Cosa intende?

Faccio un esempio: mentre una persona ha già pensato molto a un'eventuale separazione, l'altra rimane indietro, credendo addirittura che tutto sia ancora uguale. In una situazione del genere, è indispensabile che chi vuole separarsi non aspetti oltre e si attivi per farlo.

Molti studi dimostrano che quasi tutti desiderano il grande amore che duri per sempre. Eppure spesso non funziona. Perché?

Sarebbe più interessante analizzare perché per alcune persone funziona. Osservo anche che sempre più giovani sono convinti che il grande amore non esista. Alcuni vedono quindi la soluzione nell'amare più persone contemporaneamente, cioè nel modello di relazione poliamorosa.

Sarò sfacciato e dirò che più persone in una relazione equivalgono a più problemi.

Dalla mia esperienza pratica posso dire che il modello di relazione poliamorosa non è certo più facile da gestire di quello monogamo. Così come una relazione aperta o il modello scambista portano con sé molte sfide.

C'è mai sicurezza nell'amore?

No. Nella vita nulla è fatto per durare per sempre. Ma è proprio questo che la rende così eccitante.

Lei personalmente crede ancora nel concetto di matrimonio?

Credo nel concetto di amore e ne sono una grande sostenitrice.

Ogni rottura è diversa: ha comunque qualche consiglio su come affrontarla al meglio?

È molto importante che una persona guardi dentro di sé e consideri quale parte ha portato nella relazione e quale no.

È quindi necessaria un'autocritica.

Ecco come stanno le cose: una relazione è sempre composta da due partecipanti, o più. Certo, uno può affermare che il partner sia interamente responsabile della miseria della coppia, ma questo è vero solo in pochi casi.

Nel suo studio probabilmente le capiterà più volte che uno dei due partner sia specializzato nel ruolo di vittima.

È facile assumere la posizione della vittima e sostenere che la colpa di tutto sia dell'altra persona, invece di cercare di assumersi la responsabilità e ammettere di aver contribuito alla situazione.

È mai stata lasciata?

Sì, una volta sono stata «ghostata».

Come scusi?

Ho avuto un partner che è scomparso dalla mia vita da un giorno all'altro, per non farsi più vedere. Allora, però, non sapevo che sarebbe nato un termine per definire questa dinamica.

Torniamo al tema del Natale e delle rotture: al momento com'è la situazione tra i suoi clienti?

Naturalmente ci sono coppie che vengono da me perché dicono di essere agli sgoccioli. Ma c'è anche chi viene da me regolarmente da anni...

... perché la crisi non passa mai?

No (ride). Vengono regolarmente perché vogliono evitare di entrare nuovamente in una crisi grave.

Quanto spesso si rivolgono a lei queste coppie?

Da una a quattro volte l'anno.

Sono ancora le donne a dare la maggior parte dell'impulso alla terapia?

Non direi: nella mia pratica il rapporto è abbastanza equilibrato.

Si può imparare qualcosa da una relazione per la successiva?

Assolutamente sì. Ma non tutti lo fanno subito.

La conclusione che ho tratto dalla nostra conversazione è che la capacità di avere una relazione non è una cosa scontata.

È così: gestire una relazione è un'arte e nel migliore dei casi lo si fa con molto amore.