Raf Simons: infastidito dalla pressione della stampa da Dior

CoverMedia

25.11.2019 - 13:10

WSJ Magazine 2017 Innovator Awards in New York - Arrivals Featuring: Raf Simons Where: New York, New York, United States When: 02 Nov 2017 Credit: Patricia Schlein/WENN.com
Source: Patricia Schlein/WENN.com

L’ex direttore creativo della maison francese ammette ora di non aver gradito l’interazione con i reporter creata per promuovere ogni collezione.

Mentre era direttore creativo di Dior, Raf Simons non amava la pressione che riceveva dai membri della stampa.

Lo stilista belga ha iniziato la sua carriera nel design di mobili, per poi lanciare il suo omonimo marchio di abbigliamento maschile e in seguito ottenere i ruoli di direttore creativo in Jil Sander, Christian Dior e Calvin Klein.

Riflettendo sulla sua permanenza nella casa di moda francese tra il 2012 e il 2015, Simons ha ammette ora di non aver gradito l’interazione con la stampa creata per promuovere ogni collezione.

«Quando ero da Dior ho sentito una pressione incredibile dalla stampa, sia mentre progettavo che quando ero in studio», rivela Raf Simons secondo WWD, durante un Fashion Talks avvenuto ad Anversa, in Belgio.

«La stampa voleva essere sempre presente, nell’atelier e alle prove degli abiti. Quindi mentre fai tutte le anteprime, devi parlare coi reporter prima dello spettacolo. Non mi è piaciuto per niente», ammette il 51enne.

«Questo avveniva principalmente perché un designer era molto a suo agio. Non critico le persone che lo fanno, ma se sta bene a uno solo, non dovrebbe essere un sistema per tutti».

Nonostante abbia lavorato in case di moda di lusso, Simons ha mantenuto la sua etichetta omonima. Una lezione che ha imparato dalla caduta di John Galliano.

«Verso la fine degli anni Novanta e l'inizio degli anni Duemila, abbiamo ricevuto molte proposte. Ma accettare di vendere una parte dell’azienda è sempre un rischio molto grande», ammette Raf.

«Il più grande esempio è stato per me John Galliano. Ha perso il proprio marchio perché ha venduto la maggioranza ed è qualcosa che non dimenticherò mai».

Tornare alla home page

CoverMedia