A seno nudo in segno di protesta: ecco cos'è accaduto al ballo dell'Opera di Vienna

tsch

15.2.2018

Venerdì scorso, all’Opera di Vienna, l'eleganza ha fatto da padrona. In occasione del ballo dell'Opera, raffinate dame in sublimi abiti da sera e uomini in frac si sono nuovamente riuniti nella sala da ballo più sontuosa del mondo. Perfino la star hollywoodiana Melanie Griffith ne è rimasta soggiogata.

Due giovani capi di governo fra il pubblico, una manifestante mezza nuda e una star di Hollywood affascinata. La 62a edizione del ballo dell'Opera di Vienna è stato una festa sontuosa, punteggiata da momenti politici più o meno discreti. Una militante femminista, per esempio, non ha esitato a metterci del suo: la giovane donna di 25 anni si è presentata sul tappeto rosso dell'Opera completamente nuda dal collo all'ombelico. La sua rivendicazione? Le dimissioni del capo di Stato ucraino Petro Porochenko, che figurava anch'egli fra gli invitati al ballo. Arrestata sul posto, la giovane donna dovrà ora rispondere dell'accusa di offesa al pudore.

Petro Porochenko, 52 anni, era ospite del capo di Stato austriaco Alexander Van der Bellen. Nel corso della serata, si è potuto inoltre assistere al primo ballo del nuovo cancelliere Sebastian Kurz. Invitando il Primo ministro irlandese Leo Varadkar nel suo palco, ha voluto accanto a sé non solo un uomo dichiaratamente gay, ma anche un rappresentante della nuova generazione politica. Sebastian Kurz ha 31 anni e Leo Varadkar 39. Quanto a Susanne Thier, la compagna di Sebastian Kurz, ha dovuto rinunciare a ballare con il proprio compagno. «Non sono un grande appassionato di balli, ma soprattutto sono un pessimo ballerino», ha dichiarato Sebastian Kurz. La sua speranza? Che il ballo, con la sua atmosfera sontuosa, rappresenti un «bel biglietto da visita» per il Paese.

Nel palco del cancelliere, si è potuto scorgere anche l'attivista per i diritti umani Waris Dirie, in un meraviglioso abito rosso. La donna ha, ancora una volta, richiamato l'attenzione sul diritto all'istruzione per le donne africane perché possano opporsi alla brutale tradizione delle mutilazioni genitali. Oltre a Sebastian Kurz, erano presenti all'evento anche altri membri del gabinetto del nuovo governo ÖVP-FPÖ. Quanto al vice-cancelliere e capo dell'FPÖ Heinz-Christian Strache, ha preferito dare la priorità alle vacanze sulla neve.

«Un'invitata da sogno»»

«È meraviglioso» — Melanie Griffith, giunta insieme al presidente d'azienda Richard «Mörtel» Lugner, è rimasta letteralmente soggiogata dai fasti viennesi. La star hollywoodiana di 60 anni («Una donna in carriera») indossava un aderente abito nero dello stilista tunisino Azzedin Alaia. Nonostante il capo avesse già 20 anni, l'attrice ha scelto di indossarlo proprio per omaggiare il suo creatore, scomparso nel 2017. In ogni caso non si è trattato di una presa di posizione in seno al dibattito #MeToo come era accaduto durante i Golden Globe, quando numerose attrici avevano scelto di indossare il nero in segno di solidarietà nei confronti delle vittime di abusi sessuali. «È una delle donne più affascinanti con cui mi sia mai trovato in compagnia. Un'invitata da sogno», ha affermato, entusiasta, Richard Lugner, 85 anni. «È una donna piacevole, alla mano e sempre di ottimo umore», ha dichiarato Lugner a proposito di Melanie Griffith.

Anche la sua «ex moglie» era presente. Cathy Lugner era venuta per divertirsi e cercare di intervistare il suo ex marito. Come ha spiegato la donna di 28 anni, un'emittente privata l'aveva, infatti, assunta come reporter per la serata. Tuttavia il facci a faccia fra i due non è avvenuto. Da quando hanno divorziato un anno fa, Richard e Cathy Lugner si sono letteralmente dichiarati guerra. Oggi, Cathy è tornata a vivere a Düsseldorf e non intende abbandonare il nome del marito finché le farà comodo. «Richard ha cercato di obbligarmi a farlo, ma io gli ho risposto: "Adesso, ho ancora meno voglia di farlo."»

Coloro che pensavano che, in presenza del nuovo governo conservatore di destra, le manifestazioni contro l’establishment tradizionale organizzate durante il ballo dell'Opera avrebbero avuto nuovo slancio, sono rimasti delusi. La sfilata per le vie della città organizzata dalla Gioventù comunista austriaca (KJÖ) al grido di «Eat the Rich» («Mangia i ricchi») è stata accolta in maniera molto tiepida. Secondo la polizia, ci sarebbero stati appena 100 manifestanti.

Nella lista dei circa 5000 invitati figuravano anche l'attrice inglese Lily James («Cenerentola», «L'ora più buia»), l'attore Heiner Lauterbach, DJ Ötzi, Franco Foda, nuovo allenatore della squadra nazionale di calcio austriaca, e lo stilista Harald Glööckler. Quest'ultimo in particolare si è distinto per la sua voluminosa cresta irochese. Il suo segreto? Dopo essersi rasato la testa, indossa solo parrucchini, ha confidato l'uomo di 52 anni all’ORF. «Domani, tornerò ad essere biondo.»

Tornare alla home page