Robbie Williams: «Nella mia testa c'è una malattia che vuole uccidermi»

tsch

7.3.2018

Depressione, disturbi del comportamento alimentare, tossicomania: la carriera di Robbie Williams è ben lontana dall'essere stata serena. Il cantante evoca oggi con coraggio i problemi psichici di cui soffre.

Che sia con i Take That o come solista, dalla metà degli anni 90, Robbie Williams occupa stabilmente la vetta delle classifiche musicali con le sue canzoni e i suoi album. Tuttavia, la star non ha mai potuto godere pienamente del suo successo: da decine di anni il cantante 44enne soffre di depressione, un male che ha spesso tentato di combattere attraverso le droghe. Oggi, l’interprete di «Angels» è pulito — ma non è ancora guarito, come ha riconosciuto in un'intervista senza filtri.

Nel 2007, Robbie Williams ha rischiato la morte.

«Nella testa ho una malattia che vuole uccidermi», ha dichiarato Robbie Williams al «Sun». «Mi devo proteggere da questo male». È stato all'età di 19 anni che l'artista per la prima volta si è reso conto di avere un problema. All'epoca, faceva uso di droghe e alcool per occultarla. Elton John fu il primo a mandare Robbie, che all'epoca aveva 20 anni, in un centro di disintossicazione. Non è bastato questo, dato che si sono moltiplicate le ricadute del cantante. Quando nel 2007, il giorno del suo 33esimo compleanno, era stato di nuovo ricoverato in ospedale, «era sulla soglia dell'abisso». E non si è trattato della prima volta: «Con tutto quello che mi sono inflitto, ho già rischiato la vita a più riprese».

Sua moglie l'ha salvato

Robbie soffre di stati ansiosi, di disturbi del comportamento alimentare e di paura del palcoscenico — soprattutto quando è solo: «Quando mi ritrovo solo, ho la tendenza a distruggere». La sua vita sarebbe tanto tumultuosa quanto quella del suo collega George Michael, morto a Natale 2016.

Sua moglie gli ha salvato la vita

Durante il suo primo appuntamento con Ayda Field, era completamente sconvolto, racconta Robbie Williams. Tuttavia, il comportamento del cantante non ha per nulla spaventato l’attrice.

Se è ancora in vita oggi, è unicamente grazie alla sua «salvatrice» — sua moglie Ayda Field (38 anni). Anche se durante il loro primo appuntamento, Robbie era così scioccato che «ridacchiava come un pollo», l'attrice non si è data alla fuga. Al contrario: «Mi ha aiutato a riprendermi, mi ha dato esattamente ciò di cui avevo bisogno in quel momento. Un po' d’amore», ricorda il cantante, ritornando sugli inizi della sua relazione con Ayda, che ha sposato nel 2010. «Le ho mostrato la peggiore sfaccettatura della mia personalità dalla prima sera, ma stranamente questa mia immagine non l'ha raffreddata.» La coppia oggi ha due bambini, una responsabilità che motiva Robbie Williams a prendersi cura di sé.

Tornare alla home page