Polemica J.K, Rowling attacca Starmer sulle persone transgender: «Abbandona le donne»

SDA

22.6.2024 - 17:52

La scrittrice JK Rowling ha accusato il partito guidato da Sir Keir Starmer di avere un approccio «sprezzante e spesso offensivo» nei confronti dei problemi delle donne (foto d'archivio).
La scrittrice JK Rowling ha accusato il partito guidato da Sir Keir Starmer di avere un approccio «sprezzante e spesso offensivo» nei confronti dei problemi delle donne (foto d'archivio).
Keystone

J.K. Rowling, la celebre autrice della serie di romanzi di Harry Potter, ha criticato il Labour Party per aver «abbandonato» le donne a causa della sua posizione sui diritti delle persone transgender.

22.6.2024 - 17:52

In un articolo sul Times, ha sostenuto che avrebbe difficoltà a votare per Sir Keir Starmer, aggiungendo di avere una «scarsa opinione» nei suoi confronti.

L'ex donatrice del partito laburista ha accusato il partito guidato da Sir Keir di avere un approccio «sprezzante e spesso offensivo» nei confronti dei problemi delle donne.

Rispondendo a una domanda sulle parole di Rowling, Sir Keir ha evitato polemiche: «La rispetto e vorrei sottolineare la lunga esperienza che il Labour ha nel governo nell'approvare leggi davvero importanti che hanno rafforzato i diritti delle donne».

Quindi ha aggiunto che «queste sfide non sono mai finite» e che «ulteriori progressi» sono stati indicati nel manifesto elettorale del suo partito.

Un dibattito «molto tossico, molto divisivo, molto duro»

I commenti della Rowling sono arrivati dopo che Starmer sembrava avesse cambiato la sua posizione sui diritti dei transgender nello speciale elettorale della BBC Question Time di giovedì.

Già l'anno scorso il leader laburista affermò che «il 99,9% delle donne» non ha un pene e nel 2021 disse che «non era giusto» che la deputata laburista Rosie Duffield affermasse che «solo le donne hanno la cervice».

Infine, giovedì sera, ha detto di essere d'accordo con la posizione dell'ex leader laburista Tony Blair su questo tema, ribadendo che «biologicamente, una donna è con una vagina e un uomo è con un pene».

Alla domanda sui suoi precedenti commenti sulla Duffield, ha detto che il dibattito in quel momento era diventato «molto tossico, molto divisivo, molto duro».

«Stiamo parlando del diritto delle donne a far valere i propri confini»

Nel suo articolo sul Times, la Rowling ha tenuto il punto: «L'impressione data da Starmer durante il dibattito tv di giovedì era che ci fosse stato qualcosa di scortese, qualcosa di tossico, qualcosa di duro nelle parole di Rosie, e che invece, parole quasi identiche, suonavano perfettamente ragionevoli quando pronunciate da Tony Blair».

«Per le donne di sinistra come me – ha concluso – non è mai stato un problema che le persone trans godano dei diritti di ogni altro cittadino e siano libere di presentarsi e identificarsi come desiderano. Stiamo parlando del diritto delle donne e delle ragazze a far valere i propri confini».

SDA