Spettacolo

Luca Argentero: cinico e spietato in «Cosa fai a Capodanno»

CoverMedia

13.11.2018 - 13:12

Source: Covermedia

Dal 15 novembre arriva nelle sale il primo “cinepanettone avvelenato” diretto da Filippo Bologna, che porta in scena un noir ambientato in una baita di montagna.

Luca Argentero sta per arrivare sul grande schermo nell’atteso «Cosa fai a Capodanno».

Un “cinepanettone avvelenato” diretto da Filippo Bologna che porta in scena il suo primo noir ambientato in una baita di montagna affollata da un eterogeneo gruppo di persone, tra cui scambisti risoluti, ladri, una raffinata donna borghese con toy boy e un anziano politico razzista su sedia a rotelle con tanto di giovane compagna.

A vestire i panni del mariolo è l’attore piemontese nei panni di Mirko, affiancato dalla compagna di disavventura Ilenia Pastorelli.

«Mirko è un uomo meschino, senza alcuna possibilità di redenzione. In questi 15 anni di carriera non mi è capitato molto spesso un ruolo di questo tipo. Di solito un personaggio inizia in un modo e poi si riscatta, ma in questo film non accade», racconta Luca Argentero a Leggo.

La pellicola che arriva nelle sale dal 15 novembre, strizza l’occhio alle produzioni dei Fratelli Coen e di Tarantino come al cinema horror e western, contaminazione che secondo il regista è perfettamente natalizia.

«Il cinepanettone tradizionale è legato a un'Italia che non esiste più», ha dichiarato Filippo Bologna all’Ansa.

«Niente da dire su questo tipo di prodotti che hanno un'importante funzione sociale, ma io volevo fare un cinepanettone anomalo, un cinepanettone pieno di veleno di topi».

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia