Spettacolo

Paolo Genovese: «Non voglio parlare di molestie»

CoverMedia

16.1.2018 - 13:11

Covermedia

Il regista di «Immaturi» ha espresso un sonoro «no comment» sullo scottante argomento che ha imporporato il mondo dello spettacolo.

No comment da parte di Paolo Genovese sullo scandalo molestie che ha colpito il mondo dello spettacolo.

L’unica dichiarazione rilasciata dal regista a Davide Maggio è cauta.

«Non ho voglia di parlare del caso molestie. È sbagliato quello che stai facendo, credimi. Che cosa ti posso dire io? Perché diventa gossip, è un argomento come un omicidio, una cosa grave. “Che ne pensi?” Non abbiamo gli strumenti, possiamo parlare quando abbiamo gli strumenti certi per dire la nostra», spiega Genovese con tono asciutto, aggiungendo: «Ci vuole molto rispetto per qualunque tipo di argomento che va a stravolgere la vita delle persone».

Il cineasta è autore del film «Immaturi», a cui è aspirata la serie tv «Immaturi - la serie» diretta da Rolando Ravello.

«È bello quando riprende vita un film a cui sono super legato, affezionato. L’idea che torni in vita mi piace, mi andava di continuare a raccontare questa storia. “Immaturi” 1 e 2 hanno avuto un enorme successo, tutti ci chiedevano il terzo e invece noi facciamo la serie perché c’era ancora qualcosa da raccontare. Quello è il senso: se un film ha ancora qualcosa da raccontare va bene che venga serializzato, altrimenti no».

Tornare alla home page

CoverMedia