Phil Collins: arrestato in Brasile

CoverMedia

22.2.2018 - 09:33

Source: Covermedia

Il musicista ha trascorso alcune ore in una cella dell’aeroporto di Rio de Janeiro: era sprovvisto di permesso di lavoro.

Brutta disavventura per Phil Collins in Brasile.

Come riportato dal Daily Mirror, nella giornata di martedì, 20 febbraio, l’ex frontman dei Genesis è stato fermato all’Aeroporto Internazionale “Galeao” di Rio de Janeiro perché sprovvisto di permesso di lavoro.

L’artista infatti non si era recato nella città carioca in vacanza, ma per esibirsi nell’iconico stadio Maracanà, tappa facente parte del suo Not Dead Yet Tour.

Dopo un’ora trascorsa nella cella della polizia federale dell’aeroporto, Phil è stato rilasciato e, stasera, intratterrà regolarmente i fan che accorreranno numerosi nell’impianto sportivo.

Phil è atteso anche a San Paolo e a Porto Alegre. Dopodiché il suo tour si sposterà in Messico, per completare le 14 date previste tra Centro e Sud America.

Phil è tornato sul palco lo scorso anno, nonostante alcuni mesi prima avesse annunciato il suo ritiro dalle scene.

L’artista si è esibito l’estate scorsa al British Summer Time Hyde Park, a Londra, dove ha cantato alcuni tra i suoi pezzi più celebri, tra cui Air Tonight, Easy Lover e Another Day in Paradise.

«Lo so, avevo detto che non sarei più salito su un palco - ha detto alla folla il cantante, motivando le ragioni del suo ritorno -. Ma la verità è che mi mancavate. Quindi, divertiamoci!».

Il «ritiro», annunciato nell’ottobre 2016, è durato ben poco: nel giugno dell’anno successivo infatti Phil era già partito per il Not Dead Yet Tour.

Sul suo arresto in Brasile, al momento, Collins non ha rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale.

Tornare alla home page

CoverMedia