Tiziano Ferro assolto dalle accuse reati fiscali

CoverMedia

19.12.2017 - 11:13

Covermedia

Il Tribunale di Latina ha assolto il cantante con la formula «perchè il fatto non sussiste».

Tiziano Ferro è stato assolto da ogni accusa di evasione fiscale.

Il cantante, indagato dalla procura di Latina per evasione in seguito al suo trasferimento di domicilio dall’Italia a Manchester tra il 2006 e il 2008 sottraendosi alla tassazione italiana, ha subito un accurato controllo da parte del fisco, che lo accusava di di un'evasione fiscale da oltre 3 milioni di euro per avere trasferito fittiziamente la propria residenza in Gran Bretagna, ma infine è stato prosciolto con la formula «perché il fatto non sussiste».

«Durante il dibattimento è emerso nitidamente e inequivocabilmente che nel trasferimento fiscale non c’era assolutamente nulla di fittizio e che la condotta di Tiziano Ferro è sempre stata improntata alla massima trasparenza e correttezza», ha dichiarato il giudice in una nota legale, secondo l’AdnKronos, assolvendo Tiziano Ferro con la più ampia formula prevista dal codice.

I presunti reati fiscali di Ferro sono stati anche al centro di una querelle con Fedez, che ha dedicato al fatto una rima nel brano «Comunisti col rolex»: «Tiziano Ferro si è comprato l’attico di fianco a Fedez / con i soldi risparmiati a cena con il fisco inglese», scatenando una compassata reazione di Tiziano: «Ognuno fa il suo mestiere, il mio è il cantante».

Tornare alla home page

CoverMedia