Attore e ballerino prestato al calcio

Ecco la più divertente simulazione della stagione

bfi

14.8.2022

Afolabi in scena...
Afolabi in scena...
twitter

Il siparietto messo in scena da un calciatore della Premier League malese è diventato virale. Uno spettacolo durato 40 secondi, tra i più esilaranti dell'anno.

bfi

14.8.2022

Sunday Afolabi, giocatore della Premier League malese che veste la maglia del Perak FC, sta facendo ridere i tifosi di mezzo mondo grazie alle sue 'buffonate' messe in scena nelle fasi finali della vittoria a sorpresa contro il Kelentan di mercoledì pomeriggio.

Il Perak, sceso in campo da penultimo in classifica, si è trovato di fronte il leader del campionato, il Kelentan appunto. Ma dopo essere andati in svantaggio di un gol all'inizio, i padroni di casa si sono ritrovati in vantaggio per 2-1.

Il Perak ha resistito fino alla fine dell'incontro conquistando una vittoria inaspettata. Come inaspettato è stato il divertente siparietto messo in scena dal suo giocatore, Sunday Afolabi.

La sceneggiata di Sunday Afolabi

Il tutto è successo a cinque minuti dal termine della sfida, quando il numero 2 Afolabi ha fatto la sua migliore imitazione di Jesse Lingard e Neymar nella stessa sequenza.

Mentre la sua squadra si preparava a battere un corner, il 23enne difensore nigeriano si è messo a ballare nell'area avversaria in direzione del settore dove si trovavano i tifosi avversari. Discutibile.

Poi, colui che nel corso della scorsa stagione ha cambiato ben tre maglie, ha ballato anche in faccia al suo avversario più vicino, rimbalzando come se fosse stato a un rave party.

Il suo avversario, nemmeno troppo infastidito, lo ha spinto leggermente pestandogli accidentalmente il piede, e da qui è partita la seconda parte della sceneggiata.

Il nigeriano si è gettato a terra come se fosse stato travolto da un tir. Una volta a terra ha iniziato a rotolarsi, toccandosi il piede per aumentare la teatralità del suo spettacolo. Discutibile.

Alcuni dei giocatori nelle vicinanze non l'hanno presa bene, anche se un paio di loro hanno mostrato preoccupazione pensando che il difensore fosse davvero ferito.

Uno spettacolo degno del miglior attore drammatico insomma, anticipato dalle movenze di un ballerino, alla ricerca di un po' di tempo da perdere, prezioso per finire la partita.

Dopo il novantesimo però, il direttore di gara ha aggiunto ben sette minuti, quasi sicuramente a causa del tempo trascorso da Afolabi a rotolarsi sul campo. Tempo che comunque non è bastato ai primi della classe per avere la meglio sul Perak di Afolabi.