Lionel Messi

Ecco le 9 richieste che il Barcellona in parte non poté soddisfare

bfi

22.9.2022

Lionel Messi piange durante la conferenza stampa dell'8 agosto 2021 in cui ha annunciato di lasciare il Camp Nou per stabilirsi al Parc des Princes di Parigi. 
Lionel Messi piange durante la conferenza stampa dell'8 agosto 2021 in cui ha annunciato di lasciare il Camp Nou per stabilirsi al Parc des Princes di Parigi. 
KEYSTONE

El Mundo ha scoperto una serie di e-mail tra il padre di Messi, il suo avvocato e il presidente del Barcellona in cui vengono rivelate le richieste dell'argentino. Due di esse non furono soddisfatte e la Pulga scelse Parigi. 

bfi

22.9.2022

Il figlio prediletto del Barcellona, Lionel Messi, uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi, ha lasciato il suo amato club nell'estate del 2021.

Il club stava cercando di prolungare il contratto dell'argentino, ma le due parti non sono riuscite a trovare un accordo.

Secondo quanto riportato da El Mundo il motivo è che il Barcellona non è riuscito a soddisfare tutte le nove richieste contrattuali de la Pulga.

Le 9 richieste di Messi

1. Prolungamento di contratto di tre anni: avendo all'epoca solo 33 anni ed essendo probabilmente il miglior giocatore del mondo, un prolungamento di tre anni è sembrata una richiesta ragionevole da parte di Messi. Accettata.

2. Un box privato per la sua famiglia e quella di Luis Suarez al Camp Nou: forse esagerato chiedere favori anche per un amico, ma se c'è qualcuno che si è guadagnato il diritto a un box, forse due, al Camp Nou, quello è lui. Accettata.

Leo Messi (sinistra) e Luis Suarez compagni al Barcellona (2019)
Leo Messi (sinistra) e Luis Suarez compagni al Barcellona (2019)
KEYSTONE

3. Bonus di 10 milioni di euro per il rinnovo: il Barca purtroppo non aveva i fondi necessari per soddisfare la richiesta dell'argentino e quindi non ha potuto accettare i termini. 

4. Eliminazione della clausola di svincolo: Messi aveva richiesto che la sua clausola di uscita di 700 milioni di euro fosse ridotta a soli 10'000 euro. Anche in questo caso il Barca ha respinto la richiesta.

5. Rimborso dei tagli salariali con gli interessi: l'intera squadra blaugrana aveva subito una riduzione di stipendio per aiutare il club a superare le difficoltà dovute alla pandemia da Covid-19. L'argentino voleva che i suoi stipendi fossero rimborsati con un interesse del 3%. Accettata.

6. Un aereo privato per volare in Argentina: Messi ha richiesto un aereo privato per lui e la sua famiglia durante il periodo natalizio, in modo da poter tornare in Sudamerica. Accettata.

La famiglia Messi alla consegna del Pallone d'Oro 2021
La famiglia Messi alla consegna del Pallone d'Oro 2021
Getty Images

7. Aumento di stipendio con tasse: Nel caso in cui il governo spagnolo avesse aumentato le tasse, Messi voleva essere protetto da eventuali costi personali aggiuntivi e quindi ha chiesto al Barca di coprire la differenza attraverso il suo stipendio per assicurarsi di mantenere lo stesso stipendio netto. Accettata.

8. Continuità dell'assistente personale: la posizione dell'assistente personale di Messi, Pepe Costa, era in pericolo a causa delle difficoltà finanziarie del club. La richiesta era stata accettata dal club.

Lionel Messi (sinistra) e Pepe Costa al Parc des Princes di Parigi (2021)
Lionel Messi (sinistra) e Pepe Costa al Parc des Princes di Parigi (2021)
Getty Images

9. Commissione al fratello: il numero 10 voleva che suo fratello Rodrigo ricevesse una commissione come parte del suo bonus di rinnovo. La società catalana accettò anche questo punto. 

Secondo El Mundo dunque, Josep Bartomeu, presidente del Barcellona, aveva accettato tutte le richieste della sua stella, tranne due: bonus d'ingaggio e riduzione massiccia della clausola di svincolo. Rifiuti questi che avrebbero convinto Messi - e il suo entourage - ad accettare altre allettati proposte.

L'estate successiva Messi è diventato un giocatore del Paris Saint-Germain.